Resta in contatto

Pagelle

Le pagelle del Lecce: Dell’Orco simbolo di una difesa da B. Lapadula, Shakhov e poco altro

Lecce-Parma, vota le pagelle giallorosse: il terzino mancino sbaglia incredibilmente qualsiasi cosa, ma i più esperti non sono da meno. Male la regia, Mancosu come sempre a testa alta.

Gabriel 6 – Anche oggi assiste pressoché ai disastri dei compagni. Forse in un paio di circostanze avrebbe potuto opporsi di più, ma almeno un paio di gol fatti li ha evitati. In Serie B potrà dire ancor più da protagonista la sua

Donati 5,5 – Portato a spasso da Caprari, per tutto il primo tempo è il fantasma di sé stesso. Nell’intervallo si riprende e cresce notevolmente, propiziando il gol di Lapadula. Stavolta però la grinta solita non basta

Lucioni 4,5 – Chiude a testa alta, ma male, un’annata che non lo ha visto adeguato protagonista in Serie A. Lo zio ha onorato la maglia, ma spesso non è riuscito a fare altro, men che meno oggi e non solo per l’autorete. Si perde qualsiasi riferimento, da Cornelius all’inizio a Inglese sul quarto gol: un altro che ritroverà tra i cadetti la sua dimensione

Meccariello 5,5 – Lotta, imposta discretamente, addirittura segna di testa il gol del pari pre intervallo, il suo primo in giallorosso. Prima e dopo partecipa però ai disastri  difensivi dell’inguardabile difesa di Liverani. In particolare ha sulla coscienza il terzo gol

dall’88’ Monterisi sv

Dell’Orco 3 – Al Via del Mare si è registrato il record mondiale di passaggi sbagliati messi a segno da un solo uomo. Non si sa quante volte in Serie A si sia vista qualcosa del genere, oggi ma più in generale in una stagione costellata da prestazioni di categoria inferiore. Il modo in cui apre le porte a Hernani, e dunque alla Serie B, è la fotografia della stagione

dal 70′ Vera 5,5 – Parte crossando più lui in 2 minuti che Dell’Orco in tutto il campionato. Poi si ferma inspiegabilmente: chissà sei in B troverà il suo equilibrio

Mancosu 6 – Il capitano è l’ultimo a mollare, ma stavolta partecipa anche lui nel vedere la barca sprofondare. Ciononostante è quello che sbaglia meno in contenimento, mancando però clamorosamente in fase offensiva dove sbaglia due gol praticamente fatti. Conquista la sufficienza con l’assist perfetta per la testa di Barak

dal 61′ Majer 5 – Sbaglia del tutto l’approccio al match e viene asfaltato da Barillà, non riuscendo più a riprendersi

Tachtsidis 5 – Chiude la sua deludente stagione con una prestazione in linea con la media del campionato. Idee buone, qualche bella giocata, ma un passo inadatto al dinamismo dell’avversario. E qualche errore di troppo

dal 61′ Petriccione 4,5 – Riesce a fare, se possibile, peggio del greco. Nullo in chiusura, non indovina un passaggio ed è sempre fuori posizione. Praticamente non scende in campo

Barak 6 – Con i suoi tempi, per carità, ma anche oggi è tra i pochissimi a metterci quel pizzico di qualità che serve al Lecce. La riapre di testa, e sfiora almeno tre altre marcatura. Soffre terribilmente, invece, in fase di contenimento

Falco 6 – Meno smagliante che nelle ultime uscite, il mancino di Pulsano è comunque tra i più attivi. Gli mancano dribbling e scatto bruciante, non il piede caldo per mettere sulla testa di Meccariello il gol del pari momentaneo. Con il destro, invece, manca di pochissimo quello che sarebbe stato il 3-2

dal 61′ Shakhov 6,5 – Quando i ritmi sono “estivi”, dimostra di essere di un’altra categoria. Lotta su ogni pallone, colpisce in pieno il palo nell’azione del 3-4 e regala diverse giocate utili. Chissà che non possa essere lui la stella del prossimo torneo cadetto

Saponara 5 – Tre fiammate, poi il nulla costellato da occasioni mancate, lentezza e passaggi fuori misura. La sua stagione si è conclusa anticipatamente con la buona prestazione con il Brescia. Oggi troppo poca grinta, e condizione da campionato amatori

Lapadula 6,5 – E meno male che non era in condizione. Praticamente l’unico a correre fino alla fine, sradica palloni a ripetizione, offre sponde ai compagni ed è un continuo pericolo per Sepe. Gonfia la rete e chiude in lacrime, uno dei pochi: si deve fare il possibile per trattenerlo

All. Liverani 5,5 – Vorremo tanto dargli la sufficienza perché, per chi scrive, solo un mago avrebbe conquistato più punti con una rosa del genere. Però anche il mister, oggi come in passato, avrebbe potuto fare di più, perché delle falle di questa squadra ce ne siamo accorti tutti a settembre. Anche oggi spettacolo e palle gol, ma troppi, davvero troppi errori difensivi

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Albj
Albj
2 mesi fa

Di calciatori che devono restare sono pochi, anzi che debbono sono in tanti perché la serie B potrebbe essere il loro campionato, ma l’orgoglio che hanno dimostrato non li farà decidere di scendere di categoria!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Lapadula 10 nn molla mai 💛❤️ prego solo che resti

Advertisement

Pedro Pablo Pasculli

Ultimo commento: "Un sogno che speriamo ritorni con un giovane di pari valore"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Grande Carletto indimenticabile!"

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Beto Beto Beto mina la bomba! Mina la bombaaa! LU meghiu."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "L'ho visto crescere, abitavamo a pochi metri alla Staffa, alla 167. É stato un ottimo giocatore di A e B. Come allenatore non saprei, ma a lui come a..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Una classe cristallina"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Pagelle