Resta in contatto

Approfondimenti

La Champions ai piedi di Ilicic: quell’incrocio che lo avrebbe portato a Lecce…

L’Atalanta ha conquistato per la prima volta lo storico piazzamento nei quarti di Champions League. Ieri, dopo il 4-1 dell’andata sul Valencia, è giunto il 3-4 al Mestalla. Lo sloveno ha siglato il poker di gol neroazzurri. Nel 2010, ai tempi del Maribor, si poteva prospettare un futuro giallorosso.

Josip Ilicic è ormai un campione di livello europeo. Il poker di reti messo a segno nella gara di ritorno tra Valencia e Atalanta regala una nottata storica alla città di Bergamo, falcidiata come tutta l’Italia dall’emergenza coronavirus, che ha gioito da casa per la sua squadra, tra le otto più grandi d’Europa.

L’ascesa del 72 partì dal 2010. Per 80mila euro il Maribor, compagine più blasonata di Slovenia, lo prelevò dall’Interblock Ljubljana, afflitta da problemi finanziari. Al Maribor, Ilicic, rimase pochissimo, ma per sua fortuna il motivo fu un biglietto di sola andata per la Serie A. Nell’estate del 2010 i gialloviola balcanici incontrarono il Palermo nei preliminari di Europa League, dopo aver eliminato Videoton e Hibernian.

Il 19 agosto 2010, al Barbera, i rosanero vinsero 3-0, ma molti misero gli occhi su quel giovane esterno sinistro sloveno col numero 27, che nella gara di ritorno segnò anche uno dei tre gol utili a fissare il 3-2 per il Maribor.

Il trait d’union tra Ilicic e il Lecce sarebbe dovuto essere Fabrizio Miccoli, all’epoca capitano del Palermo. Il Romario del Salento, indisponibile nella partita con il Maribor, seguì la gara dietro uno dei pannelli pubblicitari della Curva Sud insieme a Giovanni Tedesco, allora nuovo team manager: “A dieci minuti dalla fine della partita di andata con il Maribor ero nello spogliatoio insieme a Tedesco – ha raccontato Fabrizio Miccoli a mediagole gli dico: forte questo Ilicic, quasi quasi lo consiglio al Lecce. Neanche il tempo di finire la frase che arriva Zamparini alle nostre spalle e dice: l’ho già preso io”.

Dichiarazioni simili furono rese anche a Sky Sport dallo stesso Miccoli: “Quando abbiamo giocato la partita contro il Maribor vidi giocare Ilicic. Fece una grande partita e dissi a Tedesco che avrei voluto consigliare a Semeraro di prendere al Lecce quel giocatore. Spuntò Zamparini alle spalle e mi disse non lo consigli a nessuno, l’ho già preso io. Per dire che mi è piaciuto subito. Zamparini è una grande persona, con me si è sempre comportato bene”.

La scheda sui numeri di Ilicic curata dai colleghi di CalcioAtalanta dopo l’exploit di ieri

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti