Resta in contatto

Miti

Pedro Pablo Pasculli

Pedro Pablo Pasculli

Primo vero colpo di mercato da Serie A del Lecce, per sette stagioni è stato il terminale offensivo dei giallorossi, ottenendo una promozione e due storiche salvezze. Con tanto di Mondiale conquistato durante la sua permanenza nel Salento.

Di bomber il Lecce nella sua storia ne vanta tanti, dall’epoca delle origini fino alle recenti prodezze valse il ritorno in Serie A. Restando tuttavia in tema di massima categoria, uno solo è il nome che più di tutti ha, per decenni, occupato con la sua maglia numero 9 animi e cuori dei tifosi giallorossi: Pedro Pablo Pasculli.

La punta di Santa Fe è infatti il bomber per eccellenza della storia della prima versione del Lecce tra i grandi. Il presidente Jurlano lo portò al club nell’estate del 1985, quella dell’allestimento della rosa per la Serie A, assieme al connazionale Barbas.

Era quella l’epoca d’oro del campionato italiano, all’unanimità considerato come il migliore al mondo. Magari non in termini di spettacolo, di certo in termini di competitività. Ecco perché anche le piccole neopromosse come il Lecce avevano bisogno del colpo di mercato, dell’attaccante di qualità superiore alla media della squadra per poter almeno competere con le rivali. E questi fu proprio Pasculli, considerabile il primo colpo dell’era giallorossa in Serie A.

Centravanti brevilineo, ma rapido e dotato di grande atletismo, l’argentino rappresentava il prototipo nel 9 anni settanta e ottanta. Un cecchino alla Gerd Muller, per caratteristiche, o ancor meglio alla Mario Kempes, suo connazionale del quale seguirà le orme in termini di successi albicelesti. Sì, perché dopo la retrocessione al primo anno con un Lecce troppo acerbo per la A, Pasculli avrà il prestigio di vincere il Mondiale ’86 con la sua Argentina. Iride raggiunto anche grazie alla sua marcatura negli ottavi con l’Uruguay.

Nonostante l’oro mondiale che lo rende l’unico calciatore ad aver vinto tale titolo durante la sua militanza nel Lecce, il santafesino resterà nel Salento anche in Serie B, per riconquistare la promozione a suon di gol, 12, due anni dopo. E saranno ancora le sue marcature decisive per i giallorossi a ottenere le prime salvezze del club in A, quelle datate ’89 e ’90, in cui il Lecce riesce a misurarsi a testa alta con il Napoli di Maradona, l’Inter dei record e le altre big dell’epoca.

Proprio nel 1990 Pasculli ottiene il suo record di centri in A con i salentini, 9. In totale il bottino in massima serie sarà di 29 gol, record battuto da Chevanton nel 2004. Le presenze e reti totali arriveranno, fino al 1992, a 214 e 53. Numeri importanti che lo rendono una delle bandiere della storia del Lecce.

Oggi Pasculli continua ad essere protagonista, sebbene di un calcio di caratura minore rispetto a quello che ha vissuto da giocatore. In panchina per lui diverse esperienze tra i dilettanti in Italia e altre in giro per il mondo, vedi quelle da ct dell’Uganda o, in ultima istanza, da allenatore dei gallesi del Bangor City. Ma il suo cuore, le sue nuove radici sono lì, in quel Salento che lo ha abbracciato ed adottato, portandolo nell’olimpo del calcio italiano.

Cosa è stato, cosa ha rappresentato per voi Pedro Pablo Pasculli? Ditecelo qui.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Valerio
Valerio
1 mese fa

Pedro Pablo.. un grande professionista.. ricordo i suoi gol.. soprattutto quello a Bari su punizione quando mancavano pochi minuti alla fine e pareggiammo il derby. Ma l’episodio del faccia a faccia con Tacconi rimane indelebile. ( 1989 – Lecce – Juventus 2-0 ) . Sul dischetto del rigore Pasculli riusci’ a mantenere salda la concentrazione e segnò il 2-0 nonostante la provocazione del portiere bianconero che toccò la palla spostandola dal punto di battuta.. glaciale Pedro Pablo..

Walter 73
Walter 73
1 mese fa

Un guerriero, un indomabile sicuramente il giocatore che assieme a Barbas ha rappresentato il nostro Salento ad alti livelli. Tre gol:il rigore contro la Juve di un Tacconi antisportivo,il rigore procurato all’Olimpico contro la Roma di Conti e la fucilata al San Nocola allo scadere contro il Bari.

Paoletto
Paoletto
1 mese fa

Barba pasculli come gullit e van basten detto da un milanista.
Paoletto

Attila
Attila
3 mesi fa

Aveva cuore e passione per la maglia giallorossa e la gente lo ha ricambiato con affetto e calore grande Pedro Pablo

Maurizio
Maurizio
5 mesi fa

Finalizzatore fantastico

RosarioBiondonelcuore
RosarioBiondonelcuore
5 mesi fa

Schiappa???!!! Anche ai tempi in cui giocava con noi c’erano i contestatori. Io ho solo ricordi positivi sono estremamente contento che ormai è un salentino a tutti gli effetti e mi dispiace che la sua carriera di allenatore nn sia mai veramente decollata come quella precedente

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Una schiappa

Lupiae nel cuore
Lupiae nel cuore
5 mesi fa

Schiappa???? Ma stai scherzando? La verità è che il livello della serie A di quegli anni era altissimo, oggi 2 come lui è Barbas non potrebbero mai giocare nel Lecce. In quegli anni anni in squadre di provincia giocavano giocatori di valore assoluto, i nomi? Junior Zico Diaz e poi Passarella, Platt, Stromberg. Oggi sarebbero titolari nelle squadre di prima del campionato di serie A, altro che i super pagati divi della serie A odierna

Giuseppe Sarro
Giuseppe Sarro
5 mesi fa

Inimitabile n.9

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Un Pastanaca Tachtsidis ante litteram <3

Lupiae nel cuore
Lupiae nel cuore
5 mesi fa

Nel Lecce di Mazzone Tachsidis non andava neanche in panchina, non scherziamo. Barba,s Pasculli, Moriero, Conte, ma anche Baroni e Righetti oggi ci farebbero lottare per un posto in champions, la serie A di oggi tecnicamente parlando è scarsa, altro che chiacchiere

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Il sogno giallorosso di volare alto ❤💛

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Il cane di mia madre, morto ormai da tanti anni, ha portato con orgoglio il nome di Pedro …

Altro da Miti

  • Francesco Moriero

    Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile del Lecce, in maglia...

  • Carlo Mazzone

    Noto a tutti come Sor Carletto per la sua verace romanità, è stato tra...

  • Anselmo Bislenghi

    Lo storico bomber, nato a Sesto San Giovanni nel 1926 e deceduto troppo presto...

  • Mirko Vucinic

    Il Lecce lo ha lanciato ancora minorenne nel calcio dei grandi. Il montenegrino, 34...