Resta in contatto

Pagelle

Le pagelle di Lecce-Brescia: Rodriguez furia incontenibile, Lucio-Bjork grandissimi. Male solo i tre sostituiti

Le pagelle di Lecce-Brescia: lo spagnolo è troppo affamato per trattenerlo in panchina, grande impatto anche di Majer e Henderson. Hjulmand ancora gigante.

LECCE:

Gabriel 6 – Doppia beffa per il brasiliano, che vive una serata tranquilla come non accadeva da tempo. E’ bravo a ribattere su Ayè ed avrebbe salvato il gol, non fosse per il clamoroso strafalcione dell’assistente che non vede un fuorigioco più che netto. Incolpevole sul bis, prima del quale è rimasto spettatore

Maggio 6 – La media tra il 7,5 che meriterebbe prima del 93′, quando è anticipato da Ayè per un’azione da 4,5. Il terzino veneto ci mette corsa ed anche qualità, concretizzata nel lancio che propizia il vantaggio di Rodriguez. Poi un paio di altri ottimi assist, soprattutto una spizzata per Hjulmand non sfruttata, prima di quel minimo di sofferenza, purtroppo decisiva, del finale

Lucioni 7 – Il vice capitano fa il capitano per una sera già di fatto nel primo tempo, vista la latitanza di Mancosu. Perfetto nella prima frazione (salva un gol quasi fatto opponendosi al tiro di Martella), compie un paio di prodezze in area anche nella ripresa, trascinando i suoi. Sui gol non può nulla

Pisacane 6,5 – Meno pulito di Lucioni, certamente non meno efficace. Il campano ringhia sugli avanti ospiti e non gli lascia nemmeno le briciole. Non sarà bello da vedere palla al piede, ma quando Gabriel subisce due soli tiri regolari c’è da essere soddisfatti

Zuta 6 – Il macedone del nord gioca finalmente una prova di sostanza difensiva e coraggio offensivo, sfornando un paio di grandi cross come quello sprecato da Hjulmand. Si trasforma poi in gladiatore insuperabile da quella parte, ed il Brescia non è mai pericoloso. Purtroppo per lui la prestazione è semi-rovinata dall’errore di posizionamento su Ayè, il cui colpo di testa regolare propizia il gol, quello sì irregolare, di Bisoli

Hjulmand 6,5 – E’ il lottatore della mediana di Corini, colui che da solo nel primo tempo si mangia avversari e crea occasioni a ripetizione. E’ quello che tira di più: ben quattro occasioni, su una è bravo Joronen ma sulle altre il danese è sprecone. Bene anche da scudo difensivo: le Rondinelle attaccano solo dalle fasce

Tachtsidis 5,5 – Il diesel greco stavolta non si è acceso, e Corini ha deciso di lasciarlo negli spogliatoi. Un paio di idee interessanti, un ottimo cross su punizione e poco o nulla altro. Il Lecce ha bisogno di ben altri ritmi

dal 46′ Majer 6,5 – Contribuisce a dare il cambio di ritmo alla prestazione dei salentini. Subito vispo, è strepitoso nell’avviare dal settore destro l’azione che porta al bis. Bene dietro, non manca di provarci nel finale mancando solo al momento della conclusione

Bjorkengren 7 – Lo svedese disputa una prova in crescendo. Dapprima si limita al lavoro sporco e ad un palleggio base, facendolo comunque bene. Alla lunga si mette la timidezza alle spalle, fino a diventare decisivo con il suo primo gol giallorosso che avrebbe meritato esito diverso di risultato finale

dal 71′ Nikolov 6 – Continua a metterci quantità, e per poco non si guadagna il rigore del possibile 3-1. Con il VAR, magari…

Mancosu 5,5 – Generosità e bozze di movimento, ma davvero poche energie. Paga il peso delle responsabilità e la mancanza di una vera alternativa sulla trequarti che gli abbia consentito di tirare il fiato ogni tanto. I tentativi ci sono, anche un paio di buoni cross, ma manca totalmente l’intensità delle giocate ed il Lecce è prevedibile

dal 46′ Henderson 6,5 – Lo scozzese aiuta a dare l’inversione di tendenza al match giallorosso. Entra alla grande in campo, e dopo pochi minuti è già lì a sfornare assist a ripetizione. Uno è raccolto da Bjorkengren per il 2-0, poi non riesce a dare adeguate coperture difensive

Stepinski 5 – Scendere sotto l’insufficienza piena per un solo tempo sarebbe ingeneroso, ma non che in teoria il polacco non meriterebbe un voto più basso. Al di là dell’inconsistenza che condivide con un po’ tutta la fase offensiva, è davvero agghiacciante l’incapacità di tenere un pallone e di svolgere il lavoro sporco, il pressing, la sponda. Regaliamoli una cassetta di Rodriguez, affinché impari un minimo di concetto di vitalità

dal 46′ Rodriguez 7,5 – Lo spagnolo è semplicemente una furia incontenibile. Il gol realizzato dopo 19 secondi è notevolmente eloquente della voglia, della grinta e della fame di lottare per la maglia e per emergere che ci mette questo ragazze, che compagni ben più grandi dovrebbero prendere come esempio. Poi ancora assist per i compagni e una prodezza negatagli da Joronen

Coda 6 – Dopo una prima frazione da impalpabile, ne gioca una seconda poco meno che sontuosa. L’assist per il vantaggio di Rodriguez è un cioccolatino quasi bissato poco dopo. Meno preciso invece nei tentativi di soluzione personale che per poco non valevano il 3-0

dall’89’ Gallo sv

All. Corini 6,5 – L’allenatore non fa la formazione migliore, ed il primo tempo è contratto anche se abbiamo visto di peggio. Con i tre coraggiosi cambi dà una svolta al match e la ripresa è dominata, salvo un paio di cross avversari che purtroppo incidono sul risultato finale. Questa prestazione avrebbe comunque meritato ben altro esito

BRESCIA:

Joronen 7 Mateju 5 (81′ Bjarnason sv) Mangraviti 6 Chancellor 5,5 Martella 5 (71′ Karacic 6) Bisoli 6,5 Lobojko 6 Jagiello 5,5 Spalek 5,5 (59′ Pajac 6)  Ayè 6,5 Donnarumma 5,5 All. Clotet 6

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Un calciatore esemplare, un campione che avrebbe meritato di più. Purtroppo come regista nella sua Argentina c'era un certo Diego Maradona... ma..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Pagelle