Resta in contatto

News

Sarri: “Leggeri e poco cattivi. Il Lecce? Peggio davanti, ma in difesa…”

L’allenatore della Juventus commenta il pareggio dei suoi al Via del Mare con lucidità e calma. C’è apprensione per l’infortunio occorso a Pjanic, mentre la situazione Higuain è sotto controllo.

“Nel finale ci siamo fatti trasportare da una partita sporca, abbiamo costruito tante palle gol poi vanificate -esordisce Sarri nelle prime dichiarazioni rese a Sky Sport- . C’è da discutere su mancanza di cattiveria sottoporta e gestione del vantaggio. Siamo stati passivi a non chiuderla sottoporta.

RONALDO. Cristiano si sentiva stanco anche mentalmente, portarlo in panchina non l’avrebbe fatto recuperare appieno. Quando un giocatore lo dice è giusto dare un turno di riposo, anche lui si sentiva il dovere di riposare. Abbiamo fatto dieci palle gol e dovevamo concretizzare.

MIGLIORAMENTI. Il vizio di leggerezza lo abbiamo avuto non concretizzando come se la partita fosse già finita. Superficialtà è una parola grossa, ma leggeri lo siamo stati. Non è che il predominio ci fa essere leggeri.

DE LIGT FALLOSO. Il rigore di oggi, vedendolo dalla panchina, sembra un movimento naturale, poi la palla è stata deviata e il braccio non era larghissimo. È difficile per un difensore riuscire a leggere certe situazioni così.

VICE PJANIC. Bentancour ha tutte le caratteristiche per essere il vice Pjanic. Migliorare sulla fase difensiva?

L’ex Napoli continua la disamina in sala stampa:

DOPO LE OCCASIONI SBAGLIATE. Parlo dei giocatori a mia disposizione, ora Mandzukic non lo è e se tornerà vedremo. Abbiamo creato tantissimo e ci sono delle cose che ci fanno riflettere. Non si possono vanificare 10 palle gol e non si può ritenere una partita chiusa solo se si crea. Bisogna fare mente locale su questo, ci è mancata la cattiveria e la gestione del vantaggio appena acquisito. Il Lecce reagiva e non eravamo passivi.

BERNARDESCHI. Nel primo tempo abbiamo creato una palla gol ogni 5’. Ha avuto le sue chance, si è mosso bene e abbiamo la responsabilità di essere caduti in una partita sporca senza tenerla pulita. Ha fallito due occasioni facili, ma non ha più responsabilità di altri.

JUVE SARRISTA? Ora alla Juve manca il fatto di buttarla dentro. La squadra ha certe caratteristiche e gioca in base ai suoi tratti. A livello di idea di gioco stiamo recependo bene, c’è buon possesso e buona circolazione. Abbiamo attaccato bene gli spazi per 60’/70’ e c’è margine di crescita in individualità. La crescita individuale aiuta poi la crescita collettiva.

PJANIC AGO DELLA BILANCIA. Il mio modo di giocare ha ruoli fondamentali. Il play è un giocatore fondamentale, lo erano Valdifiori e Jorginho. Spero che Pjanic non abbia nulla di serio, Bentancour può sostituirlo anche se non ha l’esperienza giusta e non è specializzato nel ruolo. Aspettiamo le valutazioni dei medici. 

CINISMO O CATTIVERIA. Non vorrei che questo modo di giocare dia la sensazione di essere in supremazia e la convinzione che se costruisci in automatico vinci. Noi giochiamo così per vincere ma se questo modo fa togliere la cattiveria giusta per vincere, bisogna valutare.

LECCE. Mi è sembrato ciò che ho visto nelle altre partite. Oggi sono stati meno propositivi, ma hanno fatto meglio dietro. È una squadra viva, che gioca ma concede qualcosa. Oggi hanno giocato meno del solito ma sono stati più tosti dietro

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News