Resta in contatto

Approfondimenti

Deluso, in crisi ma con vista ancora sull’Europa. Torino e Mazzarri alla ricerca di punti vitali

I granata in estate hanno trattenuto i propri gioielli, dopo l’ottimo campionato precedente, per puntare al salto di qualità. Questo sino ad oggi non è avvenuto, e ora la panchina traballa.

Quella di domenica al Via del Mare sarà una sfida tra squadre in difficoltà e che vengono da un periodo non esaltante. Il Lecce ospita infatti il Torino, reduce da tre ko di fila tra Serie A e Coppa Italia e che cerca disperatamente di ritrovare sé stesso. Tant’è che ora quella di Walter Mazzarri è tra le panchine più sotto osservazione della Serie A.

Eppure la classifica non sarebbe, in teoria, così malvagia. I granata condividono il decimo posto assieme a Napoli e Bologna, a -4 dall’Europa League diretta rappresentata dal sesto posto. La pratica però parla di una squadra non in linea con le aspettative di inizio stagione, che ha già sommato dieci ko alcuni di questi molto pesanti come il poker in casa Lazio o lo 0-7 clamoroso con l’Atalanta. Nulla a che vedere, appunto, con le premesse estive.

Nel precampionato il presidente Urbano Cairo aveva sudato per trattenere i suoi gioielli. Belotti, N’Koulou, Meitè, Baselli, Izzo avevano diverse richieste, ma il Torino ha deciso di puntare sul collettivo che l’anno prima con Mazzarri aveva addirittura accarezzato il sogno Champions. Dopo l’avvio illusorio, la sconfitta interna proprio con il Lecce ha riportato tutti sulla terra, dimostrando che questa squadra non è ancora pronta per il salto di qualità.

Belotti e compagni si sono così stabilizzati a metà classifica, e hanno approcciato il 2020 non certo con il piede giusto salutando l’obiettivo Tim Cup e subendo sconfitte brucianti con Sassuolo e Atalanta. Vanificata di conseguenza, quindi, la prestigiosa vittoria in casa Roma. E non va certo meglio sotto il profilo delle prestazioni, dal momento che la squadra crea poco, con appena 26 gol all’attivo, e subisce ben più che in passato.

Gli infortuni di Ansaldi, Baselli e Zaza, il dissidio di inizio stagione con N’Koulou, le deludenti prove di Verdi hanno fatto il resto. E ora Mazzarri, che dal mercato invernale non ha beneficiato di grossi innesti, è sulla graticola. Una sconfitta a Lecce gli costerebbe sicuramente il posto, minando pesantemente le speranze europee dell’inizialmente ambizioso Torino.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Con olivieri in campo giochiamo sempre con un uomo in meno io da profano me ne sono accorto come mai i responsabili non riescono a vedere"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Hai perfettamente ragione"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Classico di chi non sa argomentare, girarla sul piano personale. Il tuo? Solo pregiudizio e necessità di sentirsi duro e puro senza averne fisiologia..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ottima scelta quella di ingaggiare quelli tra loro che possono ancora lavorare per il Lecce, anche se piu di lavoro dovremmo chiamarla passione"
Advertisement

Altro da Approfondimenti