Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Di Francesco, un apporto importante dopo il periodo di adattamento

Il 28enne, l’elemento con più esperienza in Serie A della formazione allenata da Baroni, si è rialzato negli ultimi turni dopo un avvio senza grandi acuti.

Il gol contro l’Atalanta per esplodere di gioia e far risaltare la propria presenza. Federico Di Francesco, acquistato in estate dalla SPAL dopo l’ultima stagione nella massima serie all’Empoli, si è sbloccato alla quattordicesima presenza con la maglia del Lecce, firmando il raddoppio nella prima vittoria tra le mura amiche, conquistata contro l’Atalanta il 9 novembre. La rete ai bergamaschi, maturata pochi istanti dopo il vantaggio di Baschirotto grazie a un recupero palla propiziato dal pressing di Colombo su Okoli, ha premiato il lavoro in silenzio di DiFra, finito in panchina nel primo spezzone di stagione per far posto, almeno inizialmente, a Banda.

Di Francesco, alla settima stagione in A, è tornato ad occupare la casella laterale del 4-3-3, dopo il ruolo da mezzapunta o seconda punta ricoperto l’anno passato a Empoli. Partito da titolare nei primi due impegni con Inter e Sassuolo, il figlio di Eusebio, ex allenatore del Lecce senza gloria nel 2011/2012, si è seduto inizialmente in panchina contro l’Empoli. In Lecce-Napoli 1-1 una prestazione importante, di sostanza, con duelli vinti sopra la media stagionale e precisione di passaggio al 75%. Al netto della quasi costanza dei cambi sulle fasce offensive nel gioco di Baroni, che rendono poco distante il minutaggio tra i titolari e i subentranti, Di Francesco ha conservato posto nello starting XI anche con Torino, Monza e Salernitana. Nella vittoria dell’Arechi, tanto contributo con dribbling (3 riusciti su 4 tentati) e duelli vinti (10/12).

La ricerca di dare spazio a Banda ha dominato le successive sei partite. Di Francesco è entrato sul rettangolo verde in corso d’opera contro Cremonese, Roma (con due conclusioni confezionate verso Rui Patricio nonostante l’inferiorità numerica), Fiorentina, Bologna, Juventus e Udinese. Contro l’Atalanta, nel tour de force prima della pausa, la partita scaccia-pensieri. Oltre al gol, segnato dopo aver aggirato anche l’uscita di Sportiello, Di Francesco ha tentato il bis con un tiro a giro al 17′ della ripresa su passaggio di Gallo. Nello scontro diretto vinto in casa della Sampdoria, infine, Di Francesco ha interpretato al meglio la compattezza richiesta da Baroni specialmente nelle fasi d’assalto doriane.

Il cambio con Banda, una costante del campionato, ha portato fortuna allo zambiano al Ferraris. Negli ultimissimi impegni, quindi, entrambi gli interpreti del fronte sinistro dell’attacco giallorosso si sono sbloccati. Alla ripresa dei giochi, Baroni dovrà toccare le corde giuste per mantenere alta la competizione.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Sondaggio sul mercato invernale: due terzi dei lettori promuovono Corvino e Trinchera

Ultimo commento: "RAGAZZI TRA TUTTI I COMMENTI NEGATIVI C'E' SEMPRE LA STESSA PERSONA, CHE PURTROPPO E' OSSESSIONATO DAl SALENTO IN TERMINI DI INVIDIA,PASSA LE GIORNATE..."

Gol dell’anno 2022, vince il siluro di Colombo che ha fatto tremare il Maradona (VIDEO)

Ultimo commento: "Giusto non abbassare la guardia, i conti si faranno alla fine, complimenti fin'ora più che meritati ma guai a scendere in campo convinti che..."
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da Approfondimenti