Resta in contatto

Approfondimenti

Lode a voi, Ciro e Michele!

Ricorre oggi il 36°anniversario dalla morte delle due indimenticabili bandiere del Lecce, venute a mancare nel tragico incidente di Mola di Bari del 2 dicembre 1983.

Ogni 2 dicembre tutta la Lecce calcistica e non solo si stringe nel ricordo di Ciro Pezzella e Michele Lorusso. Quel giorno, i due calciatori, spaventati dal prendere l’aereo, si dirigevano verso Bari per prendere il treno e poi raggiungere il resto del gruppo a Varese. Ciro e Michele, però, trovarono maledettamente la morte nell’impatto contro un’altra auto.

Leggi qui la storia di Michele Lorusso

Lorusso (418 presenze) e Pezzella (151) vivono sempre nel cuore del popolo giallorosso. I più datati ricordano ancora le loro gesta, il loro spirito di sacrificio e il loro attaccamento alla maglia in anni difficili per la storia del Lecce. Per i più giovani, poi, i due sono bandiere storiche su cui riporre l’attaccamento ai propri colori, effigi di un calcio che non c’è più.

L’anniversario di quest’anno è reso forte anche da una piccola analogia, un nulla rispetto alla vita spezzata di due campioni, ma che fa pensare ancora che, loro, trepidino ancora da lassù per l’amato Lecce.

Il 2 dicembre di un anno fa, La Mantia segnava al minuto 35 il gol-vittoria al Cabassi di Carpi. Era il 35° anno senza Ciro e Michele e fu l’ultima partita fuori casa senza subire gol. Oggi, 365 giorni dopo, ci troviamo a raccontare un’altra importantissima vittoria in trasferta del Lecce. Il gol? Sempre di La Mantia.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Flacco Venosa, Potenza"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima un uomo, poi un allenatore come nessun' altro"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Hai perfettamente ragione"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ottima scelta quella di ingaggiare quelli tra loro che possono ancora lavorare per il Lecce, anche se piu di lavoro dovremmo chiamarla passione"
Advertisement

Altro da Approfondimenti