Resta in contatto

Approfondimenti

Paz: il colosso argentino a Lecce per dare un senso all’avventura europea

Il difensore albiceleste arriva dal Bologna in prestito con diritto di riscatto. Al Via del Mare ci sarà voglia di rivalsa, e spazio da conquistare, dopo le sole 5 presenze in A coi rossoblu.

Nehuen Paz, un gigante alla riscossa. Il granitico centrale (193 cm) è la carta consegnata da Meluso a Liverani per il pacchetto arretrato. Il 26enne, di piede sinistro, potrebbe essere anche una soluzione sulla corsia sinistra. In carriera, infatti, oltre allo stopper, Paz ha occupato la corsia mancina in una difesa a quattro.

CARATTERISTICHE. La stazza non fa di Paz un fulmine di guerra, ma le lunghe leve permettono una discreta velocità sul lungo e una propensione agli interventi in anticipo e scivolata. Di buona tecnica, in Argentina si è spesso distinto per la ricerca d’impostazione dal basso. In Serie A, ovviamente, tutto è diverso, ma un’ipotetica continuità di rendimento da conquistare a Lecce affinerebbe anche quest’aspetto. La struttura fisica, poi, fa di Paz un’interessante arma in più in proiezione offensiva: il bottino di gol è magro (2 con il Newell’s Old Boys), ma in stagione si ricorda anche la preziosa sponda per Dzemaili, autore del 2-2 bolognese nella partita contro il Parma.

CRITICITA’. Spesso, già dai tempi argentini, si è rimproverata a Paz l’eccessiva irruenza nei contrasti. Negli anni dei campionati sudamericani, il ragazzo aveva di media 4/5 ammonizioni, tante se si conta che un torneo contiene 20/25 partite. L’ultima partita giocata col Bologna, il derby vinto con la Spal, ha visto un’espressione di ciò con il fallo in area, un contrasto a palla lontana con Di Francesco, che ha portato al rigore per i padroni di casa.

IN ARGENTINA. Paz cresce nelle giovanili dell’All Boys, squadra di B argentina del quartiere Floresta, a Buenos Aires. La scalata raggiunge il primo risultato con l’esordio in prima squadra, contro il River Plate nel 2013/2014, e annessi fari puntati in Argentina alla voce prospetti. Le porte della Primera Division argentina si aprono nel 2015: il Newell’s Old Boys lo tessera e lo utilizza con buona continuità. Lo score finale parlerà di 57 presenze (con i 2 gol già menzionati).

BOLOGNA ATTENTO. L’arrivo in Italia si è concretizzato nell’estate del 2018. Gli emiliani hanno sfruttato i problemi economici della squadra di Rosario e hanno strappato Paz per 800mila euro più un 10 percento sulla futura rivendita. La prima annata senza apici stava per indurre Paz a tornare in patria, ma a luglio non si è andati al di là dell’interessamento da parte del Boca Juniors. Sotto le due torri si parla di lui come un oggetto misterioso. Starà alla militanza di Lecce l’eventuale risposta ad invertire il trend.

ESORDI DIFFICILI. La prima gara disputata da Paz in Italia non è stata certo delle più semplici. Il Bologna, allora allenato da Filippo Inzaghi, lanciò l’argentino nel 2-0 rimediato a Torino contro la Juventus del 26 settembre 2018, non certo il debutto più agevole per un atleta appena sbarcato in Europa. Di calibro pesante anche il bis dello scorso campionato: Paz rivide il campo, già agli ordini di Mihajlovic, in Atalanta-Bologna 4-1.

 

 

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Fatelo giocare fuori dai 16 metri… MEGLIO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Europea a chi?

Lum
Lum
7 mesi fa

Un campione insomma

RosarioBiondonelcuore
RosarioBiondonelcuore
7 mesi fa

Se penso che ci sono Andreolli Silvestre e Rolando svincolati
In attacco c’è un certo Matri.
Peccato non aver potuto approfittare

Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Grande Carlo pane e pallone con l'orgoglio di averlo avuto come allenatore"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "L'ho visto crescere, abitavamo a pochi metri alla Staffa, alla 167. É stato un ottimo giocatore di A e B. Come allenatore non saprei, ma a lui come a..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Una classe cristallina"

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Un fuoriclasse"

Pedro Pablo Pasculli

Ultimo commento: "Pedro Pablo.. un grande professionista.. ricordo i suoi gol.. soprattutto quello a Bari su punizione quando mancavano pochi minuti alla fine e..."
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti