Resta in contatto

News

Dai tafferugli prepartita (con un arresto) alla frase shock del tifoso barese. A Salerno brutti episodi

Prepartita caldo allo stadio Arechi, dove non sono mancati gli episodi che con il calcio hanno poco a che vedere.

Salernitana-Lecce è stata una bellissima gara vinta con merito dagli ospiti, in una cornice di pubblico fantastica da ambo le parti ma, purtroppo, è stata anche altro. In particolare nel prepartita si sono verificati degli episodi certamente condannabili sotto qualsiasi punto di vista. Ma andiamo con ordine.

Il match era già in settimana finito sotto la lente d’ingrandimento per la rivalità storica tra le due realtà, accentuata dal gemellaggio tra granata e tifosi del Bari. La presenza di questi ultimi è stata confermata anche nella giornata di ieri, con i nostri inviati a Salerno che l’hanno potuta constatare personalmente. In totale erano circa 300 i supporter biancorossi presenti allo stadio, suddivisi in vari settori e ovviamente soprattutto nella Curva Sud granata.

Da segnalare la poco piacevole performance, ben oltre i limiti della goliardia, di un tifoso dei Galletti che, intervistato da un giornalista locale sul tipo di gara che si sarebbe atteso, si è lasciato andare in un poco elegante “dobbiamo vincere per forza, dobbiamo ucciderli gli africani”. Espressione che denota arretratezza e tasso culturale ai minimi storici.

Di natura diversa quanto avvenuto a poche centinaia di metri di distanza dai cancelli d’ingresso allo stadio, all’altezza del Novotel dove alcuni mezzi di tifosi ospiti si sono ritrovati per errore a contatto con alcuni supporter locali. Questi, cento circa, hanno dato vita ad un copioso lancio di pietre ed oggetti vari che ha danneggiato le auto, portando le forze di polizia ad indagare sui protagonisti e ad arrestare un 31enne salernitano. Quest’ultimo, come riporta OcchioNotizie, ha ricevuto questa mattina la convalida d’arresto ed è stato rimesso in libertà. La condotta del tifoso è inoltre al vaglio ai fini dell’applicazione del Daspo.

73 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

73 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News