Resta in contatto

Pagelle

Le pagelle del Lecce: Falco e Taba-show, Gabriel dai due volti. Poi troppi errori

Lecce-Genoa, le pagelle giallorosse: decisivi gli innesti. Majer irriconoscibile, Babacar ancora una volta bocciato.

Gabriel 6 – E’ media matematica. Da una parte la frittata da 4 che favorisce la magia di Pandev (Pinamonti offside, ma lui sbaglia interpretazione e rinvio), dall’altra la prodezza su Pinamonti che favorisce il pareggio finale. Sull’altalena

Rispoli 5 – Dalle sue parti nel primo tempo si balla in maniera incredibile, e solo per caso non arrivano marcature ospiti. Quando c’è da piazzare il cross decisivo, soprattutto nel finale, sbaglia sempre. Corsa e impegno non bastano

Lucioni 5 – Anche lui ci mette impegno, lotta su ogni pallone e non cede mai. Ma sbaglia, e tanto. Errori di posizione, ma anche e soprattutto chiusure come quella che porta al rigore su Pandev

Dell’Orco 6 – Un po’ a sorpresa il migliore della retroguardia. A sorpresa perché ne gioca una su mille ma tutto sommato si fa trovare pronto, anche fuori dal ruolo naturale.  Sbaglia qualcosa, ma molto meno dei colleghi

Calderoni 5,5 – Giornata nì. Si presente con un erroraccio in marcatura che gli costa anche una brutta botta, poi balbetta difensivamente per tutto il match. Anche davanti non è incisivo come suo solito

Majer 5 – Sarà la condizione fisica non al top, ma al rientro in campionato delude appieno. In balia degli avversari in coperta, sbaglia tanto in appoggio e anche il possibile immediato pari. Liverani lo lascia negli spogliatoi

dal 46′ Tabanelli 7 – Una prodezza di testa, il primo guizzo in Serie A, fondamentale per arrivare a un punto che lo è ancor più. Il suo ingresso cambia il match perché Majer era quasi assente. Offre centimetri importanti per garantire lotta pari con il fisico Genoa

Tachtsidis 5 – Mai visto, o quasi, un regista in maglia giallorossa sbagliare così tanti passaggi in un solo match. E non solo: chiude poco e male sulle avanzate rossoblu, prestando costantemente il fianco alle insidiose ripartenze genoane. Sufficienza che poteva essere peggiore senza un paio di verticalizzazioni illuminate

Petriccione 6 – Non si esime dal partecipare al festival degli errori firmato palleggio Lecce. Una regia irriconoscibile, ma anche lui come Dell’Orco fa la figura del fenomeno in rapporto agli altrui errori. Vicinissimo due volte al gol dalla distanza

Shakhov 5 – Passo nettamente indietro rispetto alle ultime positivissime uscite. L’ucraino ci prova, ma non beneficia della lentezza e dell’inconsistenza di una manovra leccese in giornata no. E non ha ancora il carattere per invertire queste tendenze

dal 59′ Farias 6,5 – Le sue giocate e la sua rapidità mandano definitivamente in crisi la retroguardia genoana. Ogni volta che tocca palla è un pericolo per gli avversari. Peccato solo per un’ottima occasione con palla a mezza altezza sparacchiata in curva da ottima posizione causa pretenziosa demi-volé

La Mantia 5,5 – Di fianco a Babacar fa un figurone, ma ci riuscirebbe chiunque. In realtà sbaglia tanto, soprattutto facili sponde per i compagni come quella da tre punti potenziali nel finale di match. Si avvicina alla sufficienza per l’attaccamento alla maglia dimostrato in ogni minuto di gioco

Babacar 4 – Altra bocciatura, certamente la più grave. Poco più di un tempo per dimostrare qualcosa, quantomeno un minimo di utilità alla causa, poi Liverani non ne può più e lo richiama in panchina. Spreca quasi tutti i palloni a tiro, favorendo il Genoa nei suoi momenti di maggior verve

dal 51′ Falco 7,5 – Due magie che fanno esplodere il Via del Mare. Si presenta così al ritorno dopo l’assenza per infortunio, ovvero con un siluro nel sette da chiamata diretta in Nazionale e con un cross chirurgico per la testa-gol di Tabanelli. E poteva anche fare di più nel finale se meglio assistito

All. Liverani 6,5 – Nella prima frazione se non abbiamo assistito al peggior Lecce dell’anno poco ci è mancato. L’intervallo basta al tecnico per rimettere tutto a posto, poi altre due cambi e i giallorossi danno spettacolo, conquistando un punto che sa quasi amaro. Il Lecce dimostra, ancora una volta, di esserci

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Perfavore Ulivieri non farebbe panchina neanche in una squadra di serie C"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Pagelle