Resta in contatto

News

GdM – Sticchi: “Caso Tachtsidis: vanno rispettate le nostre ragioni. Il ragazzo si sta rendendo conto di come sono andate le cose”

Il presidente giallorosso ha parlato a La Gazzetta del Mezzogiorno (intervista di Antonio Calò) a tutto tondo del momento che sta vivendo il Lecce: dal progetto triennale, alla sconfitta di Brescia, dal caso-Tachtsidis, alla gara di mercoledì contro la Cremonese, fino alla ritrovata presenze degli spettatori al Via del Mare. Questa la seconda parte dell’intervista: qui la prima.

CASO TACHTSIDIS. «Tutto nasce dalla grave scorrettezza di una società che, in barba ai regolamenti, ha contattato direttamente il calciatore, promettendogli un contratto molto allettante, a patto che si liberasse da solo dal vincolo che ha con il Lecce. Tra l’altro, a cessione di Petriccione già avvenuta, a poche ore dalla conclusione del mercato e dopo che era stato deciso di puntare su Panagiotis. Nonostante questa scelta fosse quella che comportava il costo più alto per le casse del club, in quanto le caratteristiche di Tachtsidis sono quelle volute da Corini per il proprio tipo di gioco. La linea che stiamo seguendo è quella del buonsenso, ma anche della fermezza. Non crocifiggiamo il nostro centrocampista, in quanto capiamo che un professionista voglia sfruttare certe occasioni, ma siamo anche convinti che vadano rispettate in pieno le nostre ragioni. Il ragazzo è intelligente, ritengo che si stia rendendo conto di come siano andate le cose».

MERCOLEDI’ SUBITO IN CAMPO: UN BENE? «Senz’altro. In tutti noi c’è tanta voglia di riscatto. Mi aspetto quindi una grande reazione. Dovremmo recuperare qualcuno degli uomini assenti a Brescia. I grigiorossi, però, sono rivali di tutto rispetto, allestiti per ambire all’alta classifica. Mai come in questa stagione la serie B è altamente competitiva e sarà dura contro tutte le avversarie».

AL VIA DEL MARE 1000 SPETTATORI. «Una goccia in un oceano. Sarà bello rivedere un po’ dei nostri sostenitori, ma io penso agli altri 19.000 che vorrebbero esserci e che, purtroppo, non possono fare sentire il proprio calore alla squadra. Non vedo l’ora che i nuovi arrivati constatino personalmente quanto sia in grado di dare la piazza salentina sul piano dell’affetto e dell’attaccamento alla maglia».

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Lorusso è il giocatore simbolo di tutta la storia calcistica del lecce. È stato un grande è stato tra i primi giocatori ad essere molto altruista..."
Advertisement

Altro da News