Resta in contatto

News

L’amore di Mazzone per Lecce: “Amavo passeggiare la sera tardi per rilassarmi. Palaia un amico fraterno”

Ripercorriamo l’amore del leggendario allenatore romano per la città di Lecce riportando dei passi de “Una vita in campo”, autobiografia scritta dallo stesso Mazzone con Marco Franzelli e Donatella Scarnati.

IL MODO DI VIVERE.Ogni panchina per me è una grande passione, anzi: un matrimonio. ‘Dove ho allenato, ho sposato’, questo è il mio motto. Nel senso che quando mi spostavo in una città ne sposavo la causa calcistica, ne abbracciavo la fede, mi innamoravo pazzamente di quel gruppo, di quel luogo, di quei tifosi”.

ARIA DELLA CITTA‘. “Ad esempio Lecce. Ci sono stato quattro anni. Dalla metà del campionato 1986/1987 in avanti. Il primo anno arrivammo fino agli spareggi per la promozione, l’anno dopo vincemmo il campionato di Serie B, poi due anni in Serie A. Una bella città, Lecce, ho capito perché la chiamano la ‘Firenze del Sud’. Mi piaceva passeggiare per le strade la sera tardi. Uscivo dal mio albergo e passeggiavo a lungo, per rilassarmi e pensare ai fatti miei. Mi conoscevano ed ero amico di tutti, mi salutavano sempre con un sorriso”. 

IL VIA DEL MARE. “E poi lo stadio di Lecce: quando entravo e mi guardavo attorno avevo l’impressione di essere ad Ascoli, forse perché quello stadio, il Via del Mare, era stato costruito da Costantino Rozzi“.

IL RAPPORTO SPECIALE. “Al medico della squadra, Peppino Palaia, un amico fraterno, sarò sempre riconoscente insieme a tutta la mia famiglia perché, con una diagnosi tempestiva ed esatta, ha salvato la vita di mia moglie. Andarsene da Lecce fu un piccolo dolore”. 

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Un grande uomo ed un grande allenatore. Penso che sia tra gli allenatori più amati d’Italia

Santino
Santino
1 anno fa

Il migliore allenatore che abbia mai avuto il Lecce Grazie mister Carlo Mazzone

RosarioBiondonelcuore
RosarioBiondonelcuore
1 anno fa

Per me il migliore allenatore del LECCE DI TUTTI I TEMPI SAPEVA valorizzare i giovani e caricare i grandi con il bastone e la carota un calcio di altri tempi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Un grande ?❤️

Danilo
Danilo
1 anno fa

Un signore in tutti i sensi!

Walter 73
Walter 73
1 anno fa

Mister Mazzone, quanti ricordi quante battaglie, una su tutte la partita spareggio contro il Torino,lei è stato un Signore oltre che un tecnico di calcio e la sua spontaneità e simpatia hanno lasciato un segno indelebile tra noi tifosi giallorossi. Di sicuro lei rimarrà per sempre tra i migliori allenatori che il Lecce abbia mai avuto . Grazie per le emozioni che ci ha regalato.

F......a. B....i
F......a. B....i
1 anno fa
Reply to  Walter 73

Ma quale signore, un provocatore, un vastaso che di signorilità non aveva nulla… Quali insegnamenti ai bambini, maestro di come si arrivava alle risse

Salvo
Salvo
1 anno fa

Un grande uomo, prima ancora che un grande allenatore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Da metà 1986-87, per essere pignoli ?

Luigi
Luigi
1 anno fa

Un grande uomo e un grandissimo mister, Carlo Mazzone per sempre nel cuore dei salentini. Grazie sor Carletto

Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "❤️IMMENSO “BETO”💛"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima di scrivere di sor Carletto dovevate sentire lui e stato citato tutto ma le sue vere origini. Fu scoperto da Costantino Rozzi e le vere gesta la..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Il talento più puro che abbia indossato la maglia giallorossa..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "I mercenari non devono aver voce in capitolo.... quelli passano....i miti invece restano immortali"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Grandissimo Kecco anche come allenatore...non ha la fortuna di altri... però è vero anche che in quella circostanza lo ricordo benissimo il..."
Advertisement

Altro da News