Resta in contatto

Approfondimenti

Se non puoi essere bello, devi almeno essere “cattivo”. Il Lecce impari da Bergamo

Al cospetto di un’Atalanta smagliante e quasi perfetta i giallorossi non hanno saputo gettare il cuore oltre l’ostacolo, apparendo oltremodo arrendevoli.

Dopo Inter, Napoli e Roma, il Lecce si è trovato ieri ad affrontare la quarta big in appena 7 giornate di campionato. L’eventualità di uscirne con zero punti era quantomeno da considerare, e così sarà anche per le prossime due con Milan (al netto della semi-crisi rossonera) e Juventus. A differenza di quanto avvenuto negli altri match, alcuni dei quali conclusi con passivi ben peggiori, quello con l’Atalanta lascia strascichi peggiori e va preso come lezione.

Nelle precedenti sfide con squadre di caratura nettamente superiore, i ragazzi di Liverani hanno avuto decisamente un approccio positivo al match. Sia con l’Inter che con il Napoli il primo terzo di gara ha visto una squadra capace di contenere gli imponenti mezzi altrui, ed anche di farsi vedere in avanti a proprio modo. Con la Roma addirittura la prima frazione aveva visto un Lecce dominante, che avrebbe meritato decisamente di più anche in termini di risultato finale.

Non sempre però la gara può essere interpretata nel modo migliore dai primi minuti. Né ci si può trovare di fronte squadre pazienti, abituato a carburare con tempi da diesel o ad attendere che l’avversario prenda coraggio per punirlo. Insomma, è presto capace che in un contesto come quello di Serie A tu possa presto trovarti di fronte un’Atalanta. Un bulldozer formato squadra in domenica ancor più di grazia pronto ad asfaltare ciò che si trova davanti.

Ecco, per la prima volta quest’anno il Lecce è incappato in una situazione del genere, e ne è uscito distrutto. Un ko netto sotto ogni punto di vista, che mette dei dubbi in Liverani come è normale che sia dopo prestazioni del genere. Una sconfitta che, soprattutto, deve servire da lezione ai giallorossi, che è bello facciano della ricerca del gioco il proprio modus d’essere. Ma che quando questo non è possibile devono assolutamente trovare alternative.

Quando non può essere bello, il Lecce deve imparare ad essere “cattivo”. Ci è riuscito in alcuni frangenti dei match con Torino e Spal, ma in contesti diversi perché lì si parlava di gare in cui si sono alternati momenti di gran bel gioco ad altri di sofferenza. Qui si parla di gare di assoluta sofferenza, in cui si ha di fronte un avversario capace di dominare per 80 minuti. Ecco, non è legge che questo dominio subito si debba tradurre per forza in 30 azioni subite al passivo.

Serve un undici più lottatore, più grintoso, più battagliere. Servono anche guerrieri capaci di intimorire gli avversari. Di dire “Gomez, sei un mostro di giocatore, ma oggi è meglio che giri al largo”. Non per metterla in wrestling da terza categoria, per carità. Anche perché per caratteristiche i giallorossi non ne sarebbero capaci. Ma nemmeno stendere tappeti rossi come sui tre emblematici centri atalantini, e non solo.

In conclusione, il Lecce deve imparare a farsi brutto quando c’è da esserlo. A dare l’impressione ai propri tifosi di aver lasciato ogni minima goccia di energia sul rettangolo verde. Altrimenti imbarcate del genere saranno sempre dietro l’angolo, visto il livello degli avversari. E non sempre ci sarà un Gabriel formato saracinesca pronto ad attutire il colpo.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Rispoli aspettava l’autobus!!!!????? Ma come ca@@o si fa! Sul primo gol ha fatto un errore che non si fa neanche quando si gioca all’oratorio!!!

Bar BIGGI
Bar BIGGI
9 mesi fa

LIVERANI non faccia il GUARDIOLA, neanche GUARDIOLA farebbe giocare il LECCE in quel modo così spregiudicato non avendo i calciatori adatti ,E soprattutto quando di fronte hai tre attaccanti il gioco da dietro è veramente difficile,,LIVERANI può certamente farlo quando le squadre si schierano con 1 o 2 punte,,ma la nota più stonata è insistere con il falso centravanti in questo caso Mancosu,,li in aerea ci vuole peso e forza fisica se vuoi tenere sotto pressione i due centrali di difesa, altrimenti giochi in 11 contro 13,E poi sinceramente un LECCE che giochi più coperto magari con un centrocampo NUMERICAMENTE… Leggi il resto »

Giuseppe
Giuseppe
9 mesi fa

Ci si rivolge spesso ai calciatori per richiamarli ad un impegno maggiore della serie “Come sparare sulla Croce Rossa” dimenticando che la formazione e lo schema tattico la fa l’allenatore e la Società compra i Calciatori…..

Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordo una partita...non mi ricordo quale.punizione molto oltre l'angolo sinistro ldell'area avversaria. Dalla tribuna si intravedeva uno spicchio..."

Pedro Pablo Pasculli

Ultimo commento: "Pedro Pablo.. un grande professionista.. ricordo i suoi gol.. soprattutto quello a Bari su punizione quando mancavano pochi minuti alla fine e..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Tanti sono i ricordi. I gol ..le sgroppate sulla destra..in particolare ricordo il gol al volo di destro a Cremona. Vincemmo 1-0 e fu una vittoria..."

Anselmo Bislenghi

Ultimo commento: "Nonnogol!"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Mirko, Grande evasore"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti