Resta in contatto

News

QL – Faggiano: “Il Lecce ha una buona base. Shakhov? Lo volevamo a Parma”

Daniele Faggiano Parma

Il d.s. del Parma, salentino, ha concesso una lunga intervista al Quotidiano di Lecce dove si è soffermato su numerosi temi.

Daniele Faggiano ha percorso la stessa strada del Lecce, una veloce scalata dalla C alla A che lo ha eletto come un dirigente vincente da Trapani all’Emilia. Dopo il primo anno di Serie A, giocato ottimamente con i ducali, il vegliese ha iniziato la chiacchierata con un retroscena di mercato.

L’UCRAINO. “Jevhen Shakhov piaceva anche a noi. Gli stavo dietro da tempo. Ha giocato un gran campionato al PAOK dove è stato determinante per scudetto e Coppa di Grecia. E’ un centrocampista fisico con spiccata duttilità nell’interpretazione dei ruoli e delle contingenze della gara. In fase realizzativa, poi, mette a frutto i tempi degli esordi da attaccante. Non l’ho preso perché avevo i conti bloccati. Meluso è stato bravissimo”.

SALVEZZA. “La via della salvezza affascina, proprio perché ti metti in gioco con le tue capacità di interpretare e vivere la difficile situazione del passaggio. Si lavora su una squadra che ha fatto grandi cose in B, con un’ottima base. E’ vero che le neopromosse hanno una fascia a sé nella scala dei valori. Il rodaggio è tosto, ci vuole bravura. Diventa importante la voglia che ci mettono i giocatori promossi nell’essere all’altezza del nuovo compito. A noi è successo con Gagliolo e Barillà”.

BASE LECCE. “Il Lecce ha una base di riferimento. Penso a Mancosu, che meritava la A già prima, al mio Pippo Falco di Trapani. Non devono perdere l’occasione. Poi ci sono Petriccione, Calderoni, Lucioni, Tachtsidis, Majer. Liverani sa dove possono arrivare i suoi uomini”.

LIVERANI-D’AVERSA. “Sono due grandi allenatori di grandissimo avvenire. Fanno vivere il calcio nella dimensione umana e professionale e sanno guardare aventi. Mercato? Liverani sa quello che serve. Mi è piaciuto il doppio colpo Gallo-Lo Faso, un segnale importante di una società che guarda lontano. Conoscevo Gallo, una promessa. Yilmaz? Parla la carriera. Lapadula è uno che può fare male agli avversari quando sta bene. Conosco bene anche Rossettini, professionista serio”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Lorusso è il giocatore simbolo di tutta la storia calcistica del lecce. È stato un grande è stato tra i primi giocatori ad essere molto altruista..."
Advertisement

Altro da News