Resta in contatto

News

CdS – Abruzzese: “Il Lecce deve continuare a lottare. L’obiettivo ora è non perdere l’entusiasmo”

L’ex calciatore giallorosso parla a Il Corriere dello Sport (intervista di Dennis Magrì) della ripresa del campionato: dal Milan, alla Juventus, ricordando poi un aneddoto.

FALSA PARTENZA CONTRO IL MILAN. «La prima partita dopo tanto tempo è quasi sempre un punto interrogativo. E poi bisogna sottolineare come il Lecce abbia affrontato comunque una squadra che aveva già rotto il ghiaccio in Coppa Italia. Adesso non deve perdere l’entusiasmo, ma soprattutto deve continuare a lottare perché la salvezza è alla sua portata».

JUVENTUS-LECCE. «Un’altra passeggiata (sorride, ndr). Beh, sapevamo che sarebbe stato un calendario in salita almeno all’inizio, il livello delle squadre da affrontare è molto alto. Sulla carta sarà una sfida complicatissima, ma quest’anno il Lecce ci ha fatto vedere che con le big si è sempre fatta rispettare. E i pareggi proprio contro Milan e Juventus all’andata e nel girone di ritorno contro l’Inter lo dimostrano».

RICORDI DI JUVENTUS-LECCE 3-4 STAGIONE 2003-04. «Non capita spesso di andare in grandi stadi e vincere, soprattutto con un risultato così bello per i tifosi. Non eravamo in un buon momento, prendemmo gol al 3′ da Trezeguet e subito pensai “qui finisce male…”. In realtà non perdemmo il coraggio, la nostra proposta di gioco e ci ritrovammo all’intervallo con un risultato praticamente impensabile (1-4, ndr). Anche noi, negli spogliatoi, quasi non ci credevamo. E siamo stati bravi nella ripresa a restare in partita, perché con quell’organico i bianconeri avrebbero potuto tranquillamente pareggiare o ribaltare la situazione. Una partita che resterà nella storia del Lecce e dei leccesi».

QUEL LECCE SI SALVO’: LA STORIA PUO’ RIPETERSI? «Devo ammettere che noto una certa somiglianza tra quel Lecce e quello di Liverani: a parte i singoli con qualità importanti, entrambe sono caratterizzate da una mentalità offensiva e dalla grande capacità di mantenere le stesse idee contro qualunque avversario. Mi auguro i giallorossi possano ripetere quanto fatto tanti anni fa, lo spero con tutto il cuore da amante dei colori giallorossi».

CONTRO IL MILAN A SORPRESA SPAZIO A MECCARIELLO. «Affrontare una squadra dallo spessore internazionale come il Milan dopo tre-quattro mesi di inattività è un rebus. Non era facile, ma con il passare delle partite Meccariello e compagni potranno ritrovare i ritmi per finire al meglio questo campionato».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Un calciatore esemplare, un campione che avrebbe meritato di più. Purtroppo come regista nella sua Argentina c'era un certo Diego Maradona... ma..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News