Calcio Lecce
Sito appartenente al Network

GdM – Roselli: “Falco? Già ai tempi del Pavia era un trascinatore”

“La rete firmata contro il Sassuolo dal mio ex allievo è stata una prodezza balistica e sono molto contento per lui perché meritava di fare centro anche in A”, ha affermato l’allenatore.

Giorgio Roselli, ex calciatore e allenatore di lungo corso, che ha avuto modo di allenare Filippo Falco, quando il fantasista di Pulsano giocava a Pavia, nella stagione 2011-12 in serie C, parla a La Gazzetta del Mezzogiorno del Filippo giallorosso e del Lecce in generale.

GOL DI PREGEVOLE FATTURA.Le reti rifilate al Sassuolo da Lapadula e Falco sono state due perle. L’ex Milan ha segnato un gol da bomber di razza, con un gesto tecnico fantastico. Quella firmata dal mio ex allievo, invece, è stata una prodezza balistica e sono molto contento per lui perché meritava di fare centro anche in A”.

RICORDI.Era giovanissimo, ma aveva numeri di prim’ordine. Io arrivai a campionato in corso, con la squadra ultima, e lui fu uno dei trascinatori nella rincorsa che ci permise di centrare la salvezza tramite i play out. Segnò 8 gol e servì tanti assist ai compagni. In somma, all’epoca era un calciatore che sembrava destinato ad arrivare in alto e ci è finalmente riuscito proprio con la casacca della società nella quale è cresciuto. Una bella storia. Qualcuno pensava che non fosse da serie A ed invece sta di mostrando di essere in grado di fare la differenza anche nel massimo campionato italiano”.

LAPADULA.In un bar, ho sentito parlare due tifosi genoani che si chiedevano come mai, in rossoblù, l’ex Milan non ha mai realizzato una rete come quella messa a segno con il Sassuolo. Il motivo è semplice. Con il club ligure, il giocatore è stato spesso alle prese con degli acciacchi e nel calcio nessuno è in grado di esprimersi al top se non è a posto sul piano fisico. Circa le sue qualità, non penso che potessero esserci dubbi, in quanto non arriva in una delle big del calcio nazionale se non dispone di numeri di rilievo”.

TROPPI GOL SUBITI DAL LECCE.Un po’ dipende dalla filosofia di gioco, che però è collaudata ed ha già regalato ottimi frutti. Fa quindi bene il trainer romano a proseguire per la propria strada. In parte dipende dal fatto che in serie A gli avversari non perdonano. IL Lecce, però, anche in considerazione di un calendario in salita, è in linea con le aspettative e penso abbia una buona rosa, con la quale raggiungere la permanenza”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il tecnico boemo chiude così a 76 anni una straordinaria carriera, in cui non ha...
Nel corso di questa stagione, la gara con più spettatori sugli spalti è stata...

Dal Network

Il difensore dell’Hellas ha parlato della complessa sfida di venerdì contro il Bologna, ma anche...
Il difensore leccese, condottiero della difesa degli azzurri toscani, ha parlato a Radio Serie A...
Finiscono 1-1 i due match in programma nel pomeriggio. Il Cagliari rimedia un punto nello...
Calcio Lecce