Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

MI RITORNI IN MENTE – Quando San Siro crollò ai piedi di Chimenti e Vugrinec

La vittoria in casa dell’Inter manca da 19 anni, quando la formazione di Cavasin battè 0-1 una non felice Inter allenata da Marco Tardelli

Leggi Inter-Lecce e, se vuoi sorridere, pensi ai gol di Vugrinec e alle parate di Chimenti. Il precedente “romantico” dell’incrocio con una delle big del calcio italiano ci porta quasi vent’anni indietro, alla Serie A 2000/2001, quella conclusa con l’urlo di gioia di Lecce-Lazio 2-1 decisa dalla doppietta di Gaetano Vasari. All’alba di quel torneo, i giallorossi raccolsero tre preziosi punti a San Siro in casa di un’Inter reduce dalla clamorosa eliminazione con l’Helsingborg nei preliminari di Champions League e dallo sfogo di Marcello Lippi che, dopo il k.o. all’esordio con la Reggina, accusò i suoi calciatori di scarso impegno e fu esonerato.

RICORDI. Al Meazza, era la sesta giornata, fu 0-1 per il Lecce, che, in maglia bianca, consegnò l’incredibile terza sconfitta al Biscione in sei giornate. Era il secondo Lecce di Cavasin, guidato in avanti dal duo Lucarelli-Vugrinec (12 e 11 gol a fine stagione) e a centrocampo dal Sindaco Giuseppe Conticchio. In mediana si disimpegnava anche il compianto Klas Ingesson, mentre sulle fasce Balleri, Colonnello e Giorgetti aravano la fascia e Viali-Juarez-Savino reggevano la baracca.

Leggi il racconto di David Balleri, protagonista dell’ultima vittoria in casa dell’Inter

GLI EROI. La data del 12 novembre del 2000 resterà nel cuore dei tifosi giallorossi, che invece negli occhi, al pensiero dello 0-1, hanno la rete di Davor Vugrinec. Il destro beffardo a spiazzare Ballotta però fu soltanto una piccola parte del roboante successo. Antonio Chimenti fu per quasi tutti il man of the match della gara. Nell’ordine: calcio di rigore parato all’allora campione del mondo Blanc, salvataggio sul “tentativo” di autogol di Tonetto e miracoli nel finale su Recoba, battuto nell’uno contro uno, e Vieri. Scusate se è poco. E non finì qui…

Il pensiero del doppio ex Checco Moriero

LA PARTITA. Le difficoltà per il Lecce caratterizzarono il primo tempo, dopo il penalty neutralizzato da Chimenti e il vantaggio dell’attaccante croato (che al 35′ uscì per Savino), imbeccato al 20′ da Conticchio. La fiammata leccese sembrò spegnersi già al 31′, quando Malusci lasciò i giallorossi in dieci. Da lì l’eterno assalto interista con Chimenti eroe. Simic (35′), Recoba (40′), Di Biagio (50′) e Farinos (66′) si arresero alla giornata top del numero 1 avversario, mentre Hakan Sukur non aggiustò la mira. Tardelli, allora tecnico neroazzurro, lanciò in campo Vieri, ma prima il fondo e poi Chimenti accolsero i palloni scagliati dall’ex bomber. Il finale fu palpitante, con la sola parata di Ballotta su Lucarelli che interruppe la (fallita) offensiva finale interista, conclusa con l’errore di un giovane Pirlo, anch’egli, come Recoba, ipnotizzato dal super Antonio Chimenti.

Le considerazioni dell’altro giallorosso e neroazzurro Pierluigi Orlandini

Il tabellino della partita

  • 12/11/2000, ore 15:00 – Milano, stadio G. Meazza
  • 6° giornata del Campionato di Serie A 2000/2001
  • Inter-Lecce 0-1
  • Inter: Ballotta, Ferrari, Blanc, Cordoba, Jugovic (16′ Farinos), Simic (46′ Vieri),Di Biagio, Gresko, Keane (67′ Pirlo), Hakan Sukur, Recoba. Allenatore Tardelli
  • Lecce: Chimenti, Juarez (73′ Bedin), Viali, Malusci, Balleri (83′ Colonnello), Giorgetti, Piangerelli, Conticchio, Tonetto, Vugrinec (35′ Savino) , Lucarelli. Allenatore Cavasin
  • Marcatori 20′ Vugrinec
  • Espulso Malusci (L) al 31′ Ammoniti Ferrari, Blanc, Cordoba (I)

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News