Resta in contatto

News

Bleve rilanciato dal giallorosso di Catanzaro: “Ho avuto un grande avvio e poi…”

Il portiere leccese è on fire al Ceravolo. La stampa catanzarese ne tesse le lodi dopo un campionato tribolato dal punto di vista dei numeri 1 a seguito dell’infortunio di Di Gennaro.

Marco Bleve ha trovato un’altra fortuna…giallorossa. Il ragazzo del quartiere Casermette, originariamente terzo dietro Gabriel e Vigorito, ha deciso di rimettersi in gioco nel calciomercato di gennaio, accettando l’offerta del Catanzaro, impegnato in Serie C, che lo ha accolto in prestito.

Dietro alla scelta c’è anche la necessità delle Aquile del Sud, rimaste improvvisamente senza il principale guardiano dei pali e, al fotofinish della sessione invernale, orientate su Marco Bleve, che commenta così la trattativa nella sua prima conferenza stampa calabrese: Ero in trattativa con un’altra squadra, una probabile diretta concorrente del Girone C. Verso le 11 del venerdì sera mi ha chiamato il mister. Una chiacchierata veloce conclusa con i documenti mandati. Last minute. Catanzaro è un’occasione per il mio futuro per ritornare in categorie superiori. Vediamo se riusciamo a fare questo sforzo importante già qui”.

SUPERMAN. Bleve si sta facendo apprezzare per prestazioni definite “sostanzialmente perfette”, senza voli scenici e con parate pulite. Colpisce anche la facilità del gioco coi piedi, utile per le squadre che impostano le proprie azioni dal basso. Il pareggio con la Casertana di domenica scorsa, con Bleve alla quarta presenza, è coinciso con la prima non vittoria. Prima dell’1-1 casalingo, infatti, il Catanzaro ha vinto con Rieti, Viterbese e Sicula Leonzio.

PARATE. Non sarà arrivata la quarta vittoria, ma la partita con la Casertana ha celebrato ancor di più l’ottimo momento del portiere salentino. Un’intuizione su Zhivkov al 65′ ha tenuto a galla i giallorossi calabresi, ma, secondo Bleve, la parata più difficile è stata un’altra: “Grazie a Dio ho avuto un ottimo avvio. La squadra ha girato bene a livello di punti e prestazioni, che viene prima del singolo. Se la squadra va bene gioco bene anche io. Domenica eravamo sottotono e poi ci siamo ripresi. Non abbiamo centrato la vittoria ma stiamo recuperando i punti persi. Io il migliore in campo? Così scrivono (ride), ma va esaltata la squadra. L’intervento più difficile è stato quello su Tascone. Il suo tiro, reso ostico anche dalla leggerezza dei nuovi palloni, mi ha costretto a un salvataggio ‘sporco’“.

L’ENTUSIASMO A LECCE E L’ARIA DI CATANZARO. Bleve poi cerca delle analogie tra la casa madre e la nuova maglia: “Lecce sta vivendo due annate importanti, sia a livello calcistico sia fuori dal campo. Secondo me, dopo Lecce, Salerno, Bari e Reggio s’inserisce il Catanzaro. Sono piazza che vivono di calcio. Iniziano ad arrivare più spettatori sui gradoni e in città ricevo affetto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News