Resta in contatto

News

QL – I “segreti” di Sticchi Damiani: tifosi, proposte e futuro (lontano)…

Il presidente giallorosso, tra i tanti temi affrontati nell’intervista al Nuovo Quotidiano di Puglia, ha ringraziato ancora una volta i tifosi per l’affetto dimostrato e, sollecitato da qualche domanda, confessato altri aspetti.

Saverio Sticchi Damiani, il creatore della compagine societaria dell’U.S. Lecce e il simbolo del nuovo e felice corso societario, ha parlato a tutto tondo sulle colonne del quotidiano leccese. Inevitabilmente, si è toccato l’argomento boom abbonamenti, ma non solo.

TIFO. “I complimenti della gente mi danno entusiasmo ed energia, in questi tre anni ho svolto il mio ruolo di presidente cercando di occuparmi di tutto, ma attribuendo grandi responsabilità a chi partecipa alla vita societaria. Oltre a essere tifoso, devo conservare lucidità e razionalità altrimenti diventa più uno svantaggio che altro. I tifosi, invece, è giusto che sognino senza limiti”

SOTTOSCRIZIONI. “17mila tessere sono un numero strabiliante, la prima straordinaria vittoria della nuova stagione. E’ stato un apprezzamento per ciò che abbiamo fatto in questi tre anni. Per noi è motivo di gioia e soddisfazione ma pure di grande responsabilità”

BILANCI. “Guardiamo al risultato sportivo ma senza perdere di vista i bilanci. Lo sbarco in Serie A può indurti a compiere spese folli, ma se non si mantiene la categoria si rischia di danneggiare il club per gli anni successivi“.

COMPAGNI DI VIAGGIO. “Sorpreso di me stesso in quest’avventura? Sì, in questo periodo. Manca poco all’appuntamento di San Siro contro l’Inter e io vivo tutto con grande equilibrio e serenità. Sono supportato dai soci, ho avuto la fortuna di incontrare un d.s. bravo, con il quale c’è grande affinità, e un allenatore dal grande carisma. Ho un rapporto quotidiano con chi svolge il lavoro oscuro, ogni giorno, e non si vede: sono loro la forza del club”.

IMPEGNI NAZIONALI.Entrare a far parte dei vertici del calcio italiano? Non è una mia ambizione, ma sarei disponibile se dovesse essere utile”.

PROPOSTE. “Al calcio italiano ‘propongo’ di limitare al massimo le retrocessioni in modo che le società medio piccole abbiano il coraggio di puntare più sui giovani. Oggi, per competere a tutti i costi, si arrivano a spendere cifre folli per giocatori stranieri normali”.

VIVAIO. “Il salto in A ci ha permesso di investire subito risorse nel nostro vivaio, sono sicuro che vedremo presto buoni frutti con l’ottimo lavoro che sta svolgendo Gennaro Delvecchio”.

UN DOMANI… “Quando non sarò più presidente e tutto sarà finito mi piacerebbe tornare in Curva con mia moglie e con un gruppo di tifosi e amici storici. In tribuna soffriamo troppo. Ora non è il momento, ma quando mi farò da parte accetterò il loro invito”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News