Resta in contatto

Approfondimenti

La Mantia contro il Lecce: prima volta da avversario per l’ariete-promozione

Lecce-Empoli rappresenterà la prima volta di Andrea La Mantia contro il Lecce. Nello stadio che lo ha visto raggiungere il record di gol in Serie B (17), il bomber sarà sempre ricordato come il centravanti dei giallorossi di Liverani.

Avversario un anno dopo. Sono passati poco più i 365 giorni dall’ultima presenza con il Lecce di Andrea La Mantia. I 10′ disputati nel finale contro l’Udinese (0-1 con guizzo di De Paul) sono stati l’ultima pagina di un racconto bellissimo, fatto di sorprese e accelerazioni inaspettate nel momento più importante della cavalcata promozione del Lecce 2018/2019. 10 delle 17 reti segnate con la maglia giallorossa in B sono giunte infatti tra febbraio e aprile, dalla rimonta rocambolesca con il Livorno alla vittoria sotto il diluvio di Pasquetta a Perugia. Due mesi che hanno spinto sempre più su il Lecce, due mesi che hanno regalato la ribalta più importante a La Mantia, al terzo anno in dopo la doppia cifra di gol con la Virtus Entella (13) e le 9 firme in maglia Pro Vercelli.

Prima di lasciare il Lecce, La Mantia ha avuto modo d’iscrivere il suo nome anche nello scorso campionato, cominciato con l’atipico debutto da esterno d’attacco a San Siro contro l’Inter. Dopo la prima rete, ininfluente, in casa della Lazio, c’è il sigillo di LaMa in una delle vittorie esterne raggiunte dalla banda Liverani. Il suo gol di rapina e forza fisica ha infatti consegnato tre punti al Franchi di Firenze il 30 novembre 2019, su assist di Shakhov. Purtroppo, il momento più alto della sua esperienza salentina era l’anticamera della fine. Durante il calciomercato di gennaio, la società ha deciso di monetizzare dalla sua cessione e la trattativa con l’Empoli ha preso forma. Paradossalmente, l’eventuale promozione dei toscani, potrebbe giovare alle casse leccesi. I 3,3 milioni di euro pagati un anno fa dal club empolese, potrebbero andare a superare i 4,5 in base a bonus legati alle reti realizzate. E, soprattutto, all’eventuale promozione dell’Empoli entro i due anni.

Ora, il quadro è diverso. L’Empoli, dopo la mezza stagione di assestamento, è al momento la più seria candidata al salto in Serie A e lo scontro diretto vinto nettamente sulla Salernitana è stato benzina sul fuoco delle ambizioni dei ragazzi allenati da Alessio 3,3 milioni di euro pagati subito dal club biancazzurro, che andranno a superare i 4,5 in base a bonus legati alle reti realizzate. E, soprattutto, all’eventuale promozione dell’Empoli entro i due anni. La Mantia, da girovago del gol qual è sempre, si è adattato e quest’anno ha composto con Stefano Moreo e Leonardo Mancuso un trio che si candida a dominare la cadetteria, dove però sgomiteranno anche i tre tenori giallorossi Mancosu-Coda-Stepinski. Domenica pomeriggio, in uno stadio silenzioso che ormai sta per divenire abitudine, La Mantia sarà avversario. Di sicuro non mancheranno ricordi, abbracci e (purtroppo pochi) applausi.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti