Resta in contatto

Rubriche

La penna in trasferta – Sepe (AreaNapoli.it): “Qui entusiasmo Champions. Il Lecce mi ha esaltato, ma i biglietti…”

Nella rubrica settimanale che coinvolge i colleghi giornalisti, abbiamo ascoltato Alessandro Sepe di AreaNapoli.it per sapere di più cosa si dice nel capoluogo partenopeo. La vittoria contro il Liverpool ha dato una scossa dopo la freddezza nella campagna abbonamenti.

Partiamo dalla grande gioia vissuta in settimana: il Napoli ha battuto il Liverpool campione d’europa iniziando al meglio il girone di Champions League. Che aria si respira in città anche rispetto al passato recente?

“Una grande gioia preceduta da una grande partita, il Napoli ha battuto i Campioni d’Europa praticando un calcio propositivo non perdendo mai l’equilibrio tra i reparti. Una prova di assoluto spessore ben apprezzata anche dalla stampa estera. In città vi è un ritrovato entusiasmo e consapevolezza che il Napoli può competere da protagonista su tutti i fronti. Rispetto al passato c’è maggiore fiducia vista la rosa molto ampia a disposizione di Ancelotti”.

Per la partita di domenica si parla di turnover. Da Ospina per Meret, Malcuit per Di Lorenzo, un turno di stop per Koulibaly e Fabian Ruiz. Come si schiererà secondo te il Napoli al Via del Mare?

“Il Napoli darà sicuramente spazio a Ospina e Malcuit all’esordio assoluto in questa stagione. A sinistra ci sarà Ghoulam. Probabile turno di riposo per Koulibaly, scalpitano Maksimovic e Luperto. A centrocampo Allan e Elmas si contendono una maglia da titolare. Insigne largo a sinistra. In attacco Llorente potrebbe giocare in coppia con Lozano. Possibile turno di riposo per Mertens”.

Rispetto agli altri anni, qual è l’arma in più che hanno gli azzurri per fare il salto di qualità?

“Il salto di qualità sta nella mentalità, la consapevolezza di essere una squadra di qualità e l’esperienza vincente di Carlo Ancelotti sono fondamentali. Il tecnico dopo il primo anno di rodaggio è certo che la squadra può lottare per vincere. Gli innesti di Manolas, Elmas, Lozano e Llorente sono di assoluto spessore”.

Focalizzandoci sulla partita di domenica, quali sono le insidie che nasconde il Lecce secondo voi?

“Il Lecce può contare su un ottimo allenatore come Liverani, che fa giocare le sue squadre a “calcio”, personalmente mi sono esaltato a vedere la vittoria contro il Torino, i pugliesi hanno nettamente meritato. Falco è stato impressionante, ha fatto quello che voleva, grandissima tecnica. Babacar ha dato profondità anche se ha sbagliato molto in fase di finalizzazione. Bene anche Farias e Mancosu. Mi è piaciuta anche la fase difensiva in quanto non vi è stata grande sofferenza contro i granata. L’entusiasmo dei primi tre punti conquistati si potrebbe far sentire anche contro il Napoli”.

Una coda polemica è stata il prezzo dei biglietti per questo derby del sud. Ti aspetti una tifoseria massiccia al Via del Mare? E, più generalmente, al San Paolo c’è fervore, freddezza o continua a espandersi la contestazione verso De Laurentiis?

Il prezzo di 50 euro per un biglietto per un settore ospiti mi sembra davvero eccessivo, non si possono chiedere queste cifre ad un tifoso che già deve sostenere un viaggio per seguire la propria squadra. Se poi ci lamentiamo che gli stadi sono vuoti non ci dobbiamo meravigliare. Il prezzo imposto dal Lecce è assurdo. Per quanto riguarda il San Paolo, che è stato completamente rinnovato, si nota un clima di maggiore rispetto e civiltà verso la struttura che fino alla scorsa stagione versava in condizione precarie. La campagna abbonamenti non è esplosa, ma in media 35-40mila spettatori ci saranno ad ogni gara. De Laurentiis è ben apprezzato da un’ampia fetta di pubblico, solo alcuni gruppi delle curve continuano a contestarlo, qualche coro non manca mai”.

Personalmente, che partita ti aspetti? Cosa conosci di Lecce e del Lecce e se vuoi fare un pronostico

“Mi aspetto una gara nella quale il Napoli proverà a subito a segnare, il Lecce proverà invece a pungere in contropiede. Gli azzurri sono nettamente favoriti, credo nella vittoria, ma non sarà una gara facile. Lecce è una città splendida e molto interessante da punto di vista culturale, il Duomo è una meraviglia, Palazzo Celestini è imponente. C’è tanto turismo e ottimo cibo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Rubriche