Resta in contatto

News

Criscitiello: “Il Lecce merita la Serie A ma senza ansia”

Il direttore di TMW e Sportitalia Michele Criscitiello, nel consueto editoriale del lunedì, ha parlato, tra le altre cose, anche del Lecce.

IL LECCE HA DELUSO.Il Lecce ha deluso ma solo per come si era messa. Il Lecce ricorda l’Empoli. Il Benevento. Risalire l’anno dopo la retrocessione è quasi impossibile. Eppure il Lecce aveva costruito una grande squadra con un giusto mix tra esperti e giovani di grande valore. Sicuramente qualcosa anche Corvino l’ha sbagliata. Pisacane non ha dato quello che in molti si aspettavano, Calderoni non si è ripetuto, Lucioni arrivato a fine corsa. Corvino ha dimostrato, ancora una volta, grande programmazione facendo subito chiarezza per il futuro. Corini ha la grande colpa di aver portato la squadra sfinita nel momento più importante della stagione. Il Lecce è scoppiato sul più bello, dopo una cavalcata stupenda. Le sconfitte con Spal e Cittadella in casa, il pareggio con la Reggina, il ko di Monza sono stati fatali. Troppi punti persi, in maniera banale, al Via Del Mare che senza tifosi sugli spalti perde fascino e cattiveria. Il Lecce per società e piazza avrebbe meritato, più di tutte, la serie A. Il prossimo anno sarà dura, vista la concorrenza, ma Corvino migliorerà ulteriormente la squadra e non dovrà sbagliare l’allenatore”.

CASTING ALLENATORE.Due nomi, per la B: Bucchi e Baroni. Bucchi è un De Zerbi per intenderci. De Zerbi ha sfruttato l’occasione Sassuolo, Bucchi non ha fatto in tempo. Seguite, però, questo ragionamento. Dietro i successi di Benevento ed Empoli c’è la mano di Bucchi. Chi è arrivato dopo ha vinto agevolmente arrivando primo sfruttando la base creata da Bucchi, al quale non è stata data la continuità che avrebbe meritato. Bucchi è l’allenatore perfetto per Corvino. Dove c’è un dirigente di spessore che copre l’allenatore nei momenti di difficoltà (e ci saranno sempre), Bucchi è l’ideale. Giovane, in cerca di rilancio, conosce le piazze del Sud, preparato, aziendalista e di grande impatto con i calciatori. L’altro è Marco Baroni. In B non ha bisogno di presentazioni. Ha fatto grandi cose a Pescara, Novara e adesso a Reggio Calabria. Profilo diverso da Bucchi ma altrettanto valido. Corvino non cada nel tranello Montella. Il Lecce merita la serie A ma senza ansia”.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Lorusso è il giocatore simbolo di tutta la storia calcistica del lecce. È stato un grande è stato tra i primi giocatori ad essere molto altruista..."
Advertisement

Altro da News