Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Dany Mota: “Porto il Monza in A e poi i Mondiali. Mi piace Coda…”

L’ala portoghese dei brianzoli si è raccontata in un’intervista alla Gazzetta dello Sport.

ESTATE. “Mi sono strappato nella finale degli Europei U21, poi ho avuto un altro guaio muscolare. Rientrare così nel derby però ha dimostrato che ora sto bene. Le grandi aspettative dopo gli Europei U21? È normale, quando fai bene e ti metti in mostra, tutti si aspettano tanto. L’importante è essermi ripreso bene, avanti così, ma sia chiaro: due gol non bastano. La mia valutazione è schizzata? Io non penso a quelle cose, sono questioni della società. È normale che se ne parli, quando fai bene è così, poi magari non segno più e non valgo nulla.

ANNO PASSATO. “Come mi sentivo la scorsa stagione con Balotelli e Boateng? Io non sono una stella. Era il mio primo vero anno in B dopo l’Entella, mi sentivo un po’ chiuso, eravamo in tanti. Ma la colpa è mia, dovevo segnare di più. Il mio obiettivo è quello di andare in doppia cifra. Ho un premio speciale? Me lo sono dato da solo. 

MONZA E FUTURO. “Un altro attaccante a gennaio? Sarei contento, sarebbe un aiuto per la squadra. La concorrenza fa bene, è un problema se non c’è. Chi vorrei accanto tra i bomber della B? Mi piacciono Tutino e Coda, ma come partner vanno bene quelli che ci sono qui, nel Monza abbiamo i migliori. Cos’è cambiato per me da Brocchi a Stroppa? Adesso posso stare più vicino alla porta, prima svariavo di più. È cambiato tanto, anche negli allenamenti. Sono bravissimi entrambi e io riesco a crescere. Il numero 47? È il quartiere dove sono nato in Lussemburgo. Ma presto la mia famiglia tornerà a Oporto. Tifo Porto? No, Benfica”.

SOGNO MONDIALE. “Chances con la Nazionale maggiore? Sono in ballo, dopo gli Europei mi hanno detto che il percorso è quello. Però la concorrenza è tosta: Diogo Mota, Andrè Silva, João Felix e Leao. Con Rafael eravamo in camera insieme agli Europei, adesso ci vediamo a Milano”. 

SCELTE. “Cosa scelgo tra il Monza in A e i Mondiali, playoff permettendo? Facile: prima il Monza in Serie A, e se succede credo che in Qatar potrò andarci anche io. E comunque ai playoff speriamo di non beccare l’Italia. Cristiano Ronaldo? Con me è stato perfetto in quei sei mesi alla Juve. Quando sono arrivato mi conosceva già e mi ha sorpreso. Trasmette mentalità vincente, dice di coltivare il talento, di lavorare tanto e di volere sempre di più. Infatti nelle partitelle, quando giocavo con lui, ho sempre vinto. E quando ero contro, ho sempre perso. Fuori dal campo scherzava più di Balotelli. Se mi ha consigliato lui di farmi assistere da Mendes? Sì, mi ha fatto piacere“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Perfavore Ulivieri non farebbe panchina neanche in una squadra di serie C"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario