Resta in contatto

Approfondimenti

Schick, gli incompiuti hanno sempre tempo per andare in paradiso

La Repubblica Ceca, nazione che con gli Europei ha un legame già pieno di storie, da Panenka, cecoslovacco, alla medaglia di argento di Euro’96, inaugura al meglio quest’esperienza con l’estro di un “vecchio 25enne” come Patrick Schick. L’ossimoro è necessario. Il nome dell’attaccante, in Italia, è legato agli apici non toccati con la Roma dopo le 11 reti che lo hanno consacrato nel grande calcio con la Sampdoria. Presentato come un potenziale crack del calcio europeo, Schick ha deciso di ripartire dalla Bundesliga: Lipsia e Bayer Leverkusen le maglie vestite in Germania dopo la fine dell’esperienza capitolina.

Oggi, Schick, per la prima volta, ha conquistato la grande ribalta degli Europei con una doppietta che ha steso la Scozia. Un gol di testa e poi, principalmente, una perla da centrocampo che ha beffato Marshall e ha finalmente posto in evidenza Schick e la Repubblica Ceca ancora una volta in una fase finale degli Europei. Se già ieri sera il gol di Yarmolenko in Olanda-Ucraina 3-2 ha fatto stropicciare gli occhi, è da capogiro l’idea di Schick, scagliata da distanza siderale senza neanche guardare la porta.

E’ bello assistere a prodezze da parte di calciatori finiti troppo spesso nel tritacarne degli eventi. Il mancato trasferimento alla Juventus e, mesi dopo, il mancato gol in uno Juventus-Roma, hanno spento la fiamma di Schick, uomo copertina di una Repubblica Ceca che si è fatta conoscere alla ribalta mondiale negli anni d’oro con Nedved, Berger, Poborsky, Smicer e Rosicky, poeti dalle differenti sorti di carriera ma dal talento unico. Il giovane Patrick, finalmente fregiatosi di una prodezza simile, ha l’occasione per unirsi a questo treno. C’è tempo di andare in paradiso anche se per il tribunale degli urlatori stai per diventare (o sei già) un incompiuto.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima di scrivere di sor Carletto dovevate sentire lui e stato citato tutto ma le sue vere origini. Fu scoperto da Costantino Rozzi e le vere gesta la..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Il talento più puro che abbia indossato la maglia giallorossa..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "I mercenari non devono aver voce in capitolo.... quelli passano....i miti invece restano immortali"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Grandissimo Kecco anche come allenatore...non ha la fortuna di altri... però è vero anche che in quella circostanza lo ricordo benissimo il..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "'Grande Beto"
Advertisement

Altro da Approfondimenti