Resta in contatto

News

Da Monza: i biancorossi chiamano Balotelli per riavvicinarsi ai primi posti

Otto presenze e 387 minuti giocati: finora SuperMario non ha lasciato il segno in biancorosso.

Fermo da tempo e lontano dal terreno di gioco da mesi dopo le note vicende bresciane, quello di Balotelli non è stato fin qui un impatto di quelli in grado di lasciare il segno: 8 le presenze timbrate, 387 i minuti giocati (media di un tempo a partita) dopo un inizio col botto che aveva fatto pensare a una rinascita.

Pronti-­via il gol dopo 3 giri d’orologio nel big match contro la Salernitana, poi lo stop di Lecce (il primo dei due muscolari) rimediato già nel riscaldamento e il conseguente mese ko. Il rientro, poi, è condito di un solo centro, quello contro il Chievo dal peso di 3 punti ma rimasto isolato in un deserto di prestazioni opache senza gol fino al secondo infortunio sempre di natura muscolare, che gli è costato un altro mese di fermo.

Un bilancio, ad oggi, che poco rispecchia quelle che erano le aspettative sia in vena realizzativa che in termini di peso: quello che una figura come Mario Balotelli avrebbe dovuto garantire a una squadra già capace di coltivare il sogno di andare in Serie A senza passare dal vortice delle fasi finali. Ora dalle parti del capoluogo brianzolo si aspettano una riscossa di uno dei tanti innesti stagionali accolti come il colpo in grado di lanciare l’undici di Brocchi.

Approda su ForzaMonza.it per tutte le news sui biancorossi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Con olivieri in campo giochiamo sempre con un uomo in meno io da profano me ne sono accorto come mai i responsabili non riescono a vedere"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Hai perfettamente ragione"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Classico di chi non sa argomentare, girarla sul piano personale. Il tuo? Solo pregiudizio e necessità di sentirsi duro e puro senza averne fisiologia..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ottima scelta quella di ingaggiare quelli tra loro che possono ancora lavorare per il Lecce, anche se piu di lavoro dovremmo chiamarla passione"
Advertisement

Altro da News