Resta in contatto

Le pagelle di Calciolecce

Le pagelle di Lecce-Como: di Di Mariano gli unici lampi, Gendrey gioie e dolori. Flop Vera-Helgason

Lecce-Como, le pagelle: il terzino francese propizia il gol di Coda ma sbaglia in copertura. Disastro colombiano, ma non è l’unico pasticcione.

LECCE:

Gabriel 6 – Sicuro in ogni occasione in cui è stato impegnato, stavolta il brasiliano è incolpevole del gol subito. Prevedere l’errata posizione della propria retroguardia ed uscire in disperata presa sul gigante Cerri sarebbe stato forse troppo. Bene per il resto nelle poche conclusioni dei comensi, che lo graziano in almeno due occasioni

Gendrey 5,5 – Nel nulla o quasi agonistico dei compagni il suo impegno e la sua verve spiccano, tant’è che è tra i pochi che si guadagnano gli applausi nel finale per non aver mollato mai. Ha inoltre il merito di mandare in porta Coda nell’occasione che porta al rigore-gol. Pesa però la mancata opposizione su Cerri, troppo imponente per lui, ed anche nella ripresa interviene male di testa nell’azione dell’errore da due passi di Solini

Lucioni 6 – Prima da capitano assoluto al Via del Mare con risultati agrodolci. In controllo per due terzi del match, non benissimo nel resto del match. Dalle sue parti il Como non sfonda, vero, ma poteva prevedere il duello Cerri-Gendrey sul pari ospite ed in fase di impostazione lunga è da dimenticare

Tuia 6 – Come Lucioni è preciso in quasi tutti gli interventi, ma in un paio di occasioni si fa sorprendere. Come in occasione della rovesciata di La Gumina, che spara alto sfruttando una mancata adeguata opposizione del laziale. Molto bene l’atteggiamento da guerriero

Vera 4,5 – Bocciatura netta in un match che forse non avrebbe dovuto giocare. Difficile interpretare il suo utilizzo dal primo minuto proprio nella settimana dell’innesto di Barreca, fatto sta che dimostra di non essere all’altezza apparendo involuto anche rispetto alla già altalenante. Ha sulla coscienza il gol di Cerri e solo per caso non ne nascono almeno due altri da suoi gol

Helgason 5,5 – A volergli bene, a capire l’emozione che si può subire all’esordio in uno stadio certo più caldo di quello del suo ex FH. L’islandese è inizialmente dinamico, forse anche troppo e paga con un giallo che ne condiziona l’aggressività. Si ricompone nella ripresa, va vicino al gol ma all’ennesimo errore Baroni comprende che è ora di cambiare

Hjulmand 5,5 – Aveva lasciato il Via del Mare nel 2020/21 da re della mediana, da dominatore assoluto di ogni pallone nel mezzo. Lo ritroviamo inaspettatamente timido ed impreciso, tant’è che per un’ora buona è fuori dal gioco, troppo incolore per essere vero. Ritorna in sé quando c’è da lottare nel finale, ma non basta

Majer 6 – E’ l’unico a mettere un minimo di classe e qualità lì nel mezzo in un Lecce che, tecnicamente, è apparso davvero molto molto modesto. Sua la prima occasione creata per Olivieri, sue le uniche sventagliate precise della miriade prodotte erroneamente dai suoi. Esce ed il Lecce non riesce a tenere un pallone a terra

Strefezza 5,5 – Un primo tempo buono, una ripresa da dimenticare in cui sbaglia tutto. E’ questa la prima al Via del Mare di Gabriel Strefezza, che dà spesso l’impressione di poter spaccare la partita senza di fatto riuscire nella giocata, talvolta anche semplice. Ci si aspetta di certo di più

Coda 6 – Sufficienza piena per il rigore guadagnato e realizzato, così come per i buoni movimenti soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa, però, il bomber di Cava è un fantasma e non va oltre un diagonale murato dalla difesa

Olivieri 5,5 – Parte benino l’ala sinistra di Baroni, e così rimane per il resto del match. Volenteroso ma nulla più, un po’ come quella conclusione potenzialmente ottima ma insipida nell’esecuzione con cui scalda per primo le mani di Coda. Un’ala titolare di 4-3-3 deve essere assolutamente più intraprendente

Gallo 6 – A sostituire il Vera odierno diciamo che un po’ tutti saremmo apparsi in palla. Ciò che è piaciuto maggiormente del siciliano è stato comunque l’approccio voglioso al match, per nulla abbattuto dall’iniziale panchina. Nulla più, però, oltre qualche cross e una discreta corsa

Di Mariano 6,5 – L’unico ad andare oltre la sufficienza in casa Lecce. Il neo arrivato suona la carica con il suo ingresso, sfiorando la furbata con pallone sradicato dai piedi di Gori e non perdendo mai la voglia di andare a mille su ogni pallone. Tra i pochi ad evidenziare buone premesse per il futuro

Listkowski 5,5 – Il polacco cerca di suonare la carica ma si perde sempre al momento del cross o del tiro

Bjorkengren sv

Paganini sv

All. Baroni 5,5 – Impossibile dare un voto positivo ad un Lecce così impreciso, abulico, imballato. Il tecnico paga errori di formazione (perché Helgason e Vera anziché Bjorkengren e Gallo?), ma soprattutto l’assurda insistenza nei lanci lunghi, nel pallone quasi mai messo a terra. Di buona c’è la compattezza che ha portato la squadra a non sciogliersi nelle difficoltà, a provarci per quasi tutto il match e a non perdere, anche grazie agli altrui errori

COMO:

Gori 6,5 Bovolon 6 Solini 5,5 Scaglia 5,5 Ioannou 6 Iovine 6,5 H’Maidat 6,5 Bellemo 6 Chajia 6 La Gumina 6 Cerri 7 Parigini 6 Gliozzi 6 Cagnano sv Arrigoni sv Gabrielloni sv All. Gattuso 6

42 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
42 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Le pagelle di Calciolecce