Calcio Lecce
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

D’Aversa e il Lecce si separano: scelta giusta e, se sì, quali le colpe del tecnico?

Dopo i fatti accaduti dopo il fischio finale del match con il Verona è arrivato l'esonero della guida tecnica

Il periodo difficile del Lecce di Roberto D’Aversa è finito come peggio non poteva. Ieri al Via del Mare è andata in scena una gara giocata male dai salentini e chiusa tra i fischi del pubblico e con il nervosismo da parte dell’allenatore culminato nella testata ad Henry. Un gesto da condannare e che è costato caro al tecnico, sollevato dall’incarico, per una decisione sulla quale hanno di certo influito numerosi fattori (leggi la nostra disamina).

Ora tocca a voi, come sempre, darci la vostra opinione esprimendovi sull’argomento.

Lascia il tuo commento sotto questo articolo nella discussione aperta tra tifosi giallorossi.

Subscribe
Notificami
guest

56 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Nico
Nico
1 mese fa

ha spaccato lo spogliatoio e non ha valorizzato i nostri giovani, ha fatto andare via Strefezza

luca
luca
1 mese fa

Vorrei che sia ben chiara una cosa che in tanti qui dimenticano.. in serie A ci ha portato l ‘ attuale dirigenza con annesso responsabile dell’area tecnica. Non stiamo in serie A per i tifosi..

luca
luca
1 mese fa

Siamo stati un po sfortunati nelle ultime partite, nient’altro. Peccato a me D’aversa piaceva tanto.. a me non piacciono i tifosi che troppo presto si scordano chi siamo e da dove veniamo.. per essere in serie A e per restarci servono tifosi di serie A.. ognuno faccia il suo e alla fine si tirano le somme. Non adesso alla fine!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Credo che la squadra quest’anno sia migliore di quella della scorsa stagione. Sicuramente nel rendimento ha inciso negativamente l’allenatore, secondo me incapace di cambiare modulo in corsa e di leggere le partite. Spesso con cambi tardivi e sbagliati. Per non parlare del rapporto con Strefezza che ne ha condizionato il rendimento e poi venduto. In tutto questo ci metterei anche la responsabilità dei calciatori che non hanno cacciato i cosiddetti attributi quando dovevano. Ora non hanno scusanti, perché il pubblico leccese che ha riempito sempre lo stadio in casa e trasferta vogliono veder sudata la maglietta. Poi si può pure perdere e verranno comunque applauditi, ma non come abbiamo fatto fino ad ora.

Ivan
Ivan
1 mese fa

Alla fine a pagare è sempre l’allenatore. Ve lo ricordate quando il Corvo disse: “si può sbagliare moglie ma non l’attaccante e il portiere” ve lo ricordate? Non solo ha sbagliato attaccante ma anche allenatore.

biglecce1
biglecce1
1 mese fa
Reply to  Ivan

e pure il portiere dru ciucci te falcone, ete l’unico ca pote usare le mane intra l’area e se stae chiantatu a mienzu li pali comu lu zangune cimatu ca ete…. e quandu caxx iesse…..

Pippo
Pippo
1 mese fa

Allenatore scarso e presuntuoso, doveva essere esonerato due mesi fa ma non tutta la colpa e sua, ci metto l aria tecnica ed in parte anche la societa. Ha accettato tutto quello che gli veviva imposto senza battere ciglio condividendo anche un mercato di gennaio insufficiente…..avevamo bisogno almeno di un centrocampista che sa dettare i tempi…….ma la troppa presunzione di chi gestisce l area tecnica ci portera a meno di un miracolo a finire questo campionato malissimo.

dat
dat
1 mese fa

sinceramente una delle annate più brutte che mi ricordo. Nonostante gli avversari siano scarsi non siamo mai stati in grado di dominare una partita. Con Liverani in un campionato ben più competitivo e una rosa secondo me inferiore a questa nel complesso, ci siamo divertiti molto di più e a tratti siamo stati veramente dominanti. Qui abbiamo alternato 4 a 0 senza se e senza ma a sconfitte di misura regalate , le poche vittorie sono state frutto della fortuna.
Rispetto a Baroni ( che non amavo ) due passi indietro. Squadra senza identità con due idee di gioco in croce mai soluzioni diverse dal gioco sulla fascia… e costantemente in inferiorità a centrocampo …. uno schifo…

riz
riz
1 mese fa

Peccato.
Abbiamo visto giocare “da squadra” il nostro Lecce solo nella prima parte di campionato, si, certo, non ci conoscevano, effetto sorpresa, le grandi ancora dormicchiavano ma, in ogni caso, abbiamo visto “giocare a pallone” e ci avevamo fatto la bocca.
Poi, pian piano, tutto si è sciolto. I segnali, che più o meno, come tifosi, abbiamo indicato, ci stavano tutti.
Fondamentalmente credo che il Mister abbia le sue colpe che sono quelle classiche: ha puntato solo su un modulo, sugli stessi uomini e quindi, per coerenza, ha perso la principale caratteristica di una squadra giovane, quella stessa che, lo scorso anno, gli ha permesso di rendere il 30% in più: la forza della compattezza.
La Società, ne sono sicuro, per coerenza e per dare un senso a quella logica che la sta caratterizzando, pur avendo individuato perfettamente i problemi, stava aspettando il momento migliore per decidere (probabilmente prima della sosta post Salerno).
Anche perché, e lo abbiamo visto tutti, nessuno passava la palla a nessuno.
Poi, il gesto liberatorio, forse anche per lo stesso Mister. Gesto che, io credo, è legato alla incredulità. Anche lui si è reso conto che la squadra “gli giocava contro”.
La Società, probabilmente, lo avrebbe sostituito dopo la gara di Salerno, prima della sosta. Secondo me avrebbero dovuto “cambiare” a Gennaio evitando a tutti questa lenta agonia.
A noi tifosi rimane un grande boccone amaro nello stomaco. Poteva essere un anno diverso.
Peccato, quanto spreco.

Antonio
Antonio
1 mese fa

Secondo me la colpa dell’allenatore e che non è mai riuscito a cambiare modulo nella stessa partita tranne un po’ contro il Verona quando ormai era troppo tardi e il fuoco gli stava bruciando dietro osare un po’ di più soprattutto contro il Verona non si è giocato mai palla a terra lanci lunghi in balia del vento e degli avversari

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Finiti gli alibi per la squadra.ancor più per il direttore di vernole

SETTIMO
SETTIMO
1 mese fa

Dare la colpa a Corvino significa capire poco. L’obiettivo principale era fare una squadra da potere giocarsi la salvezza ripianando la voragine di debiti lasciato dal fenomeno precedente. In tre anni siamo saliti in serie A sia con la prima squadra e con la primavera ci siamo salvati e abbiamo vinto uno scudetto con la Primavera. E ad oggi siamo salvi, in serie A, con squadra composta da giocatori di proprietà. Non dimentichiamo il monte ingaggi, incredibilmente basso per una squadra di serie A. Ecco con questi parametri, 1 milione di budget per il mercato invernale se ci salvassimo sarebbe l’ennesimo miracolo. Questa è la realtà, se non va bene si può tifare Inter o Juventus come tante altre.

Carlo
Carlo
1 mese fa
Reply to  SETTIMO

Che disamina del caxxo! Quindi secondo te la voragine di debiti l ha creata de picciotto!?!?ahahah nn ha mai gestito direttamente la società de picciotto!!! Sei solo uno dei tanti leccac….di questa chat! Nn sai quello che dici! Questa squadra andava rinforzata a gennaio , lo hanno capito anche i sassi! Tranne te! Nessuno chiede l Europa League…ma rispetto per i 20000 abbonati si! La presunzione di parte di questa dirigenza sta danneggiando il Lecce! Ma a te nn interessa…sei troppo preso a lecc….!!!

Ivan
Ivan
1 mese fa
Reply to  SETTIMO

Caro Settimo ricordo che il Lecce è all’ottavo posto per numero di abbonamenti quasi 20.000 mentre squadre come il Monza 8.000 abbonati è già salvo dal girone d’andata, lo stesso Empoli una cittadina di 40.000 abitanti e 4.000 abbonati è davanti a noi. Non capisco perché non riusciamo a mantenere la categoria più di un anno.

wanja p
wanja p
1 mese fa

Non sono d’accordo che è più forte questa Rosa rispetto a quella dello scorso Anno! Scusate: Hjuldman Umtiti Di Mariano e Strefezza, vogliamo paragonarli a Ramadani (che a me piace, ma a centrocampo è sempre in inferiorità’ numerica) Touba e Pierino? Gli altri c’erano e ci sono, quindi…..i punti in meno che abbiamo, sono legittimi. Mister D’Aversa lo avrebbero dovuto mandare via a Natale, quando il Lecce ha smesso di giocare e soprattutto la squadra ha cominciato ad avere un atteggiamento Superficiale, Presuntuoso, in questo aiutato dalla Società! Oggi più del gioco, Mister Gotti dovrà essere bravo a ridare Autostima ad un Squadra allo sbando. Tolto Gallo e Kristovic (poverino solo in mezzo a 3/4 difensori in ogni partita), tutti gli altri girano a vuoto e in totale confusione!!! AUGURI MISTER GOTTI E FORZA LECCE!!!

Giannuzzo
Giannuzzo
1 mese fa
Reply to  wanja p

Guarda che il Verona ha giocatori buoni per la serie B ma in campo è messo molto bene da Baroni; i nostri non saranno dei campioni ma non sono certo inferiori a giocatori di altre squadre di medio bassa classifica, quello che adesso manca al Lecce sono le motivazioni personali e la fiducia in se stessi

wanja p
wanja p
1 mese fa
Reply to  Giannuzzo

Scusa e io cosa ho detto. Ho parlato di mancanza di Autostima e squadra allo sbando. Quindi serve un Motivatore e Gotti sembra la persona giusta. Inoltre ho risposto ad un commento ed al Presidente SSD : (quest’Anno: “ABBIAMO ALZATO L’ASTICELLA”) dove si ritiene la squadra di quest’anno superiore a quella dello scorso campionato. Scusami Hjuldman Umtiti Di Francesco Strefezza andati via x Ramadani (che a me piace) Touba e Pierino, Scusa eh! 👋

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Un esonero arrivato tardivo, la squadra sono mesi che non gira. Colpa di una società passiva e di una tifoseria che non sapeva aprire gli occhi presa dal troppo amore per la società. Pensavamo di avere una squadra più forte dello scorso anno ma, probabilmente il gioco di D’Aversa mal si conciliava con i giocatori a disposizione.

Leccemio
Leccemio
1 mese fa

Bisognava esonerarlo molto tempo prima già dopo la partita col Torino, certo è che se col nuovo allenatore non si cambia modulo non abbiamo cambiato nulla !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Baroni probabilmente con questa rosa starebbe già a quota 35 quest anno.. Poi in campo ci vanno i calciatori per carità..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Io mi faccio i azz mia forza Lecce non molliamo….ci vogliono tre vittorie di fila ….li MUERTI TI LU AGNONE 💛❤️😭

Antonio
Antonio
1 mese fa

La squadra non rispondeva più…..ma dietro a D’Aversa c’è un uomo che ha fatto il gesto difendendo i suoi calciatori.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ma come fate a dire quali colpe….squadra allo sbando totale. Gioco inesistente..allenatore senza idee che non è ne carne è ne pesce..è si Parla ancora di questo pagliaccio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Cambiamo pagina… adesso occhio a chi arriva… speriamo che il nuovo tecnico sia in grado di far rigiocare la squadra.
Il tempo per recuperare… c’è.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Inevitabile dopo il gesto di ieri

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Si è creato un clima ingeneroso verso questa persona,lo stanno massacrando e umiliando , alla fine quel gesto che ha fatto, è stata la conseguenza dell’arbitro che già avrebbe dovuto ammonire quel giocatore aizzatore

Amedeo
Amedeo
1 mese fa

D’Aversa tecnico molto molto scarso e del resto le sue esperienze negative a Genova e Parma parlano chiaro. Doveva essere mandato via almeno 5 giornate fa. Però ritengo che le colpe non siano solo sue ma della Dirigenza e, soprattutto, del DS che, piaccia o no, credo abbia fatto il suo tempo. Speriamo che il prossimo anno, sia in A o in B, prendano una nuova figura all’altezza e con programmi nuovi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

In ritardo ma daccordo ,una squadra di serie C gioca meglio di noi,con giocatori che non sono dei Campioni ma nemmemo cosi a terra

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

—————A STATO LO STEWARD——————

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

No sono d’accordo mandarlo via

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Basta parlare di quest’uomo…
Testata a parte, gesto comunque sconsiderato, la squadra nn lo seguiva più, demotivati senza schemi!
Vediamo chi arriva, quello che conta, per salvare il salvabile… forse

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Dopo quello che ha combinato, l’esonero era d’obbligo per non ledere l’immagine della società

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Le sue colpe,a mio avviso,sono 2:la prima che ha diviso i giocatori, ognuno gioca per sé e ha “sciolto” la squadra. La seconda non motivava i giocatori. Solo una cosa ha fatto di buono e cioè non far dare il recupero contro l inter….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Visto la mega squalifica che li daranno, era impossibile continuare con d’aversa, in panchina chi ci andava? Poi secondo me non motivata i giocatori visto che nei secondi tempi non scendevano in campo, primi tempi da leoni e secondi tempi da….. ma poi sbagliava sempre i cambi, vedi ieri gallo migliore in campo e la cacciato. A dru erine scire cu quistu

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Scelta giusta, tempi sbagliati… Andava cacciato molto tempo fa, tipo quando c’erano Ballardini, Nicola e altri allenatori liberi… Ora ci beccheremo qualche amichetto di Corvino.

Maurizio Benizio
Maurizio Benizio
1 mese fa

Decisione tardiva,le cause sono sotto ogni aspetto. Tattico,umano, psicologico e di spogliatoio. Calciatori che hanno fatto un campionato da elogi lo scorso anno,in questo sono stati portati a prestazioni poco decenti causa sistema di gioco e gestione pessima sulla preparazione delle partite.

Salvo
Salvo
1 mese fa

Purtroppo il mister, a differenza di Baroni, non è un motivatore. Anzi, con i suoi atteggiamenti irritanti ha contribuito a demoralizzare alcuni elementi importanti della rosa, Blin, Strefezza e Gonzalez su tutti. Alcuni giocatori venivano accantonati dopo ottime prestazioni senza nessun motivo apparente.Strefezza è stato distrutto psicologicamente a tal punto di accettare la serie B pur di andare via. Inoltre non ha mai dato schemi di gioco in attacco, movimenti che sono essenziali per poter costruire azioni di pericolo, mai un inserimento di un centrocampista, palle inattive a nostro favore utili solo per consegnare il pallone agli avversari, invece quelle contro erano sempre e solo occasioni da gol. Capisco la giovane età della squadra ma i tifosi non guardano la carta di identità, a me personalmente non frega nulla se un giocatore ha 20 o 30 anni. Se è stato esonerato in tutte le piazze dove ha lavorato ci sarà un motivo. Naturalmente le colpe sono secondo me da dividere con la dirigenza, sia per il mercato di gennaio dove la squadra è stata indebolita e sia per la titubanza nel mandare via un mister in totale confusione.

Dolore de panza
Dolore de panza
1 mese fa

Peccato…..mi viene da piangere perché penso che si è sbagliato a giugno a non trattenere a qualunque costo Baroni, uomo pacato e grande lavoratore che ha tratto il meglio da ciascun giocatore….e poi avevamo due leader veri Umtiti e Hjulmand che nessuno è riuscito a sostituire degnamente

Unodellaford1987 feat Lu Pippi la conza zodiaco
Unodellaford1987 feat Lu Pippi la conza zodiaco
1 mese fa

Mo me fazzu tutti gli articoli finu a crai matina.devo insultare,quiddhu fazzu tutti lu giurnu

Massimo
Massimo
1 mese fa

Troppi malumori nello spogliatoio a partire da Strefezza (e non solo) che non ha mai accettato di essere diventato una riserva. Che avesse chiesto di essere ceduto a luglio!!!
D’Aversa paga anche molte colpe non sue, come Baroni ha dovuto accettare passivamente tutte le scelte di mercato e di modulo (Corvino 1 ne meste e 9 ne sbaglia, normale se compri a quattro lire). Ma colpe ne hanno pure i gipocatori che nelle ultime uscite mi sono sembrati ben lontani dall’essere dei seri professionisti.

SETTIMO
SETTIMO
1 mese fa
Reply to  Massimo

Dare la colpa a Corvino significa capire poco. L’obiettivo principale era fare una squadra da potere giocarsi la salvezza ripianando la voragine di debiti lasciato dal fenomeno precedente. In tre anni siamo saliti in serie A sia con la prima squadra e con la primavera ci siamo salvati e abbiamo vinto uno scudetto con la Primavera. E ad oggi siamo salvi, in serie A, con squadra composta da giocatori di proprietà. Non dimentichiamo il monte ingaggi, incredibilmente basso per una squadra di serie A. Ecco con questi parametri, 1 milione di budget per il mercato invernale se ci salvassimo sarebbe l’ennesimo miracolo. Questa è la realtà, se non va bene si può tifare Inter o Juventus come tante altre.

dat
dat
1 mese fa

Numerosi fattori? ma siete fuori di testa? è una chiavica di allenatore !!!!

Gionni
Gionni
1 mese fa

Lo sbaglio di Daversa farsi condizionare da scelte inopportune dall’ esterno e quindi si pagano le conseguenze

franc@libero.it
franc@libero.it
1 mese fa

L’incapacità di D’Aversa a gestire spogliatoio( Strefezza) e squadra, dal punto di vista tattico, era palese fin dopo 10/12 partite.
Un allenatore che non allenava squadre da 4 anni non poteva rifiutare, sic et simpliciter, un contratto con il Lecce in serie A, per l’ingaggio e per “riverenza” a don Pantaleo che, per sue scelte e convenienze, l’aveva risuscitato dall’oblio.
Ritengo la sua pertanto una colpa al 50%, mentre l’altro 50 se la devono dividere la volpe Corvino e il santo Sticchi

unodellanord1987
unodellanord1987
1 mese fa

Confermo tutto quello che hai scritto.

unodellanord1987
unodellanord1987
1 mese fa

Andrebbe sanzionato il calciatore del Verona grande provocatore messo in campo da Baroni appositamente. Per quanto riguarda il cambio di allenatore andava fatto già da tempo, ma Corvino non poteva ammettere di aver sbagliato.

Wanjia.p Pippi Uccio la conza avantilecce
Wanjia.p Pippi Uccio la conza avantilecce
1 mese fa

Ben detto.l importante è insultare

Vito
Vito
1 mese fa

We che tenero che sei quando fai il Leccese,che poi sono io che mi rispondo,ci vediamo a Torre dell’orso con Uccio e Pippi,waglioooo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Non avrebbero mai dovuto unirsi..lu sparagnu
Più spendi meno spenderai…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Non credo sia il momento di perdere del tempo in questi dibattiti inutili. L’unica cosa che conta è la prossima a Salerno.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Scelta obbligata per dare uno scossone a tutto l’ambiente giallorosso.Adesso i giocatori non avranno più alcun alibi,devono riprendere quel cammino che ci aveva portato ad un vantaggio cospicuo di 8 punti sulla terz’ultima…Non puoi permetterti di perdere in casa uno scontro diretto in questo momento delicato della stagione.Non c’era alternativa all’ esonero!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Le colpe del tecnico sono quelle della società che lo ha scelto e che, fino a 2 domeniche fa, diceva che non lo poteva cacciare perchè gli aveva chiesto di salvarsi all’ultima giornata e non prima. L’esonero è dimostrazione della inesperienza della società, insieme alla sopravvalutazione della rosa.

Sponza friseddhe
Sponza friseddhe
1 mese fa

Il non gioco…una settimana per preparare la parità e poi il fine settimana vedi che pongracic o baschi lancia lungo sull esterno/attaccante…squadra senza idee

erpiu
erpiu
1 mese fa

Se non hai un centrocampo, come fai a sviluppare gioco? Se non hai giocatori forti nel 4-3-3 faci figura da dilettanti. Come abbiamo fatto da 10 partire a sta parte

Ferdinando II
Ferdinando II
1 mese fa

Per me hanno sbagliato. Certo la squalificato dopo un simile gesto sarà lunga, e questo ha un peso sicuramente. Ma a parte questo non avrei cambiato, per la poca scelta che c’è in giro e soprattutto per la poca affinità tra chi è svincolato e la nostra squadra.

Antonio
Antonio
1 mese fa
Reply to  Ferdinando II

Concordo…..

Articoli correlati

Contro il Milan, l’ex Lorient ha continuato la sua striscia di realizzazioni...
I giallorossi trionfano grazie ad un guizzo finale di Sansone in un match tanto importante...
Le dichiarazioni della vigilia di Lecce-Empoli da parte del tecnico toscano Davide Nicola raccolte da...

Dal Network

Contro il Milan, l’ex Lorient ha continuato la sua striscia di realizzazioni...
Le dichiarazioni del tecnico del Sassuolo nel post-partita della sfida contro il Milan di Pioli....

Altre notizie

Calcio Lecce