Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Penna in trasferta – Signorelli (CalcioAtalanta.it): “Nerazzurri in fiducia. Lecce di lotta, ma manca esperienza”

Il collega Giordano Signorelli ha raccontato nel dettaglio la situazione in casa nerazzurra nella nostra rubrica dedicata al punto di vista avversario.

Come arriva l’Atalanta al match di domani?

“Arriva in fiducia. Contro il Napoli è arrivata una sconfitta figlia di errori, ma dopo aver comunque fatto una buona prestazione contro un’avversaria fra le più in forma degli ultimi mesi”.

Quali sono punti deboli e di forza del collettivo di Gasperini?

“La risposta sta proprio nella domanda, ovvero il collettivo. Spesso si rivela un punto di forza perché ti dà, ma qualche volta ti toglie anche. Questo perché l’Atalanta di oggi non fa più leva sulle qualità di un singolo giocatore come poteva essere in passato quando c’erano Gomez e Ilicic, ma cerca di alzare il livello attraverso il gioco. Per cui se nel collettivo ci sono due-tre elementi sottotono, spesso ne risentono tutti”.

Dopo l’ultimo Lecce-Atalanta successe davvero di tutto, e non solo nel calcio. Ma quant’è cambiato il mondo Atalanta?

“E’ cambiato parecchio. Da quel 7-2 molti giocatori non ci sono più, la proprietà è cambiata, così come gli uomini mercato. E’ cambiato il modo di giocare dell’Atalanta, meno spregiudicata e garibaldina, ma più ordinata. Fu l’ultima partita dell’Ilicic all’apice. Quello che è successo dopo, lo sappiamo tutti, ma sono felice per lui che sia tornato al Maribor e abbia segnato all’esordio. L’unica cosa che non è cambiata è la passione che hanno i tifosi dell’Atalanta. Anche quest’anno, senza Europa, non mancano all’appello”.

Che opinione hai del Lecce di Marco Baroni?

“Immaginavo un Lecce destinato a un campionato di lotta e fino ad oggi è così. Hanno puntato su elementi di qualità senza spendere cifre folli ma, a mio avviso, manca quel pizzico di esperienza che può essere utile in determinate situazioni. La lotta salvezza però è molto ampia e ci sono tante squadre coinvolte oltre al Lecce: Sampdoria, Verona e Cremonese, che sono oggi le ultime, Spezia, Empoli e Salernitana non possono dormire sonni tranquilli, anche se queste due hanno qualche punto in più. Nelle ultime stagioni abbiamo assistito a incredibili suicidi nella seconda parte di stagione, per cui non resterei sorpreso se anche qualche club che ha qualcosa in più delle sopracitate, finisca invischiato nei bassifondi”.

Come dovrebbero scendere in campo gli orobici contro i giallorossi?

“Penso che ci sarà qualche rotazione in difesa. Demiral, essendo diffidato, penso sarà risparmiato in vista dell’Inter. In mezzo al campo dovrebbe tornare al suo posto de Roon, c’è qualche dubbio sulle fasce con Hateboer, Maehle e Soppy che si giocano i due posti. In avanti potrebbe essere la partita giusta per rivedere Zapata dal primo minuto e non resterei sorpreso nel leggere il nome di Malinovskyi nell’undici titolare”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Sondaggio sul mercato invernale: due terzi dei lettori promuovono Corvino e Trinchera

Ultimo commento: "RAGAZZI TRA TUTTI I COMMENTI NEGATIVI C'E' SEMPRE LA STESSA PERSONA, CHE PURTROPPO E' OSSESSIONATO DAl SALENTO IN TERMINI DI INVIDIA,PASSA LE GIORNATE..."

Gol dell’anno 2022, vince il siluro di Colombo che ha fatto tremare il Maradona (VIDEO)

Ultimo commento: "Giusto non abbassare la guardia, i conti si faranno alla fine, complimenti fin'ora più che meritati ma guai a scendere in campo convinti che..."
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da Rubriche