Calcio Lecce
Sito appartenente al Network

Big a costo zero, investimenti sui giovani: ecco la linea “patrimonializzante” di Corvino

L’alba del mercato del Lecce 2020/21 traccia la strada che il club andrà a seguire nei prossimi anni, tra occasioni di elementi navigati e ricerca di crack.

Gli innesti di Coda, Listkowski e Paganini, oltre ad inaugurare il mercato giallorosso dell’estate 2020, hanno anche dato un’idea di quel modus operandi preannunciato dalla coppia Sticchi-Corvino che costruirà il Lecce del futuro. Due “big”, due elementi navigati ed abituati a vincere in Serie B presi a parametro zero, senza particolari sforzi economici. Questi saranno concentrati invece soprattutto in chiave futura, come dimostrano i 300mila euro di investimento per il 22enne polacco.

Coerenza ed idee chiare, al di là di una sessione che, vista la sua unicità nella storia del calcio, viaggia a ritmi non vertiginosi. La nuova era Corvino si presenta dunque come ben orchestrata, con l’obiettivo di mettere in piedi un Lecce patrimonializzato. Capace di essere competitivo da subito, dunque (eloquenti le scelte di due calciatori freschi di lotta per la A), ma anche di gettare solide basi per il futuro. Soprattutto in termini di cercare talenti pronti ad esplodere in maglia giallorossa.

Listkowski è stato il primo, pronto ad essere seguito da Donnum e, si dice, da almeno una promessa del calcio argentino. L’idea è chiara: rifondare quel Lecce fucina di fenomeni sconosciuti che fecero la storia della Serie A per parte degli ultimi trent’anni. Da ciò passa anche la ricostruzione del settore giovanile, le cui tempistiche sono però molto differenti. Ma poco conta. Idee chiare, binario giusto: il treno giallorosso guidato da Corvino è partito.

Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Torneremo in A
Torneremo in A
3 anni fa

Con Corvino torna la Trasparenza, la Competenza, la Professionalità, il Bilancio in positivo, De Picciotto sarà finalmente sereno e orgoglioso di continuare a investire nel Lecce in un periodo buio per l’economia. Torneremo in A sudando e onorando la maglia Giallorossa, ma finalmente ora abbiamo una Società gestita tecnicamente da SERIE A.

Antonio
Antonio
3 anni fa
Reply to  Torneremo in A

Ora abbiamo una identità che assomiglia al nostro territorio e che è la stessa che in passato ci ha fatto vivere annate nel calcio che conta ed attratto gente di livello assoluto come mazzone, rossi, Zeman, ma anche Prandelli o ventura…seguendo questa strada in maniera scientifica, avremo la credibilità che porterà a lecce i nuovi mazzone e così via ed anche un serbatoio per i nuovi vucinic.
Siamo sulla strada giusta..onore a ssd, un ragazzo di lecce, un fratello di chi, come tanti di noi, è stato fuori a farsi le ossa ed ora è lì in cabina di comando, che porta tanti pensieri ma è l’unico posto per poter percorrere la strada che rimarrà ancora una volta nella storia..

Articoli correlati

Lecce-Inter, le pagelle: Ramadani e Touba, errori clou. Almqvist gira a vuoto, quasi tutti sotto...
La capolista prende a schiaffi la squadra di D'Aversa, colpita alla prima occasione e molle...
Più dubbi sulle fasce offensive, dietro Touba preferito rispetto a Blin. Ecco le scelte dei...

Dal Network

I campani restano al palo anche nella partita casalinga contro il Monza. Parole senza filtri...
Il difensore dell’Hellas ha parlato della complessa sfida di venerdì contro il Bologna, ma anche...
Il difensore leccese, condottiero della difesa degli azzurri toscani, ha parlato a Radio Serie A...
Calcio Lecce