Resta in contatto

News

Corini: “Mancosu un esempio di coraggio che porteremo sul campo. Possiamo ribaltare la situazione”

Il tecnico del Lecce Eugenio Corini ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match con la Reggina di domani pomeriggio.

MONZA. “Quel ko ha determinato che il nostro destino non dipenda più da noi. Possiamo ancora ribaltare la situazione cercando di vincere e pensando a noi. Sicuramente c’è rammarico di non poter guardare solo a noi, ma finché la matematica ci regala il sogno ci proveremo”.

MANCOSU. “Il suo è un atto di grande coraggio. Ha sofferto molto ma è stato forte e tutti gli sono vicini, in primis i suoi affetti più cari ma anche noi. Abbiamo rispettato inizialmente il suo momento, mettendoci a suo completa disposizione ma lui ha fatto qualcosa di ancor più grande. Ha dimostrato coraggio nell’affrontare questa lotta. Noi gli stiamo vicini, ma è lui che ci traina da capitano, grande uomo e grande giocatore. Il suo esempio e la sua forza la porteremo in campo anche nelle partite che ci aspettano”.

REGGINA. “Dovremo fare una grande partita per combattere un avversario in lotta per i playoff. Hanno fatto i nostri stessi punti nel girone di ritorno grazie al grandissimo lavoro successivo all’arrivo in panchina di mister Baroni. Hanno una chiara identità, giocano sia con il 4-3-1-2 che con il 4-4-2 ed hanno mentalità di gioco e qualità importanti. In attacco sono sempre pericolosi, in difesa corti e attenti ed a centrocampo hanno piedi buoni per impostare”.

FORMAZIONE. Yalcin ha talento ma non ho avuto grande possibilità di usarlo viste le condizioni. Rodriguez mi dà attitudini vicine a Pettinari, Stepinski me ne dà altre e gli devo fare i complimenti per la grande gara con il Monza nella quale ha creato due ottime palle gol. A centrocampo ho tante risorse e cercherò di scegliere le migliori anche in base delle attitudini della Reggina. Ci servirà qualità e palleggio perché ci aiuta a portare la partita dove vogliamo noi. Sceglierò elementi che me lo possono garantire”.

GESTIONE RISORSE. “Ho fatto delle rotazioni in passato, cambiare tre giocatori è comunque cambiare tanto. Ho sempre cercato di ruotare e fare delle sostituzioni per tenere tutti pronti. Non dimentichiamo che quando inserisci un elemento nell’ultima mezz’ora è comunque un bel pezzo di gara in cui incidere. Poi è chiaro che si crea sempre un canovaccio sul quale si punta, ma la rosa è sempre stata tenuta pronta alle evenienze”.

EMPOLI. “Noi dobbiamo fare bene con la Reggina per creare presupposti necessari. Poi credo anche che i campionati siano aperti finché c’è la matematica a dircelo, dobbiamo crederci e confido nel fatto che lo siano. Penso che ogni squadra sia chiamata a dare tutto quando scende in campo. Arrivando a pari punti con la Salernitana staremmo davanti, dobbiamo lavorare per far sì che questa possibilità, da parte nostra almeno, possa realizzarsi”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News