Resta in contatto

News

Torna a parlare Saraniti: “A Vicenza come in Serie A. Il virus? Sto già meglio. Stiamo a casa”

L’attaccante di proprietà del Lecce, in prestito al club berico, ha parlato in una diretta Instagram organizzata con il compagno Matteo Grandi.

Andrea Saraniti ha raccontato la sua quotidianità attraverso i canali social del Vicenza. Ecco le sue parole.

VIRUS. “A parte questo piccolo intoppo della quarantena forzata che è una cosa che passerà e già ora sto meglio, siamo noi a dover dare una mano a tutta l’Italia. Nessuno è immune da questo virus purtroppo, si prende punto e basta, perciò state a casa. Io ci sono passato solo per un breve periodo per fortuna, ma stiamo a casa. Aiutiamo chi ci sta aiutando”.

ALLENAMENTO A CASA. “Abbiamo svariati programmi, ci teniamo in forma sia mentalmente che fisicamente, dobbiamo farci trovare pronti. Io sono fortunato ad avere una casa con il giardino, così lo posso sfruttare, ci aveva visto lungo mia moglie a inizio stagione”.

ARIA A VICENZA. “Sono stato accolto bene, sia io sia mia moglie. Mi sto trovando benissimo, a parte questo piccolo problema. Ho notato subito l’importanza di questo gruppo, fin dal primo giorno del mio arrivo qui. Spero di poter rivedere presto tutti e spero che seguendo le istituzioni e facendo ciò che ci è stato chiesto, le cose possano cambiare, per poter ritornare a giocare a dare una gioia a chi ci segue. Ci facciamo trovare pronti, anche mentalmente”.

NOI CALCIATORI? PRIVILEGIATI. “E’ davvero difficile stare a casa, noi siamo dei privilegiati perché lavoriamo 2 ore, 2 ore e mezza al giorno e quindi possiamo passare tanto tempo con i nostri cari. A noi non poter andare al campo, al Menti e giocare ci sta veramente stressando: abbiamo una tifoseria che ci sta sempre vicino perché sente che tutti stiamo dando l’anima, sia la squadra che la società. Renzo Rosso? Qui sembra di stare in Serie A, la società non ci fa mancare nulla”.

IDOLI D’INFANZIA. “Uno dei miei idoli è stato Caracciolo, lo seguivo soprattutto quando stavo nei dilettati, quando lo vidi giocare al Barbera, nonostante l’annata non ottimale, si è visto che era un gran giocatore e nella sua carriera l’ha dimostrato. Tra quelli più famosi sicuramente Ibrahimovic, poi è un personaggio, lo seguo molto, è proprio così nella sua vita di tutti i giorni”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News