Resta in contatto

News

GdS – L’intervista doppia ai fratelli Mancosu

Interessante intervista realizzata dalla Gazzetta dello Sport ai fratelli Mancosu, che domenica saranno avversari.

L’ultima sfida.

Matteo: La scorsa estate, in spiaggia a Orrì, vicino Tortolì: a due tocchi, l’ho strabattuto”.

Marco: Al Petto, a beach tennis. E non c’è stata storia: con me, non vede palla”

Giocare insieme sarebbe stato possibile?

Matteo: “Non mi risulta”.

Marco: Mister Carboni, nel Benevento, mi chiese notizie di lui, che era nel Trapani”.

Chi il più bravo nel calcio?

Matteo: “Marco. Ha sempre fatto la differenza, sin da piccolo: forte tecnicamente e cresciuto fisicamente in fretta”.

Marco: “Io. Anche perché Matteo si è… rivelato a 27 anni, alla Vigor Lamezia”.

E a scuola?

Matteo: Da primogenito, e con mamma Paoletta professoressa di biologia, ho dovuto studiare anche per lui e per Marcello, l’altro fratello”.

Marco: Matteo. Aveva una memoria eccezionale, gli veniva facile studiare. Io pensavo solo al calcio; ho preso la maturità scientifica, recuperando con le scuole private”.

Con le donne invece?

Matteo: “Marcello era il bello di casa. Marco si fidanzò subito con Valeria, come sposi per sempre”.

Marco: “Ero fuori concorso, con potevo competere con qui due. Beati loro!”.

La qualità calcistica che invidi a tuo fratello.

Matteo: “La fenica, la visione di gioco, il tiro dalla distanza e la cattiveria negli inserimenti. Insomma, tutto”.

Marco: “La sua impressionante velocità, è imprendibile in progressione palla al piede”.

Cosa ti faceva arrabbiare di tuto fratello?

Matteo: “Da bambino, facevo le rime con i cognomi dei suoi compagni di scuola e piangeva. Si lamentava da babbo e nonno”.

Marco: “Storia recente. Gli faccio il gavettone quando si addormenta sul divano”.

Perché avete giocato poco in A?

Matteo: “Vuol dire che non meritavo più di 13 presenze”

Marco: “Per me è arrivata tardi la miscela perfetta. A Lecce ho scoperto il paradiso, trovando l’ambiente perfetto”.

Tuo fratello è un mito perché?

Matteo: ” Perché non ha mai mollato. Quando ha chiuso col Cagliari, è ripartito dal basso. E ha raccolto i frutti nella splendida parentesi a Lecce”.

Marco: “Perché ha coronato il suo ma anche il mio sogno: giocare all’estero, in America. Mettevo la sveglia per seguire in tv, nel cuore della notte, le partite del suo Montreal Impact. Matteo mi aveva dato l’app e il codice per vedere la MLS. Vorrei vare anch’io un’esperienza all’estero,  da giocatore o allenatore”.

Per chi tifavate da piccoli?

Matteo: “Per il Milan. Il mio preferito Van Basten, però ho ammirato tanto Gioacchino Prisciandaro, come me partito dal basso. L’ho affrontato in Nuorese-Palazzolo”.

Marco: “Stravedevo per Kaka”.

Nei vari campionati, 180 a 79 gol, 101 di differenza.

Matteo: “Certo. Io sono attaccante. Lui non potrà mai arrivare a quel bottino”.

Marco: “Da centrocampista ho segnato tanto. Sono 4 anni più giovane. Non finisce qui”.

In questo campionato chi ne farà di più?

Matteo: ” Bellissima sfida. Gli ho proposta una scommessa, però facendo una media minuti-gol, visto che spesso parto dalla panchina. Non ha accettato”.

Marco: “Voleva giocarsi solo una cena. Poco! Gli ho detto di mettere soldi sul tavolo”.

Ai vostri portieri, Borra e Gabriel, avete dato consigli sul fratello rigorista?

Matteo: “Lo conoscono bene. E’ bravissimo. Arriva al saltello decisivo e aspetta di vedere dove si butta il portiere”.

Marco: “No. Gabriel studia da se è preparatissimo”.

Domenica per chi faranno il tifo in casa?

Matteo: ” Sperano solo che noi facciamo bene. Peccato senza il Covid, avremmo fatto una rimpatriata, tutti allo stadio. Magari al Via del Mare, al ritorno”.

Marco: “Firmerebbero per un gol di Matteo e per la promozione del Lecce in A”.

Chi temi di più?

Matteo: ” Su tutti Marco. Oltre a Coda e Stepinski, in grande forma, è pericoloso Falco”

Marco: “Matteo e De Luca. Sanno pure entrare a gara in corso e spaccare la partita”.

Dove immagini tuo fratello tra 10 anni?

Matteo: “In panchina. Marco sarà un grande allenatore, io mi accontenterò di fare il suo collaboratore. Dietro le quinte, tanto poi deciderò tutto io”.

Marco: “Si è dichiarato da tempo, Matteo vorrebbe essere il mio vice-allenatore. Ma sono troppo esigente, non so se riesce a starmi dietro. Magari da collaboratore, anche perché il mio secondo sarà Andrea Arrigoni“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News