Resta in contatto

News

Falsini: “Sono rimasto sconvolto da come marcano Lucioni e Donati”

Nel corso di Stadio Aperto, su TMW Radio, l’ex difensore ha commentato, tra le altre cose, anche la prestazione della retroguardia giallorossa nel corso di Lecce-Atalanta.

MARCATURA A ZONA SUGLI ANGOLI? Si marca a zona perché le regole facilitano gli attaccanti, per evitare trattenute e sbilanciamenti da cui si rischierebbe un rigore. Ad esempio la posizione di Rossettini in Lecce-Atalanta è troppo aperta, ha dato a Zapata troppe chance. Chiaro che se marchi un giocatore come Duvan devi concedere, ma gli dai un pallone sopra la tua testa. Sono rimasto più sconvolto dalla lettura dei giocatori del Lecce, in particolare Lucioni e Donati, sulle giocate di Zapata che ha avuto totalmente vita facile con gli stessi movimenti. Clamoroso vedere due difensori marcare così a uomo”.

SI GUARDA IL PALLONE E NON L’AVVERSARIO. Ho cercato di insegnare, nei miei anni nel settore giovanile, che il difensore deve dare uno sguardo al pallone e col corpo sentire il movimento dell’attaccante. La postura del corpo è fondamentale, la tendenza di una punta forte come Zapata è agganciarsi al difensore, in quel caso Rossettini. Mi hanno sempre insegnato che quando marchi un giocatore più forte fisicamente non devi avvicinarti troppo, perché a quel punto ti ha già preso un metro davanti in anticipo”.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News