Resta in contatto

Approfondimenti

I numeri di Lecce-Reggina: dominio giallorosso, buon gioco per la difesa

Il quindicesimo risultato utile della squadra allenata da Baroni, maturato contro gli amaranto, è giunto dopo un’altra gara dagli alti numeri dal punto di vista offensivo.

Ancora attacco sugli scudi nella vittoria contro la Reggina. Le reti di Gargiulo e Majer hanno piegato la resistenza della compagine di Alfredo Aglietti dopo una partita caratterizzata da un altro dominio dei padroni di casa. La superiorità del Lecce si è concretizzata ancora una volta con una minore percentuale di possesso palla (48% contro il 52% ospite) e con un ritmo di gioco più alto. Il Lecce ha prodotto 12 tiri (5 in porta) per un indice xG pari a 2.27, un mare in più della Reggina che ha di poco superato l’1 (1.03) con però 8 tiri (4 in porta), non pochi ma quasi mai pericolosi. Solo il pallonetto di Cortinovis (0.29) ha fatto preoccupare un po’ Gabriel nella prima frazione. Il portiere brasiliano, dal canto suo, ha risposto presente sul tiro di Ricci, forte ma sul primo palo (0.07 di xG vista la distanza). Se si dovesse trovare un fondamentale che è leggermente mancato al team giallorosso, questo è il cross. Solo il 23% dei traversoni è andato a buon fine.

Difensivamente, il Lecce ha avuto buon gioco anche per la non densa costruzione offensiva della Reggina. Il pacchetto arretrato di Marco Baroni ha intercettato meno palloni rispetto al solito, ma la diminuzione del numero di intercetti non è stato foriero di pericoli per la porta.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Flacco Venosa, Potenza"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima un uomo, poi un allenatore come nessun' altro"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Hai perfettamente ragione"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ottima scelta quella di ingaggiare quelli tra loro che possono ancora lavorare per il Lecce, anche se piu di lavoro dovremmo chiamarla passione"
Advertisement

Altro da Approfondimenti