Resta in contatto

News

QdP – Tiribocchi: “La Mantia ha voluto restare, difendendo la sua conquista”

“Appena ha avuto l’opportunità ha lasciato il segno, già due gol in una Serie A che adesso gli appartiene. Ed il Lecce può contare su di lui anche nella massina categoria”, ha affermato l’ex attaccante giallorosso.

Simone Tiribocchi, ex attaccante del Lecce nelle stagioni 2007-09, ha commentato Fiorentina-Lecce per Dazn: queste le sue impressioni, sulla truppa giallorossa, rilasciate a Il Quotidiano di Lecce.

LA MANTIA.Io so benissimo come vivono gli attaccanti a Lecce: sono contento per La Mantia, che dopo una lunga gavetta si sta giocando per la prima volta la serie A conquistata anche con i suoi gol. Ha voluto restare, ha voluto difendere la sua conquista. Ha segnato una rete bellissima dopo una perfetta combinazione. Liverani lo aveva invitato a seguire l’azione, ma sono sicuro che lui ci sarebbe andato da solo. La Mantia ha nell’area il suo habitat naturale. Magari nella fase iniziale della gara, quando il Lecce soffriva, poteva attaccare la profondità, per alleggerire la pressione della Fiorentina, ma questo non è il suo forte. Andrea è bravissimo dentro l’area, è potente. Appena ha avuto l’opportunità ha lasciato il segno, già due gol in una serie A che adesso gli appartiene. Ed il Lecce può contare su di lui anche nella massina categoria”.

GABRIEL IN ATALANTA-LECCE.Ho commentato anche quella gara: il portiere brasiliano fu semplicemente strepitoso. All’inizio della stagione ha pagato qualche errore e gli stava nascendo intorno una diffidenza maligna. Ha avuto la forza di superarla. La serie A questa volta vuole viverla sino in fondo. La fiducia di Liverani è stata determinante. Quando trovi la stima dell’allenatore e un preparatore che ti aiuta, puoi valorizzare al meglio le tue doti. Il brasiliano ha una eccezionale reattività. Adesso si è messo all’occhiello anche la prima partita senza gol al passivo. Gabriel con Mancosu, Petriccione, Lucioni, Rossettini e Calderoni a mio avviso sono la struttura portante del Lecce”.

VERA E SHAKHOV.Il colombiano ha giocato pochissimo, non lo si può giudicare, ma si è visto che ha gamba, che è anche potente. Certo, ha ragione Liverani quando dice che, venendo da un altro calcio, deve crescere a livello europeo. L’ucraino che era ancora sembrato fuori dal coro, adesso ha cominciato a muoversi nella logica della squadra sia da interno che da trequartista. Non è facile sostituire Mancosu, a Lecce sta trovando l’ambiente ideale e un grande tecnico”.

VITTORIA AL VIA DEL MARE.So che si vive l’ansia della prima vittoria che ancora non è arrivata. Importante vivere l’attesa senza farla diventare una pressione insostenibile per la squadra. Ha ragione Liverani, è importante fare comunque punti. E poi il Lecce con il pubblico che lo segue ovunque gioca sempre in casa”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ha voluto restare? Ma che lingua è?

Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Un grande ottima visione di gioco nel centrocampo dell'epoca."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Durante una marinata da scuola x assistere agli allenamenti del LECCE, mentre i calciatori facevano riscaldamento intorno al campo, GRIDAI..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Cuore giallorosso e salentino verace. Sempre pronto a rimarcare l’amore per le sue origini e per l’US Lecce (vero Conte?). Il ritorno come..."

Pedro Pablo Pasculli

Ultimo commento: "Un sogno che speriamo ritorni con un giovane di pari valore"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Una classe cristallina"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News