Resta in contatto

News

Presentazione divise, Micati: “Per noi la maglia del Lecce è sacra. Ecco il perché delle scelte”

A presentare le nuove maglie del Lecce per la stagione 2020/21 è stato il direttore del marketing Andrea Micati, coadiuvato da Mercadante e Fasano.

LUNGO PERCORSO. “Abbiamo iniziato a lavorare alle nuove maglie già una settimana dopo aver presentato quelle dell’anno scorso, perché ci teniamo molto e perché dietro c’è un grandissimo lavoro dietro. La maglia è sacra, dà corpo a tutti i sentimenti che ci sono per la nostra squadra. E ogni volta cerchiamo di instaurare un forte legame tra essa e i tifosi”.

PRIMA E SECONDA. “Sulla prima maglia abbiamo puntato sulle classiche strisce gialle e rosse, contornate da inserti blu e con la novità rappresentata dalla scomposizione grafica pixelata nella parte centrale. Un esperimento grafico che dà spazio a sponsor e numeri dietro la maglia, oltre ad essere proiettata al futuro, alla modernità. Alla seconda, come sempre, ci teniamo molto, perché ci permette di dare una connotazione particolare alle scelte che ci troviamo a fare ogni anno. Quest’anno abbiamo scelto di porre il giallorosso verticalmente sul lato, per dare spazio ai dettagli che sottolineano il legame con il territorio. A prima vista sembra non ci siano collegamenti al territorio, come invece avvenuto in passato, ma guardando da vicino si leggono in chiaroscuro i nomi di tutti i Comuni della Provincia di Lecce”.

ULIVI. A spiegare la scelta stilistica il direttore generale del Lecce Giuseppe Mercadante“Da oltre un anno il Lecce è impegnato nella battaglia sociale ed ambientale, assieme all’Arcidiocesi, ‘Forti come gli ulivi del Salento’. Una lotta alla quale teniamo tantissimo, che ci ha visto sempre in prima linea. Una lotta che abbiamo voluto portare sulla nostra terza maglia assieme al bellissimo verde che caratterizza le foglie dell’albero di ulivo, elemento imprescindibile delle nostre campagne”.

PORTIERI. A dire la sua sulla scelta delle maglie degli estremi difensori è stato il magazziniere Giovanni Fasano“Sono particolarmente legato alle maglie degli estremi difensori, ci tengo tantissimo e spesso mi relaziono con chi partecipa al processo decisionale delle divise. Quest’anno si è fatta una scelta legata alla tradizione, perché la divisa nera con inserti giallorossi rappresenta la storia dei portieri a Lecce. Idem per la seconda, grigia, mentre si va più sulla continuità con l’azzurro della terza”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News