Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Primi bilanci in casa Lecce: le parole di Sticchi Damiani, Corvino e Trinchera

Il presidente giallorosso ha fatto il punto sulla situazione della squadra fino a questo punto e non solo si parla anche di stadio

STICCHI. «Era doveroso fare il punto su queste prime giornate che ci hanno condotto alla sosta, lo volevo fare con i miei collaboratori, perché si lavora tutti insieme e con una sola linea”.

SQUADRA. “Sono estremamente soddisfatto sotto tutti i punti di vita per quello che è stato fatto fino ad oggi. La squadra ha dimostrato di potersi misurare con tutti, siamo arrivati alla sosta con un bottino importante e all’appello mancano 4-5 punti che avremmo meritato, per colpa di errori arbitrali e alcuna situazioni sfavorevoli. Gli errori arbitrali sono stati ammessi dai vertici con cui ci siamo confrontanti. Nel corso del prossimo incontro mi verranno messi a disposizione gli audio tra arbitro e VAR della partita contro il Monza, questi mi verranno fatti ascoltare nel corso del prossimo incontro. Ci sono state però anche delle prestazioni arbitrali convincenti, anche grazie a delle designazioni importanti che ha avuto il Lecce, in particolare negli scontri diretti, questo significa che ci stiamo muovendo nel rispetto reciproco. Sono contento perché stiamo mettendo in mostra tanti giovani che sono frutto di un lavoro importante dell’area tecnica, abbiamo schierato diversi giocatori nati dopo il 2000, prima sembrava uno slogan, oggi è diventato un progetto divenuto realtà e stiamo dando una svolta totale nella gestione tecnica del club, non sta a me ricordare le prestazioni di Gallo, Banda e Gonzalez, tutti giovani che stanno dando contenuto al programma che avevamo tracciato. Abbiamo affrontato un rischio tecnico elevato, ma questo è l’unico modo che abbiamo per affrontare la massima serie in modo virtuoso, con dei numeri in ordine. Grazie al grande lavoro di contenimento dei costi che è sotto gli occhi di tutti, noi riusciremo a chiudere un bilancio in equilibrio e saremo una delle poche società che ci riesce, perché abbiamo un monte ingaggi pari alla metà nostro bilancio. Questa nostra auto imposizione poterebbe  diventare una regola, perché sta arrivando il momento del contingentamento dei debiti del calcio e noi questa politica l’abbiamo iniziata spontaneamente, creandoci delle difficoltà abbiamo scelto di non accede al debito, abbiamo voluto rispettare una certa rigidità, credo che questi paletti che ci siamo dati però tra poco potrebbero diventare legge e noi siamo già attrezzati. Abbiamo fatto tanto fino ad oggi, però diventa niente se sbagliamo a gestire la parte del campionato che inizierà dopo la pausa, tutto questo sforzo enorme in cui abbiamo ribaltato il club come un calzino, oggi non ci possiamo però cullare su quanto di buono fatto nel corso della prima fase, abbiamo l’esperienza della lunga sosta del 2020 che ci colse impreparati, oggi  però le regole le conosciamo, il campionato è tutto da giocare e non possiamo pensare che oggi sia tutto perfetto, la Serie A ci insegna che può iniziare un campionato pieno di insidie. Stiamo lavorando su ogni dettaglio perché dal punto di vista logistico non siamo secondi a nessuno, dobbiamo ricordarci che non abbiamo conquistato nulla e per gran parte degli addetti ai lavori rischiano di scendere giù, già il fatto che ci stiamo giocando la partita è una sfida vinta, perché per le restrizioni che ci siamo dati, oggi concorriamo con società che hanno fatto investimenti più importanti di noi. Saremo dei martelli”.

TIFOSI. Per quello che ci stanno dando i tifosi è uno dei campionati più belli. In casa abbiamo fatto il record di abbonati, ma anche fuori casa stiamo dimostrando cose straordinarie. Il nostro è un club che sta dimostrando grande appeal dal punto di vista del seguito. Ringrazio i tifosi che ci sono stati vicini e che oggi soffrono per questa sosta. Abbiamo una tifoseria da primi posti”.

SOCIETA’. Chiuderemo il bilancio in equilibrio e saremo tra i pochissimi. Oggi c’è un tema caldo che riguarda tutti i club quello della sospensione delle perdite. Oggi però queste somme , i tributi che sono stati sospesi, possono essere versati tutti insieme in un’unica soluzione o nei prossimi cinque anni, questo è un’intervento normativo che potrebbe esserci o non. Noi abbiamo la somma più esigua della Serie A e quindi noi siamo pronti, per entrambe le possibilità, ovviamente auspichiamo la seconda, ma siamo organizzati per tutto”.

STRUTTURE. Ci sono due novità interessanti, la prima è che rispetto al tema Giochi del Mediterraneo è stata stanziata per tutte le strutture che ospiteranno la manifestazione sono stati stanziati 150 milioni di euro, la Regione attribuirà le risorse ai comuni. La somma riconosciuta per gli interventi sullo stadio è di 13 milioni, che potrebbe permetterci una ristrutturazione importate. Lavori che verranno effettuati di concerto con il Comune di Lecce con cui c’è un costante contatto. Sul tavolo ci sono due ipotesi, la prima potrebbe portare alla ristrutturazione del Via del Mare, la seconda però potrebbe portare al partenariato pubblico privato, che si sono già manifestati che potrebbero portare ad un investimento di circa 25 milioni di euro, e questo apre scenari ancora più interessanti. Entro la fine dell’anno inizieranno i lavori per la realizzazione del centro sportivo del Lecce, la società si sta espandendo e la società ha bisogno di un centro sportivo di proprietà, la nostra idea è quella di avere una casa di proprietà, presto presenteremo un progetto concreto, non un render che rimane fantasia. In questi giorni abbiamo fatto dei lavori importanti all’interno degli spogliatoi dello stadio”.

CORVINO. Siamo arrivati in Serie A con un percorso virtuoso che abbiamo tracciato e programmato raggiungere questi obiettivi che abbiamo raggiunto noi, senza traccia e programmazione non si ottengono. Durante questa pandemia i club ci hanno messo tanto, noi in tutto questo periodo abbiamo fatto un salto di categoria, abbiamo messo in atto una programmazione sana in cui abbiamo posto l’obiettivo di porre le basi per un futuro importante. In questi due anni possiamo dire che fino a questo punto abbiamo un bilancio positivo. Per quanto riguarda la Serie A, abbiamo scelto di partire da considerazioni e valutazioni che tenevano conto di quello che avevamo fatto, abbiamo tenuto una base e con giocatori giovani come Gendrey e Gallo che oggi sono titolari in Serie A, oltre a loro ci sono alternative che possono essere importanti come Tuia che è stato protagonista nelle gare contro Napoli e Torino. Ci sono anche dei giocatori che stanno dando un contributo importante come Hjulmand, Gonzalez e Strefezza. Oggi abbiamo otto punti di vantaggio e per noi, neo promossi è un dato importantissimo, considerando con chi siamo saliti dalla Serie B e chi abbiamo trovato in questo massimo campionato. Al di là della classifica bisogna vedere come la squadra ottiene i punti, con un sano equilibrio, se pensiamo alla fase realizzati con quella difensiva, troviamo una media da far paura per una neo promossa e questo è un indicatore importante che ci fa capire che siamo sulla strada giusta ma che è ancora molto lunga. Ci fa capire che tutti gli sforzi che abbiamo compiuto che ne valeva la pena farli, oggi però vogliamo dare continuità a questi sforzi. Il mercato di gennaio sarà ancora in linea con la politica di oggi e quindi ancora sostenibile, noi cerchiamo di fare il meglio con quello che possiamo, noi continuiamo su questa strada difficile e ardua, ma che ci porta verso un futuro che ci da continuità. Non abbiamo bisogno di interventi esterni, noi in questi due anni e tre mesi ci abbiamo messo anima e cuore per cercare di arrivare a questo punto e questa è la strada che continueremo a percorrere. Il mercato invernale è avaro e non vogliamo alterare quello che di buono stiamo facendo, andremo a fare degli aggiustamenti relativi, il resto lo dovrà fare il lavoro sul campo perché questa squadra, la più giovane del campionato, ha ancora margini di miglioramento e questi si ottengono con il lavoro sul campo e non attraverso il mercato, ma siamo vigili su tutti i fronti”.

Spazio alle domande in questo momento

BUDGET PER IL MERCATO. Sticchi – Non abbiamo ancora parlato del budget. Noi però non abbiamo il mercato in entrata, quello che conta è che l’operazione in entrata compensi quella in uscita, non dobbiamo perdere l’equilibrio che abbiamo in questo momento”. Corvino. “Il mercato di gennaio che ci apprestiamo ad affrontare è diverso da altri che abbiamo vissuto, oggi abbiamo una squadra equilibrata che già se la può giocare, tutto però è migliorabile, vogliamo procedere con questo equilibrio. La proprietà non mi da un budget, per comprare dobbiamo vendere, i titolari non vogliamo venderli i giocatori bravi rimarranno a Lecce in questa sessione di mercato. Chi arriva a gennaio non arriva per simpatia ma perché deve essere utile».

UMORI DELLA PIAZZA. Sticchi – Sicuramente fa parte del calcio, noi però abbiamo una certa continuità di risultati, a differenza di altre squadre che hanno delle serie importanti di sconfitte, ma ci sono i precedenti che lasciano speranza a questi club. Devo dire però che dopo la partita contro la Juventus si è respirata un’aria un po’ pesante, ma fa parte del gioco, fino a quando però si tratta di critiche del tifoso deluso si accettano con equilibrio, però , come dico ai giovani, non dobbiamo farci contagiare dai social. Esistono due mondi, quello dei tifosi reali che ha delle critiche costruttive, poi c’è quello dei social, dove si annidano dei tifosi apparentemente feriti e sputano, veleno, sentenze e offese, ma questi sono tifosi con altre finalità e questa parte non deve essere presa in considerazione, le critiche che aiutano a crescere beneventano. Abbiamo una tifoseria matura che ci aiuta in qualsiasi momento. Il tifoso che vuole bene al Lecce c’è sempre e quest’anno ci sono stati sempre, la parte offensiva, violenta e cattiva, vanno isolati ed emarginati e quella parte è dannosa e questa deve essere una battaglia di tutti, chi distrugge va isolato”.

IL MERCATO DELLE IDEE. Corvino – Ho una proprietà che mi ha dato delle linee guida e ci devo camminare sopra e con molta umiltà dobbiamo seguirla, non vogliamo illudere i tifosi e nemmeno chi lavora con me. Io non sono un direttore che prende l’allenatore ed esegue quello che chiede, io quando scelgo un allenatore, devo capire se lui sceglie anche me, il secondo approccio quello relativo alla parte tecnica, io interagisco nelle scelte e nelle considerazioni, l’allenatore capace è quello che riesce ad esaltare il lavoro dei del direttore io con il mio allenatore discuto di tante situazioni. Io non entro nelle scelte e non chiedo mai la formazione perché fa parte del mio modo di fare, con me gli allenatori basta che seguono le linee guida iniziali poi le scelte le devono fare da soli. Per quanto riguarda il mercato in uscita, a gennaio nessuno è cedibile”.

TRINCHERA.  Il nostro è un lavoro che parte dal lontano dal primo anno di Serie B, abbiamo scelto puntare su un gruppo giovane. Noi abbiamo delle responsabilità nei confronti di chi ci ha dato fiducia. Ogni giorno siamo in contatto con la società e con la squadra. In questo gruppo si è creato uno spirito importante non ci possiamo permettere il lusso di fare delle prestazioni in linea con gli altri, dobbiamo spingere. Ripartiremo tra mille difficoltà ma con lo stesso spirito che ci ha contraddistinto fino a questo momento”. 

IL FUTURO DI GONZALEZ. Corvino – Abbiamo un’opzione per gli anni successivi a costi di primavera, stiamo parlando perché merita un riconoscimento”.

OBIETTIVI DI MERCATO – Trinchera – “Noi saremo molto vigili, partiamo però dal presupposto di un gruppo che ci ha dato non poche soddisfazioni, anche perché ci manca qualche punto, abbiamo un’organico che ha dimostrato un grande potenziale, facciamo delle valutazioni tecniche anche a distanza con il mister, facciamo delle valutazioni in cui dobbiamo mettere a frutto le nostre idee e le nostre intuizioni su dei ragazzi che hanno delle prospettive, siamo però pronti a cogliere al volo delle opportunità”.

ORGANIZZAZIONE DELLA PAUSA.  – Trinchera –Il tour in Indonesia abbiamo pensato che dal punto di vista sportiva poteva essere controproducente, abbiamo stabilito un programma di lavoro con il mister per la ripresa che prevedono della amichevoli sulle quali stiamo lavorando, in questo momento non è facile trovare dei club disponibili”. 

 

32 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

32 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Sondaggio sul mercato invernale: due terzi dei lettori promuovono Corvino e Trinchera

Ultimo commento: "RAGAZZI TRA TUTTI I COMMENTI NEGATIVI C'E' SEMPRE LA STESSA PERSONA, CHE PURTROPPO E' OSSESSIONATO DAl SALENTO IN TERMINI DI INVIDIA,PASSA LE GIORNATE..."

Gol dell’anno 2022, vince il siluro di Colombo che ha fatto tremare il Maradona (VIDEO)

Ultimo commento: "Giusto non abbassare la guardia, i conti si faranno alla fine, complimenti fin'ora più che meritati ma guai a scendere in campo convinti che..."
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News