Resta in contatto

News

GdM – Papini: “Il mio unico rammarico è quello di non essere riuscito a portare il Lecce in B”

L’ex calciatore giallorosso parla a La Gazzetta del Mezzogiorno (intervista di Antonio Calò) della sua esperienza in maglia giallorossa.

RESTO LEGATO ALLA PIAZZA. «Sono onorato di avere indossato la casacca giallorossa e di essere stato anche il capitano della squadra. Ho un solo, enorme cruccio ed è quello di non avere contribuito a riportare il complesso salentino in B. In quegli anni ho ricevuto alcune proposte dalla serie cadetta, ma le ho rifiutate perché volevo fortemente ottenere la promozione con il Lecce. Purtroppo non ho coronato questo sogno. Sono contento che, in seguito, la mia ex compagine abbia centrato il doppio salto dalla C alla A».

Nel corso dell’intervista si affronta, poi, il capitolo relativo al derby casalingo con il Foggia, il 22 maggio 2016. La gara, valida quale semifinale di andata dei play-off del campionato di Lega Pro, ha visto i giallorossi, all’epoca allenati da Pietro Braglia, perdere per 3-2 contro i rossoneri diretti da Roberto De Zerbi.

RICORDO DEL MATCH. «Il ricordo della doppia sconfitta subita con il Foggia nella semifinale del 2016 brucia tantissimo, oggi come allora. Nella regular season, nel ritorno, al Via del Mare, avevamo battuto i rossoneri per 3-1, sfoderando una grandissima prestazione, ed eravamo convinti di avere buone carte da giocare anche nei due incontri dei play-off, fermo restando la forza di un collettivo, quello dauno, che esprimeva un ottimo calcio. La sfida, però, è iniziata nel peggiore dei modi, in quanto abbiamo subito immediatamente un micidiale uno-due».

PRONTI-VIA E DOPPIETTA DI IEMMELLO. «Abbiamo pagato un errore difensivo che ci è costato a caro prezzo. Passare subito in svantaggio è stata una mazzata tremenda sul piano psicologico. Abbiamo sbandato, incassando a stretto giro la rete dello 0-2, che ci ha fatto crollare il mondo addosso e sbandare paurosamente. Poi siamo riusciti a reagire, facendo leva soprattutto sulla rabbia, sul furore agonistico, andando a segno con Moscardelli, ma Sarno ha ristabilito le distanze. Nella ripresa, su rigore, Lepore ha reso meno netta la batosta, ma sapevamo che ribaltare la situazione nel ritorno, in campo avverso, sarebbe stata una impresa improbabile».

IN CAMPIONATO LECCE-FOGGIA 3-1. «A questo match è legato uno dei ricordi più belli della mia esperienza in giallorosso. Abbiamo fatto centro dopo 6′, con un gran gol di Lepore, per poi assestare una doppia stoccata con Curiale e Sowe, nelle battute finali della contesa, mentre Agnelli ha firmato la rete della bandiera a risultato oramai acquisito. Ricordo la gioia dei tifosi, una serata magica».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Avevo 18 anni quando arrivo barbas a lecce qundo lo vidi allo stadio dissi al mio amico questo e in fuoriclasse e cosi fu grande beto💛❤️"

Pedro Pablo Pasculli

Ultimo commento: "Pedro Pablo.. un grande professionista.. ricordo i suoi gol.. soprattutto quello a Bari su punizione quando mancavano pochi minuti alla fine e..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Tanti sono i ricordi. I gol ..le sgroppate sulla destra..in particolare ricordo il gol al volo di destro a Cremona. Vincemmo 1-0 e fu una vittoria..."

Anselmo Bislenghi

Ultimo commento: "Nonnogol!"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Mirko, Grande evasore"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News