Resta in contatto

News

Barbas: “A Lecce i migliori anni della mia vita. Ho ancora addosso la passione dei tifosi”

La mitica ex stella del Lecce Juan Alberto Barbas ha parlato del suo glorioso passato giallorosso, intervistato dal giornalista argentino Fernando Ezequiel Negro per la pagina Facebook “Tifosi Sudamericani dell’US Lecce”.

PASSIONE GIALLOROSSA. “Ho un rapporto speciale con la gente leccese si da quando arrivai nel 1985. Sono gente molto passionale e da allora si ricordano sempre tutti di quello che ho fatto con la maglia giallorossa. Questo mi riempie di orgoglio perché vuol dire che ho fatto cose buone per loro, che ho dato tutto per onorare i colori e la terra che questi rappresentavano“.

ARRIVO NEL SALENTO. “Giocavo nel Saragozza allenato da Enzo Ferrari. Mi disse che mi cercava il Lecce, del quale non conoscevo nulla se non che era stato appena promosso in A e che rappresentava una città molto più piccola di Saragozza. All’inizio mi costò un po’ lasciare la Spagna, perché non me l’aspettavo, ma allo stesso tempo ero felicissimo di andare nel campionato più importante di tutti. Dal momento che con l’Argentina giocavamo un calcio molto europeo adattarmi all’Italia fu molto più facile. Poi la città mi è piaciuta subito, appena l’ho vista una volta lasciato l’hotel. Spero di tornarci un giorno. E’ una città che merita molto”.

TIFOSI. “Quando ero in giallorosso sin dal primo giorno mi sentivo come se stessi giocando nel calcio argentino per la passione degli italiani, dei leccesi in particolare. Mi trasmettevano un calore clamoroso anche quando camminavo per strada. Sento quell’appoggio come se fosse ieri. Grazie a loro abbiamo vinto molte partite importanti”.

LECCE DI OGGI. “Seguo sempre il Lecce e sono particolarmente attento al suo sistema di gioco, al modo in cui produce calcio. Corini mi piaceva tanto da calciatore e continua a piacermi tanto da tecnico. Mi piace come giocano i giallorossi e l’allenatore ha allestito un collettivo forte che ora potrà giocarsi le sue carte da favorito in queste gare decisive”.

FUTURO. “Mi piacerebbe un giorno allenare una qualche squadra del Lecce. Non so se la prima, perché è abbastanza difficile, magari i ragazzi. In generale ho parlato anche con Miccoli della possibilità di tornare nel Salento a fare qualcosa con lui. Per me sarebbe bellissimo vivere ancora quella terra“.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News