Resta in contatto

Le pagelle di Calciolecce

Le pagelle di Lecce-SPAL: stop per Lucio, Coda e Hjulmand. Majer-Henderson top, Stepinski sfortunato

Lecce-SPAL, le pagelle: i migliori uomini delle ultime settimane sbagliano gara, ma non sono gli unici apparsi scarichi. Gallo e Pettinari guizzanti.

LECCE:

GABRIEL 6

Il brasiliano spettatore come nelle precedenti due uscite, ma stavolta non è un aspetto positivo. La SPAL tira infatti due volte verso la porta giallorossa, ma lo fa bene e lasciando il portiere di casa immobile. Ed anche tutto sommato incolpevole, mentre nell’occasione in cui è saltato da Valoti un tempismomigliore si poteva anche avere

MAGGIO 5,5

Il treno giallorosso stavolta è in ritardo. Non riesce infatti ad uscire puntualmente su Valoti, libero di calciare forte sbloccando il match. Poi è spesso in affanno e tutto sommato poco efficiente in zona offensiva, dove si propone ma non incide per nulla

LUCIONI 5

Il capitano dalla perfezione al crepaccio con la SPAL. Il gol-vittoria di Okoli è infatti tutto suo: inspiegabile come nemmeno salti per dare un minimo di opposizione al centrale ferrarese, autore di una prestazione monstre, che di testa la appoggia facilmente in rete. Poi, tra affanni e buone chiusure, gioca una gara dignitosa, benché rovinata da un errore grossolano

MECCARIELLO 5,5

Rispetto ai due compagni non commette defaillance così nette, disputando però una gara tutt’altro che adeguata o sulla linea delle precedenti. Dopo un discreto quanto sofferto primo tempo, nella ripresa non ne imbrocca una facendo perdere terreno, tempo e duelli ai suoi. Torna negli spogliatoi nervoso con gli avversari, ma dovrebbe prendersela soprattutto con i suoi

GALLO 6

Almeno ci mette la voglia ed il sacrificio per il gioco di squadra che troppi dei suoi non hanno. Ha il grande merito di conquistarsi una palla a centrocampo che lascia a Henderson per l’azione del pari. E’ il miglior guizzo di una gara fatta, nella ripresa, di tantissimi cross non sfruttati dai suoi compagni

MAJER 6,5

Tra i più attivi del Lecce di inizio match, corre continuamente avanti e indietro sul settore di centro-destra. Non lesina preziose diagonali difensive ed ha il gran merito di riequilibrare il match con un preciso sinistro rasoterra. Nel finale di primo tempo spreca però un’occasione clamorosa, lasciando il campo nell’intervallo con l’amaro in bocca

HJULMAND 5,5

Nettamente il peggior Hjulmand visto quest’anno. Nei primi minuti sembrava poter andare nella solita sontuosa gestione della mediana, ma alla lunga contrasti persi ed errori nei passaggi si sono sommati esponenzialmente. Malaccio anche da mezzala e per il danese arriva la prima sostituzione subita dell’anno

BJORKENGREN 6

Sufficienza strappata per l’inerzia figlia della corsa e del sacrificio che hanno caratterizzato anche questa prestazione dello svedese. E’ lui, infatti, a garantire quel minimo di equilibrio che ha lo svalvolato Lecce visto oggi. Non riesce ad accompagnare all’impegno anche la qualità nelle giocate degli ultimi 25 metri

HENDERSON 6,5

Nettamente il migliore del Lecce. Ci mette 30 secondi a far ammonire un avversario che i compagni non si degnano mai di puntare, così ne fa ammonire poi un altro, ma la solfa è la stessa. C’è il suo zampino sia sul gol di Majer che sull’unica grande parata del match di Berisha: un predicatore nel deserto

CODA 5

Pomeriggio di assoluto relax per il bomber giallorosso. Il 9 di Corini non solo non riesce a lasciare il segno in zona gol, ma non riesce a dare il sostegno adeguato alla manovra offensiva che si richiedere a qualsiasi attaccante, al di là del gol. Nella sua partita contiamo una sola sponda, guarda caso nell’unica azione gagliarda di collettivo del Lecce: in questa fase del campionato, prove del genere sono da bandire

PETTINARI 6

E’ il miglior attaccante giallorosso visto oggi in campo. Vero, l’efficacia in zona gol è pari a zero, ma la qualità con cui tiene e muove palla è l’unica a dare brio al sopito Lecce odierno. Un suo tacco manda dal nulla in porta Majer, che spreca la palla del vantaggio

TACHTSIDIS 5,5

Il suo ingresso in luogo di Majer cambia in peggio il centrocampo di Corini, nella ripresa in balia del dinamismo ospite. Riesce a inventare solo per l’azione del tiro di Henderson e con il cross finale per la traversa di Stepinski. Questo gli vale mezzo punto in più in una gara, tra scivoloni e giocate improbabili, da bocciatura piena

RODRIGUEZ 5,5

Lo spagnolino stavolta non riesce a lasciare il segno. Ci prova, si muove, si sbatte ma davvero non va oltre due guizzi lontano dalla porta ed un mancino pretenzioso e centrale. Doveva giocare più vicino alla porta, come fatto in passato

NIKOLOV 5,5

Il macedone del nord non riesce a suonare la carica. Ha il difficile compito di sopperire all’assenza di Hjulmand, ma la terza mezzala destra della gara giallorossa prosegue la parabola discendete iniziata dall’ottimo Majer e culminata nel predominio spallino della zona. Si ricorda solo per un brutto fallo ed una girata da dimenticare

YALCIN 5,5

Ancora una volta nel quarto d’ora finale non riesce nemmeno a toccare un pallone

STEPINSKI 6

Entra, sbaglia giocate ma poi di testa sfiora il gol del pari. Traversa: davvero sfortunato

ALL. CORINI 5,5

E il match sottovalutato dai suoi ragazzi è arrivato. Poteva capitare, la consapevolezza c’era, la speranza è però che venga preso come manifesto per l’atteggiamento da evitare assolutamente da qui alla fine del campionato. I suoi sono scarichi, e per il tecnico è il momento di vagliare delle alternative per garantirsi prestazioni da 100% di energie da qui alla fine di un campionato che, è chiaro, sarà difficilissimo

SPAL:

Berisha 6,5 Dickmann 6 Okoli 7,5 Ranieri 6,5 Strefezza 6 (Spaltro sv) Segre 6 Viviani 6,5 (Missiroli 6) Murgia 6 (Mora 6) Sernicola 6 Di Francesco 5,5 (Floccari 7) Valoti 6,5 (Asencio sv) All. Rastelli 7

29 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
29 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Lorusso è il giocatore simbolo di tutta la storia calcistica del lecce. È stato un grande è stato tra i primi giocatori ad essere molto altruista..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Sei stato un grande. E che dire di quelle punizioni di collo esterno. Magiche"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima di scrivere di sor Carletto dovevate sentire lui e stato citato tutto ma le sue vere origini. Fu scoperto da Costantino Rozzi e le vere gesta la..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Il talento più puro che abbia indossato la maglia giallorossa..."
Advertisement

Altro da Le pagelle di Calciolecce