Resta in contatto

Rubriche

Penna in trasferta – Mosca (La Città di Salerno): “Lecce e Salernitana due filosofie agli antipodi”

Il collega Alessandro Mosca ha raccontato nel dettaglio la situazione in casa granata nella nostra rubrica dedicata al punto di vista avversario.

Come arriva il Salernitana alla sfida di venerdì? Che match di aspetti?

“Ci arriva con un po’ di trepidazione derivante dall’attesa di un match che si presenta da solo. Ed in positivo, perché nell’era Lotito è la prima volta che il club campano arriva a questo periodo giocandosi addirittura la promozione diretta. Dopo gli scetticismi e la contestazione estiva il clima è cambiato almeno nei confronti di tecnico e squadra, mentre gli attriti per la società restano tutti. La piazza, però, ha capito l’importanza di questa partita. La squadra è solida, la striscia positiva è lunga undici gare e non subisce gol da sette. A Lecce sarà una prova di maturità tra due squadre dall’approccio antitetico, quindi è difficile prevedere come andrà a finire, anche se per la posta in palio penso possa essere una gara abbastanza bloccata”.

Come giudichi fino ad oggi il campionato di Lecce e Salernitana? Come pensi possa andare a finire?

“Il Lecce ha iniziato male, per sfruttare poi il grande equilibrio di questa stagione e rientrare. Solo il Monza credo abbia la qualità dei giallorossi, rinforzati ulteriormente da colpi invernali come il fortissimo Hjulmand. La posizione attuale parla chiaro su quanto di positivo stiano comunque facendo i salentini. Riguardo la Salernitana, sinceramente non mi aspettavo un cammino del genere. La società ha lavorato sottotraccia mai come prima, mettendo tutti gli ingredienti al posto giusto e Castori ha fatto il resto. Si sono fatti valere soprattutto gli elementi adatti al gioco del tecnico. Per la promozione bisogna vedere come l’Empoli ne uscirà da questo periodo complicato dal Covid, potrebbero riaprire anche il discorso primo posto. Vedo comunque favorite Empoli e Lecce, con subito dietro Monza, Salernitana e Venezia”.

Come dovrebbero scendere in campo i granata contro i giallorossi?

“Si dovrebbe giocare con il 3-5-2 con Belec tra i pali e trio di difesa Bogdan, Gyomber e Veseli. In mediana spazio a Casasola, Coulibaly, Di Tacchio, Anderson e Jaroszynski alle spalle di Tutino-Djuric”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da Rubriche