Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

GdM – Superbi: “Entella-Lecce? Il Lecce lotta per la A, noi cerchiamo di dare fastidio un po’ a tutti…”

Matteo Superbi, dal 2008 direttore sportivo della Virtus Entella, parla a La Gazzetta del Mezzogiorno (intervista di Antonio Calò) della sfida in programma domenica sera a Chiavari.

LECCE DI OGGI. «Ho visto all’opera il Lecce nelle ultime partite, anche quella di coppa con il Torino. È una formazione di grande spessore, che sta crescendo costantemente. Un complesso che dispone di una rosa ampia e completa, ricca di alternative di livello in ogni ruolo, di calciatori di primo piano. Insomma, la squadra che era lecito attendersi, attrezzata per provare a tornare in massima serie, tenuto conto che la piazza è di quelle importanti ed ambisce al palcoscenico maggiore».

ENTELLA DI OGGI. «Noi siamo reduci da alcuni risultati positivi, tra coppa e torneo cadetto. Il cammino è iniziato con diversi intoppi, presentatisi sotto forma di infortuni che ci hanno costretti a mutare, in parte, le strategie iniziali. Ma stiamo migliorando sempre di più. Alcuni pareggi ottenuti in rimonta, tra l’altro, dimostrano che la Virtus Entella lotta sino all’ultimo in tutti gli incontri e non molla mai».

OBIETTIVI DIFFERENTI? «Il Lecce lotterà per tornare in A ed ha messo su il proprio organico con questo intento. Noi vogliamo comportarci bene, dando del filo da torcere a chiunque.  Siamo consapevoli della forza del complesso allenato da Corini e sappiamo che, per ottenere un risultato positivo, dovremo riuscire a sfoderare una grande prestazione, che proveremo a tirare fuori».

FACCIA A FACCIA TRA I FRATELLI MANCOSU. «Si tratta di una delle storie che il calcio regala. Matteo non è più giovane, ma ha ancora numeri di rilievo. Spesso subentra dalla panchina e ci dà una mano significativa, firmando gol pesanti. Ha anche grande spessore dal punto di vista umano. Marco è più giovane di qualche anno e da alcune stagioni è un punto di riferimento della compagine salentina. Negli ultimi incontri disputati con il Torino e il Pescara è tornato ad esprimersi ad alti livelli, dopo essere stato frenato da qualche problemino fisico nella fasi iniziali del torneo 2020/21».

CHI TOGLIEREBBE AL LECCE? «Potrei indicare un attaccante, considerato che in giallorosso figurano calciatori del calibro di Coda, Stepinski, Pettinari e Falco. Ma sarebbe riduttivo, in quanto c’è pure Mancosu. Una formazione di rango come quella giallorossa, del resto, ha tutti i ruoli adeguatamente coperti. L’Entella proverà a sfoderare una prova di alto livello».

EX GIALLOROSSO NELLA STAGIONE 2001-02. «Ho bei ricordi. Di un gruppo composto da bravi calciatori e uomini veri, come Piangerelli, Tonetto, Giorgetti, Silvestri, per citarne solo alcuni. Poi della città, molto bella, nella quale ho vissuto bene con la mia famiglia. Della società, che era solida, organizzata ed ambiziosa, com’è quella attuale. E di una tifoseria appassionata e calorosa. Corvino, tornato a lavorare per il club e della sua terra, è stato mio direttore sportivo. In seguito, mi è capitato in più circostanze di affrontare i giallorossi da avversario e, da quando sono passato nei quadri dirigenziali, non sono mai riuscito a batterli. Spero che accada, prima o poi. Magari domenica».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News