Resta in contatto

Rubriche

Il Lecce e i derby provinciali: che sfide con il Maglie negli anni Cinquanta!

Settant’anni fa, Lecce-Maglie non era solo una delle più importanti arterie stradali del Salento. L’incrocio tutto giallorosso ha scritto la storia della Serie C nella prima metà degli anni ’50.

LA PRIMA PARTITA. Le due parti erano rappresentate dal il Lecce dei presidenti Marcello Chiatante e Umberto Proto e dalla Toma Maglie del patron Sante Cezza nel campionato di Serie C. Correva l’anno 1950 ed il Maglie faceva il suo esordio assoluto, con salvezza tranquilla, nei tornei professionistici. Stagione altrettanto importante per il Lecce, che perfezionava l’acquisto di quel giocatore che sarebbe diventato il bomber più prolifico della sua storia, Anselmo Bislenghi. La gara d’andata al Carlo Pranzo si concluse con un nulla di fatto (0-0), mentre al ritorno la squadra del capoluogo s’impose grazie ad un autogol di Vecchi. I gol dell’indimenticabile ariete lombardo, però, non bastarono al salto in Serie B: il Lecce arrivò terzo dietro a Stabia e Foggia.

L’APICE MAGLIESE. Le due squadre si affrontarono nella stagione successiva del tutto anomala per le 15 retrocessioni in IV Serie che la riforma dei campionati prevedeva. Lecce e Maglie riuscirono a “salvarsi” conducendo un campionato di vertice e dando vita ad interessanti scontri diretti: al Carlo Pranzo finì di nuovo 0-0, mentre al Tamborino di Maglie, davanti a (si narra) più di 10mila tifosi, i passerotti conquistarono la prima storica vittoria per 4-1. Il Maglie chiuse il torneo al primo posto, davanti a Arsenal Taranto e Lecce, raggiungendo la poule per l’accesso in Serie B, il momento più alto della sua storia. Nella poule promozione, però, la Toma chiuse all’ultimo posto con soli 3 punti a pari merito col Vigevano dietro al Cagliari promosso e al Piacenza.

ANNO 1952/1953. Terzo 0-0 di fila al Carlo Pranzo nella stagione seguente, quando il Lecce di mister Degni ottenne una soffertissima salvezza grazie anche al 2-1 con il quale andò a vincere a Maglie (gol leccesi di De Santis e Cardinali e punto magliese di Fontanesi) nel girone di ritorno. Maglie e Lecce chiusero al di sopra della zona rossa rispettivamente a 32 e 31 punti, tenendosi a minima distanza dal Molfetta quartultimo a 30.

MAGLIE RETROCESSO. Il campionato 1953/’54 fu quello della svolta: un Lecce in gran spolvero, che per soli 5 punti mancò la promozione in Serie B, riuscì in una doppia affermazione, l’unica della storia, per 2-0 sui cugini magliesi, nel frattempo piombati in fondo alla classifica e retrocessi in IV Serie. Doppietta leccese di Bozzato in casa magliese (8°giornata) e reti di Bislenghi e Stabellini nel ritorno al 25°turno.

INCONTRO IN IV SERIE. Il bilancio dei precedenti col Maglie si chiude nel peggiore dei modi per il Lecce. Retrocessi anch’essi in IV Serie nel 1954/’55, i lupi rimediarono una doppia sconfitta per 2-1, nella stagione 1955/’56. Una sorta di vendetta sportiva per i passerotti, che però retrocedettero in Promozione (l’odierna Eccellenza) col quartultimo posto, davanti solo a Castelfidardo, Pescopagano e Monticchio Potenza. In verità, il Lecce non se la passò molto meglio. Una squadra che si rivelò non all’altezza giunse a soli 5 punti dalla retrocessione nei campionati regionali. Nella gara di andata, giocata a Lecce, il Maglie espugnò lo stadio leccese grazie ad una doppietta di Noè. L’attaccante, l’anno seguente, sarebbe stato ceduto proprio al Lecce e avrebbe contribuito in modo sostanziale con i suoi 37 gol al ritorno del capoluogo in terza serie. L’ultimo precedente della storia, giocato il 19 febbraio 1956 al Tamborino, finì 2-1 per la Toma. Decisivi i gol di Tosi e Balconi a ribaltare il punto leccese di Lenti.

Prima puntata: le sfide tra Lecce e Nardò 

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Francesco Moriero

Ultimo commento: "LECCESE VERO ,,,QUANDO ARRIVO AD ALLENARE IL LECCE COMMISE L ERRORE DI ACCETTARE UNA NOSQUADRA,,SI MISE CONTRO GIACOMAZZI BANDIERA LECCE,,A SCAPITO DI..."

Pedro Pablo Pasculli

Ultimo commento: "Aveva cuore e passione per la maglia giallorossa e la gente lo ha ricambiato con affetto e calore grande Pedro Pablo"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Talento purissimo grandissima tecnica a volte mancava di continuita'ma era un grandissimo calciatore in grado come si suol dire di spaccare le partite"

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Beto e'stato sicuramente il calciatore di maggior classe che abbia mai avuto il Lecce e credo uno come lui farebbe ancora comodo al nostro Lecce."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Carletto mazzone grandissimo personaggio nella storia del Lecce."
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Rubriche