Resta in contatto

Euro 2020

Dalla Squadra d’Oro al catenaccio italiano, ma è di nuovo “Grande” Ungheria. E la Francia trema

I magiari sono lontanissimi parenti di quella selezione che faceva tremare il mondo a suon di gol con Puskas, Kocsis e Hidegkuti. Ma, con orgoglio e solidità, hanno fatto sognare i propri tifosi.

Metti di fronte la strafavorita di Euro 2020 contro una delle più piccole, ma poi prendi anche il calore di uno stadio (e che stadio!) infuocato, un cuore gettato ben oltre l’ostacolo ed un gioco non scintillante di avversari un po’ presuntuosi. Sono stati questi gli ingredienti del sorprendente 1-1 della Puskas Arena di Budapest, dove l’Ungheria non solo ha resistito sotto i colpi della quotata Francia ma ha addirittura sfiorato il colpaccio. Facendo rivivere alla propria gente, sebbene in modo totalmente diverso, sprazzi di antichi fasti.

DALLA DOPPIA “M” AL CATENACCIO. Un po’ tutti gli appassionati di calcio sanno che il nome della nazionale ungherese di calcio è legato a quello di uno dei team più forti della storia: l’Aranycsapat (Squadra d’Oro in lingua magiara). Con questo appellativo veniva indicata la squadra che, dal 1948 al 1956, ha fatto tremare il mondo, vincendo a ripetizione pur non andando oltre il solo titolo olimpico conquistato nel 1952. Puskas, Kocsis, Hidegkuti, Czibor ma soprattutto un modulo rivoluzionario, votato all’attacco e capace di schiantare (quasi) ogni avversario. Un po’ l’opposto, di fatto, della mentalità dell’Ungheria odierna.

POTERE TRICOLORE. C’è voluto un italiano (con il salentino Inguscio, tra gli altri, nello staff) per riportare l’Ungheria a giocarsela molto quasi alla pari con le grandi d’Europa. Marco Rossi, passato da difensore e presente da tecnico tutto cuore, testa e tattica ferrea per consentire ai suoi di sopperire alle lacune tecniche con grande dedizione ed un 3-5-2 capace di imbrigliare per 4/5 di match il Portogallo, prima di bloccare i Campioni del Mondo della Francia.

IMPRESA A META’…O FORSE NO. Se il pari d’oro con i lusitani è sfuggito a nemmeno dieci minuti dal termine, con les Bleus è diventato realtà. L’Ungheria si è esaltata, spinta dal proprio orgoglio e dai 55mila di Budapest. Nel primo tempo grande equilibrio, appena due tiri avversari ed il bel gol di Attila Fiola, fuga vincente ed esultanza evitabile in cui ha rotto persino il monitor di una bordocampista. Metà gara per riuscire nell’impresa di battere i favoriti numero 1 di Euro 2020, che dopo l’intervallo accelerano spinti da un super Mbappé (suo l’assist per il pari di Griezmann) e nel finale vanno alla ricerca dei tre punti, che sfumano. All’ex Squadra d’Oro, che oggi si scopre di acciaio, resta il sapore in bocca della vittoria. Anche se un pari, condito di possibilità di passaggio del turno ancora aperta nonostante il girone di ferro, non è che valga poi così meno.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Euro 2020