Resta in contatto

News

Criscitiello: “Monza in A grazie a Galliani e Berlusconi senza la mano di un d.s.”

Il giornalista di Sportitalia commenta la promozione del Monza nel consueto editoriale del lunedì su tmw.

“Il Monza per la prima volta in serie A e sicuramente non sarà di passaggio. Il Dio del calcio ha dato, alla nascita, la benedizione a Berlusconi e Galliani. Sanno fare calcio e lo hanno dimostrato per decenni al Milan. Con il Monza hanno rivoluzionato tutto. Sono andati dritti per la loro strada. Il cuore di Adriano che ha trascinato tutti con la sua competenza ma soprattutto con la sua passione contagiosa. Uno che ha vinto scudetti, Champions e Intercontinentali ancora si emoziona per una promozione in A. Da brividi il Condor. Ci sono serviti i soldi di Silvio. E tanti. Perché in due anni di B sono stati tantissimi i soldi spesi. Non si è vista la mano di un Direttore Sportivo, quella si è vista a Lecce e Cremona.

Il Monza va in A grazie a Berlusconi e Galliani. Nulla è scontato, figuriamoci le promozioni ma il Monza è stato trascinato da Condor e Cavaliere. Bravo Stroppa che ha sempre tenuto il gruppo unito. Dopo Perugia era più facile annegare che arrivare a riva. Stroppa ha dimostrato di essere un ottimo allenatore ma soprattutto condottiero. Ora il Monza va di moda ma la verità è che il Monza ha 200-300 tifosi. Quelli che pochi anni fa festeggiavano la D con Zaffaroni. Gli altri sono occasionali perché se non vedi il Monza oggi sei out. Ma al Brianteo sono più i simpatizzanti milanisti che i tifosi del Monza. Questo è il calcio. Il calcio delle mode. Perché se non fosse stato per Galliani a trascinare tutto e tutti oggi a tifare Monza sarebbero i soliti 200. Come Squinzi a Sassuolo. Complimenti al Monza e pensare alla prossima serie A è già un delirio perché chi arriva dalla B, questa volta, non sarà una vittima annunciata.”

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News