Resta in contatto

News

CdS – Cosenza: “Hjulmand ha le qualità per essere capitano”

cosenza

L’ex difensore e capitano giallorosso ha commentato al Corriere dello Sport la scelta di affidare la fascia al giovane Morten Hjulmand.

ESORDIO. “Si certamente, è stata una battaglia entusiasmante, peccato che contro giocatori come quelli a disposizione dell’Inter ogni minima distrazione viene punita, ma ho visto in campo una bella formazione, entusiasmante”.

LA SCELTA. “È giovane, ma quando si prende una scelta di questo tipo si guardano prima di tutto le qualità dell’uomo e il valore della persona. Si può essere capitani silenziosi, ma quello che conta è avere il carattere e il carisma giusto e lui mi sembra che abbia le qualità per esserlo. Sento parlare un gran bene di lui”.

RESPONSABILITA’. “La prima è verso i tifosi, sabato lo stadio era stupendo, così come lo era quel pomeriggio di maggio contro la Paganese quando interrompemmo quell’incubo chiamato Serie C. Serve rispetto per la maglia, poi il capitano deve avere il compito di mettersi sulle spalle le responsabilità di un intero gruppo, non solo la domenica ma anche durante la settimana, oltre che deve rappresentare un esempio positivo per tutti i compagni di squadra anche per quelli che sono appena arrivati, a lui il compito di trasmettere i valori della società del presidente Sticchi Damiani”.

RICORDI.  “Sicuramente la partita contro la Paganese, tutta quella giornata non la potrò mai dimenticare è stato un momento magico, quello era un gruppo che lottava durante tutta la settimana è stato un successo fantastico. Si era creata una vera e propria famiglia che partiva dallo spogliatoio e che comprendeva anche tutti quei tifosi che hanno festeggiato con noi nelle vie della città impazzita di gioia, fino a tutta la società che ci ha dato tutto per raggiungere quel traguardo”.

LECCE CITTA’.  “E’ la mia seconda casa, ho anche un’attività, ma prima di tutto ci sono tanti amici, tra cui anche Giacomazzi e Chevanton con cui condividiamo lo stesso amore e la stessa passione per quella meravigliosa maglia. Oltre a loro sento ancora tanti di quei compagni con cui ho condiviso quello spogliatoio nel corso della mia esperienza in giallorosso”.

IL PRESENTE. “Sono ancora a Piacenza, con la voglia di un ragazzino. In me arde ancora la stessa passione di un tempo. Lo scorso anno abbiamo raggiunto i play off, questa, come Lecce, è una piazza con una storia molto importante alle spalle. La società ha allestito una formazione giusta capeggiata da mister Scalise con il quale stiamo lavorando tantissimo per cercare di migliorare il piazzamento della passata stagione e regalare tante soddisfazioni nel corso del prossimo campionato”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News