Calcio Lecce
Sito appartenente al Network

Corvino: “Legato ai tifosi giallorossi. La gente della Curva sa che ho agito solo per il bene del Lecce”

Nel corso della sua presentazione, Pantaleo Corvino ha dedicato diverso tempo al racconto con i tifosi giallorossi per spiegare il quale, ammette, ci sarebbe da scrivere un libro.

TIFOSI. “A loro sono legatissimo, perché sono la mia gente. Sono quelli che ogni volta che torno a Lecce mi dimostrano tutto il loro affetto, dalla gente per strada ai miei vicini. Mi danno una forza incredibile e sono pronto ad avviare questo percorso assieme a loro. Il nostro è un grandissimo rapporto d’amore, e come in tutti i rapporti d’amore c’è sempre qualche momento di discussione. Ma ciò che provo per loro è intatto, un rapporto speciale”.

RAPPORTO DIRETTO. “Per spiegare il mio modo di fare c’è un aneddoto più eloquente di altri. Io non ho mai esonerato un allenatore, e quando l’ho fatto è stato perché ho ascoltato l’opinione di un tifoso giallorosso. Mi confidò che il tecnico gli si era rivolto con un ‘E quando mai a Lecce avete visto calcio?’. Quella confidenza mi portò ad effettuare quella scelta, tra l’altro nella stagione in cui costruii la rosa più forte mai vista a Lecce (2001/02, ndr). Ma ne potrei dire tanti altri di episodi, ci sarebbero davvero due libri da scrivere”.

CRITICHE. “Poi Lecce è stata sempre una piazza passionale, in cui i dibattiti erano all’ordine del giorno. Ma è l’assoluta normalità. Ad esempio, ai tempi di Zeman in tanti mi dicevano che avevo sbagliato a puntare su un tecnico appena retrocesso in C con l’Avellino. Fa parte del gioco”.

SCREZI. “Vista la particolarità di una piazza calda, che ha visto grande calcio ma anche tanti campioni andare via, un certo tipo di discussioni erano normalissime. Ci stava che quando accettavo le offerte per grandi calciatori, tipo quella Fiorentina per Bojinov, la tifoseria si risentisse, perché a nessuno fa piacere salutare un attaccante che a metà stagione era già a 11 gol. Tuttavia tutte le decisioni le ho prese per il bene del club. La gente della Curva sa che se ho fatto errori, sono stati solo a fin di bene. Dietro ogni scelta fatta da Corvino vi era la volontà di portare dei vantaggi al Lecce“.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Beh….su Bojnov le cose andarono diversamente da come le ha raccontate ( ascoltare le intercettazioni di Moggi sul Lecce di Zeman per comprendere) ma ormai è inutile tornarci sopra… è tutto passato…

Articoli correlati

Chiamata prestigiosa per la gara di domenica alle 18 al Via del Mare...
Nella lunga intervista pubblicata stamani dal Nuovo Quotidiano di Puglia, il primo dirigente del club...
I neroazzurri, reduci della vittoria nell’andata degli Ottavi di Champions League con l’Atletico Madrid, valuteranno...

Dal Network

Il difensore dell’Hellas ha parlato della complessa sfida di venerdì contro il Bologna, ma anche...
Il difensore leccese, condottiero della difesa degli azzurri toscani, ha parlato a Radio Serie A...
Finiscono 1-1 i due match in programma nel pomeriggio. Il Cagliari rimedia un punto nello...
Calcio Lecce