Resta in contatto

Approfondimenti

Corini alla ricerca di altri record: quattro partite senza gol subiti mancano da…

Dopo il primato nella serie (ancora aperta) di vittorie più lunga in Serie B, il Lecce non incassa reti da tre gare di fila. Il poker di clean sheet manca da settembre 2007, ma nella storia delle partecipazioni al campionato cadetto il record appartiene a Carletto Mazzone.

Una sensazione che Gabriel non avrebbe mai immaginato di vivere lo scorso anno dopo le partite con grappoli di reti subite che sono valse al Lecce la maglia nera della Serie A. Dopo mesi di patemi difensivi, il Lecce, con Frosinone, Salernitana e Pisa, ha tenuto la porta imbattuta. Sabato, nell’impegno contro la SPAL, oltre alla settima vittoria consecutiva, si cercherà di prolungare anche questa striscia. L’imbattibilità per quattro match di fila in B manca da settembre 2007. I giallorossi di Papadopulo rimasero immacolati nelle gare con Ascoli (0-0), Avellino (0-2), Piacenza (0-2) e Chievo (3-0) prima di perdere col Bologna.

IL RECORD. Nella stagione 1987/1988 i salentini, a guida Carletto Mazzone, riuscirono a mantenere l’imbattibilità per otto partite, dalla ventiquattresima alla trentunesima giornata. Nell’ordine, Arezzo, Atalanta, Padova, Lazio, Modena, Brescia, Piacenza e Genoa non riuscirono a bucare la porta difesa da Giuliano Terraneo, che quell’anno sostituì Braglia, partito titolare. I minuti senza subire reti furono 813′

SUL PODIO. Nel 1984/1985, le gare senza subire gol furono 6 (tra cui due derby vinti 1-0 con Bari e Taranto), mentre la serie senza gol subiti si fermo a 5 nel 1946/1947. Per otto volte, infine, si sono registrate quattro gare consecutive con la porta inviolata. Escludendo la già menzionata serie collezionata da Papadopulo, si denota la presenza di due strisce nello stesso campionato. Era il Lecce 1992/1993 e, con Bolchi, ci furono due poker di gare senza gol subiti da Gatta: dalla 6° alla 9° e dalla 20° alla 23°.

LE ALTRE. Quattro gare difensivamente rocciose anche nel 1986/1987 (dalla 19°alla 22°), nello storico 1984/1985 con Fascetti (dalla 26° alla 29°), nel 1981/1982 (dalla 22° alla 25°) e sotto la guida di Lamberto Giorgis nell’inverno del 1978 (dalla 18° alla 21°). Il ruolino è chiuso da un ultimo poker…meramente statistico. Nel 1976/1977, con il duo Jurlano presidente-Renna allenatore, il Lecce non incassò reti dalla 23° alla 26°. Tra queste gare si comprende però Cagliari-Lecce 0-2, gara assegnata a tavolino ai giallorossi. Nell’occasione i sardi avevano vinto di misura sul campo, ma il giudice sportivo punì il club locale poiché un tifoso scagliò dagli spalti un’arancia che mise ko Ruggero Cannito. Mano pesante sul Cagliari e vittoria giallorossa.

 

 

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
gerry
gerry
4 giorni fa

Certo, perchè il nostro possesso palla è altissimo…tenendo gli avversari nella loro metà campo…anche per questo prendiamo meno gol

Advertisement

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Checco Moriero è il più grande giocatore di tutti i tempi ad avere giocato nel Lecce. Un mix tra causio e Bruno conti, fosse andato alla..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Grandissimo Mirko nella storia di questa società, io inorerei tutti questi grandi personaggi del lecce mettendo attorno allo stadio via del mare..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "....e c ero anche io con i miei 27 anni!!"

Pedro Pablo Pasculli

Ultimo commento: "Hai ragione. Ricordo un tiro di Beto Barbas dalla trequarti del campo, preso al volo dal portiere avversario all’altezza dello stomaco, che si..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Un grande ottima visione di gioco nel centrocampo dell'epoca."
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!
Advertisement

Altro da Approfondimenti