Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Monza, Galliani: “Dobbiamo vendere prima di fare mercato. Senza la pressione saremmo arrivati decimi”

“Dobbiamo vendere un mare di giocatori. Stavolta prima di indicare l’obiettivo dovrò verificare quante pedine sono uscite e che mercato potremo fare”

Adriano Galliani ha parlato al Corriere della Sera dopo la vittoria per 2-0 sul Cittadella che però non è bastata a compiere l’impresa ed arrivare in finale dei playoff di Serie B. Di seguito le dichiarazioni dell’amministratore delegato del Monza sul sogno sfumato riprese da ForzaMonza.it.

CAMBIAMENTO DI VITA DOPO IL COVID. “Completamente. Le basti sapere che lunedì mentre tornavo da Cittadella ho rischiato un incidente con un’autobotte che ha cambiato improvvisamente corsia. Altro che preoccuparmi per la sconfitta: se mi fosse venuta addosso, il risultato della partita sarebbe stato un’inezia al confronto. La mattina dopo ero alla Chiesa del Carmine per ringraziare la Madonna. Berlusconi? Il presidente oltre ad avermi mostrato affetto nei giorni del ricovero, mi ha fatto un regalo meraviglioso. Aveva letto la mia intervista a Maria con te, in cui dichiaravo che senza l’aiuto della Madonna sarei sprofondato in un abisso e che La ringraziavo per il sostegno. Ho rischiato di morire e nel pericolo mi sono rivolto a Lei ogni giorno. Silvio Berlusconi mi ha sorpreso donandomi un quadro che ritrae una Madonna con Bambino. Fantastico. Come sta? Beh l’ho sentito giovedì sera dopo la partita. Era deluso e dispiaciuto come me. Il nostro obiettivo era la promozione in Serie A”.

IL TORNEO. “Provo grande amarezza perché per un solo gol abbiamo fallito l’obiettivo. Certo non dico che se avessimo vinto 3-0 saremmo saliti automaticamente in A, poi avremmo dovuto giocarci la finale con il Venezia, però avremmo di certo affrontato la sfida con grande entusiasmo. Resta la soddisfazione di aver procurato al Monza, con il terzo posto solitario nella regular season, il miglior piazzamento della storia del club. Anche nel 1979 la squadra si classificò nella medesima posizione, ma con il Pescara con cui perse poi lo spareggio. Pentimenti? No, perché senza pressione saremmo arrivati magari decimi. Ho fissato l’obiettivo e in fin dei conti non ho sbagliato di tanto. In ogni caso i giocatori erano stati presi per raggiungere la promozione”.

BROCCHI. “Guardi, dopo decenni nel mondo del calcio ho compreso che le decisioni non si prendono mai a caldo. Prima dovrò parlare con il presidente, la nuova stagione inizierà a Ferragosto con la Coppa Italia. Pippo Inzaghi? È presto per fare nomi: rifletteremo e sceglieremo il profilo migliore”.

SQUADRA. “Calma, dobbiamo vendere un mare di giocatori. Stavolta prima di indicare l’obiettivo dovrò verificare quante pedine sono uscite e che mercato potremo fare. Le ambizioni restano, mi sbilancerò dopo aver verificato il nostro organico e quello degli avversari. Balotelli Positivo, nonostante gli infortuni. Non ha giocato molto, eppure ha segnato sei gol. A Mario voglio molto bene. Sa cosa ha fatto giovedì? Come prima le dicevo, sul 2-0 per l’eccessiva emozione ho lasciato lo stadio. Sono tornato al Brianteo quando la gara era conclusa. Sullo smartphone ho controllato il risultato e a causa della delusione, senza nemmeno rivedere gli highlights, ho preferito andare subito a casa senza entrare negli spogliatoi. A mezzanotte nessuno ha avuto il coraggio di chiamarmi, tranne Mario. Esatto. Mi ha chiesto “Boss come stai? Stai su con il morale”. È uno dei pochissimi giocatori che ho avuto in tutti questi anni a darmi del tu”.

FUTURO. “Quando sono stato dimesso mi avevano prescritto antidepressivi, che ora ho smesso di assumere. Un mese dopo l’uscita dal San Raffaele, ero stato convocato per una serie di controlli. Quattordici visite specialistiche, al termine delle quali ho incontrato lo psicologo. Mi ha chiesto se soffrissi di crisi depressive. Ho risposto sì. Il medico si è preoccupato, mi ha domandato se gli episodi fossero più frequenti la mattina o la sera. Gli ho risposto che variano a seconda dell’ora in cui giocano il Monza e il Milan”.

BUFFON. Galliani, interpellato anche dalla Gazzetta dello Sport, ha chiuso l’idea Buffon: “E’ finita prima di cominciare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario